Il ca­deau più bel­lo

Dove - - Idee Sotto L’albero Controcorrente - Di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni

Se c’è qual­co­sa che non è più cool so­no le grif­fe, i viag­gi in co­mi­ti­ve pre­or­ga­niz­za­te, i cen­tri com­mer­cia­li, tut­to quan­to ci fa sen­ti­re nu­me­ri, greg­ge do­ta­to di car­ta di cre­di­to. Dal mo­men­to che ogni cam­po del­la no­stra esi­sten­za è de­li­mi­ta­to da una re­go­la, da una nor­ma, una tas­sa, un di­vie­to, al­me­no nel cam­po dei re­ga­li vor­rem­mo tor­na­re al­le sor­pre­se, agli og­get­ti che so­no fatti so­lo per noi e sfug­go­no a un cli­ché. Un mio ami­co scrit­to­re, Pier­san­dro Pal­la­vi­ci­ni, pub­bli­ca i suoi ro­man­zi con l’edi­to­re Fel­tri­nel­li. Ma per una cer­chia di for­tu­na­ti in­ti­mi, scri­ve dei rac­con­ti che poi fa stam­pa­re su una car­ta di pre­gio e ri­le­ga per­so­nal­men­te a ma­no, uti­liz­zan­do un car­ton­ci­no con de­co­ri geo­me­tri­ci che ri­man­da al tem­po in cui i li­bri era­no ri­te­nu­ti qual­co­sa di co­sì pre­zio­so, da non ro­vi­na­re, che si usa­va ri­ve­stir­li su­bi­to do­po aver­li com­pra­ti. Pier­san­dro as­se­gna un nu­me­ro a ognu­na del­le ot­tan­ta co­pie pro­dot­te, e te lo spe­di­sce con una de­di­ca. Inu­ti­le di­re che i suoi rac­con­ti so­no mol­to bel­li, ma l’idea che sia­no con­fe­zio­na­ti so­lo per te, a ma­no, im­pri­me lo­ro un alo­ne mi­ti­co. La set­ti­ma­na scor­sa, a Lon­dra, ho no­ta­to che i ne­go­zi più bel­li han­no un cor­ner ar­ti­gia­na­le, che per­so­na­liz­za il pro­dot­to in ven­di­ta. Per esem­pio nel­la me­ra­vi­glio­sa li­bre­ria As­sou­li­ne di fron­te al­la Royal Gal­le­ry, un ra­gaz­zo ita­lia­no (so­no tut­ti ita­lia­ni, a Lon­dra), su ri­chie­sta ri­le­ga in pel­le i vo­lu­mi che ac­qui­sta­te. E ac­can­to al­la Whi­te Cu­be Gal­le­ry, c’è il bel ne­go­zio-gal­le­ria di Pe­ter Lay­ton, un de­si­gner di og­get­ti in ve­tro. Sul fon­do del ne­go­zio, per la gio­ia dei clien­ti, una cop­pia di gio­va­ni ar­ti­gia­ni for­gia, sof­fa, in­for­na e vi dà l’eb­brez­za di ac­qui­sta­re un pro­dot­to per­so­na­liz­za­to, sul­la ba­se del­lo stan­dard che ve­de­te espo­sto nel­la gal­le­ria. Che fos­se il mo­men­to dell’ar­ti­gia­na­to, del “su mi­su­ra”, l’ha ca­pi­to da tem­po an­che To­ni­no Ca­ca­ce, pro­prie­ta­rio dell’ele­gan­te al­ber­go Ca­pri Pa­la­ce, ad Ana­ca­pri, e del sot­to­stan­te gran­dis­si­mo ne­go­zio che un tem­po ven­de­va so­lo grif­fe, quel­le stes­se che or­mai tro­vi in ogni ae­ro­por­to, in ogni quar­tie­re cen­tra­le di me­ga­lo­po­li, da ogni ri­ven­di­to­re on­li­ne. Ca­ca­ce ha quin­di ri­con­ver­ti­to il suo fre­quen­ta­tis­si­mo ne­go­zio in un en­sem­ble di ar­ti­gia­ni, che una vol­ta pre­se le mi­su­re pro­du­ce in po­che ore san­da­li, scar­pe, ma­glio­ni, ca­mi­cie, in ma­te­ria­li pre­gia­ti. Un al­tro bel regalo fa­re e da ri­ce­ve­re è quel­lo del­la car­ta da let­te­re e dei bloc no­tes in­te­sta­ti: in tempi di ano­ni­me mail si spe­ra sem­pre che qual­cu­no tor­ni a scri­ver­ci let­te­re o man­dar­ci ap­pun­ti che vor­re­mo con­ser­va­re in un cas­set­to, e non but­ta­re pri­ma che qual­che ma­lin­ten­zio­na­to ci svuo­ti la ca­sel­la del­la po­sta, co­me è suc­ces­so nell’ul­ti­mo an­no a tan­ti pos­ses­so­ri di ac­count ya­hoo o gmail. Re­ga­li co­sì, tay­lor ma­de, è bel­lo ri­ce­ver­li ma an­cor più im­ma­gi­nar­li e far­li. Dan­no lo stes­so ge­ne­re di gra­ti­f­ca­zio­ne che si pro­va cu­ci­nan­do per gli ami­ci an­zi­ché com­pran­do tut­to dal ro­stic­cie­re, nel­le va­schet­te di pla­sti­ca e sta­gno­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.