Ur­ba­niz­za­zio­ne e sa­lu­te / II par­te

Costozero - - Sommario - Giu­sep­pe Fa­ta­ti Pre­si­den­te Fon­da­zio­ne ADI As­so­cia­zio­ne Ita­lia­na di Die­te­ti­ca e Nu­tri­zio­ne Clinica

di G. Fa­ta­ti

CCi­ties Chan­ging Dia­be­tes è un pro­gram­ma che do­vreb­be in­di­vi­dua­re, in ogni sin­go­la real­tà cit­ta­di­na, le azio­ni da pro­muo­ve­re per evi­ta­re di­spa­ri­tà e con­sen­ti­re a tut­ti di go­de­re una vi­ta in sa­lu­te co­me be­ne co­mu­ne

Le cit­tà oggi non sono solo mo­to­ri eco­no­mi­ci per i Pae­si, ma cen­tri di in­no­va­zio­ne chia­ma­ti an­che a ge­sti­re e ri­spon­de­re alle dram­ma­ti­che tran­si­zio­ni de­mo­gra­fi­che ed epi­de­mio­lo­gi­che in at­to. Si sta ve­nen­do a crea­re un nuo­vo mo­del­lo di wel­fa­re ur­ba­no, ov­ve­ro si sta pas­san­do da un si­ste­ma di wel­fa­re state a un si­ste­ma di wel­fa­re lo­cal. La sfi­da prin­ci­pa­le è quel­la che ve­de le au­to­ri­tà sa­ni­ta­rie di tut­to il mon­do im­pe­gna­te nel con­tra­sta­re l'evo­lu­zio­ne del­le co­sid­det­te ma­lat­tie non Tra­smis­si­bi­li (NCDs) e, tra que­ste, il dia­be­te ri­ve­ste un ruo­lo par­ti­co­la­re poi­ché può ri­ve­lar­si la più grande epi­de­mia del­la sto­ria uma­na. Se­con­do l'In­ter­na­tio­nal Dia­be­tes Fe­de­ra­tion (IDF), nel 2013 più di 382 milioni di per­so­ne in tut­to il mon­do sof­fri­va­no di dia­be­te, dia­gno­sti­ca­to o me­no. En­tro il 2035, que­sto nu­me­ro sa­li­rà a 592 milioni. Nel­le gran­di cit­tà ri­sie­do­no la gran par­te del­le per­so­ne con dia­be­te Ti­po 2 e le sti­me at­tua­li ci in­di­ca­no co­me que­sto fe­no­me­no in­te­res­si ol­tre due per­so­ne con dia­be­te non in­su­li­no­di­pen­den­te (ti­po 2) su tre. Se­con­do i da­ti dell'In­ter­na­tio­nal Dia­be­tes Fe­de­ra­tion (IDF), nel mon­do, sono 246 milioni (65%), co­lo­ro che han­no ri­ce­vu­to una dia­gno­si di Dia­be­te di Ti­po 2 e abi­ta­no nei cen­tri ur­ba­ni, ri­spet­to ai 136 milioni del­le aree ru­ra­li. Nel 2035 si sti­ma che rag­giun­ge­ran­no il 70% le per­so­ne con dia­be­te nel­le cit­tà: 347 milioni ri­spet­to ai 147 che abi­te­ran­no fuo­ri dai gran­di cen­tri abi­ta­ti. Sem­bra che le cit­tà sia­no ca­ta­liz­za­tri­ci per il dia­be­te: chi si spo­sta in cit­tà ha in­fat­ti mag­gior probabilità di svi­lup­pa­re la ma­lat­tia ri­spet­to a chi ri­ma­ne fuo­ri dai gran­di cen­tri. È as­so­lu­ta­men­te ne­ces­sa­rio crea­re una road­map su ur­ba­niz­za­zio­ne e sa­lu­te che pren­da in esa­me co­me l'ur­ba­niz­za­zio­ne por­ti a una sem­pre mag­gio­re espo­si­zio­ne dei cit­ta­di­ni a fat­to­ri am­bien­ta­li (ad esem­pio l'in­qui­na­men­to dell'aria, ac­qua, acu­sti­co e a dif­fi­col­tà de­ri­van­ti da igie­ne del­le stra­de, smal­ti­men­to del­le ac­que re­flue e dei ri­fiu­ti, ecc.) e, quin­di, a dif­fe­ren­ti fat­to­ri di ri­schio per la sa­lu­te. Stu­di re­cen­ti di­mo­stra­no co­me vi sia una stret­ta cor­re­la­zio­ne tra aspet­ti bio-ge­ne­ti­ci, sti­li di vi­ta in­di­vi­dua­li e am­bien­te nel qua­le vi­via­mo. Sono fat­to­ri che deb­bo­no essere in­ve­sti­ga­ti con me­to­di­ci­tà e iden­ti­fi­ca­no i mo­ti­vi del­le dif­fe­ren­ti si­tua­zio­ni tra le cit­tà e, all'in­ter­no del­le stes­se, nei sin­go­li quar­tie­ri. Da que­sti pre­sup­po­sti na­sce Ci­ties Chan­ging Dia­be­tes, un pro­gram­ma vol­to a far fron­te alla sfi­da che il dia­be­te po­ne nei gran­di cen­tri abi­ta­ti. Par­ti­to da Cit­tà del Messico, Co­pe­na­ghen, Shan­ghai, Tia­n­jin, Van­cou­ver, Hou­ston, nel 2017 ha vi­sto coin­vol­ta Roma. La road­map do­vreb­be in­di­vi­dua­re, in ogni sin­go­la real­tà cit­ta­di­na, le azio­ni da pro­muo­ve­re per evi­ta­re di­spa­ri­tà e con­sen­ti­re a ogni cit­ta­di­no di go­de­re una vi­ta in sa­lu­te co­me be­ne co­mu­ne e mo­to­re di svi­lup­po e ric­chez­za di tut­ti. Gli Am­mi­ni­stra­to­ri, e in par­ti­co­la­re i Sin­da­ci, do­vran­no guar­da­re alla sem­pre mag­gio­re ur­ba­niz­za­zio­ne in ter­mi­ni nuo­vi, com­pren­den­do che il ca­ri­co di di­sa­bi­li­tà che le ma­lat­tie cro­ni­che por­ta­no con sé in­ci­de­rà sul­lo svi­lup­po e sulla so­ste­ni­bi­li­tà del­le cit­tà da es­si go­ver­na­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.