IL bUEn RE­TI­RO dELL’ESTA­TE

Dove - - In Casa E Piu Comodo -

ci si ri­fu­gia a Vil­la Avra, una bel­la vil­la che ab­brac­cia la ba­ia di Pa­ri­kia, con pi­sci­na, terrazze per ce­na­re all’aper­to e cin­que ca­me­re da di­vi­de­re con amici e bam­bi­ni.

An­ti­pa­ros, di fron­te, fno a una de­ci­na di an­ni fa un ere­mo per po­chi, si è tol­ta i pan­ni di un pas­sa­to contadino e ha con­qui­sta­to tutti con la sua mo­der­ni­tà. Ar­chi­tet­ti e designer han­no ri­di­se­gna­to, sal­va­guar­dan­do­li, pen­dii, de­cli­vi, an­frat­ti, fa­cen­do na­sce­re di­mo­re so­ste­ni­bi­li, con sba­lor­di­ti­vi af­fac­ci sul­la co­sta, pa­tii inon­da­ti di lu­ce e pi­sci­ne a sfo­ro che sem­bra­no sci­vo­la­re nell’egeo. do­ve ri­tro­va­re se stes­si e un’ar­mo­nia con la na­tu­ra. Mol­te case si tro­va­no vi­ci­no al­la lin­gua di sab­bia di So­ros, tra le più bel­le. C’è una coffee house, So­ros Bea­ch, per spun­ti­ni e cock­tail. da qui un sentiero rag­giun­ge Vil­la Sloa­ne, ele­gan­te, con ele­men­ti di de­si­gn, ve­ran­de om­breg­gia­te, di­va­ni in vi­mi­ni sul­le terrazze e un giar­di­no che sci­vo­la ver­so la co­sta. Sem­pre nell’area si apre Vil­la Si­mo­ne, per gran­di fa­mi­glie: tan­te pian­te, li­mo­ni, me­lo­gra­ni, ce­spu­gli di la­van­da, an­che at­tor­no al­la pi­sci­na. Si pre­no­ta­no per l’esta­te an­che Vil­la Co­ral, Vil­la Ti­ma­ri, Vil­la Za­phir, con giardini cu­ra­tis­si­mi, pa­tii af­fac­cia­ti sul­la co­sta or­la­ta da roc­ce, lin­gue di sab­bia, an­frat­ti do­ve nuo­ta­re in­di­stur­ba­ti. La pi­sci­na è un plus, ci si immerge al mat­ti­no pre­sto o al tra­mon­to, un toc­ca­sa­na. Ma­gni­f­ca la vi­sta che si go­de da Vil­la Ella. Qui la mon­da­ni­tà è ri­tro­var­si tutti as­sie­me la se­ra at­tor­no a gri­glia­te di pesce ri­mi­ran­do le stelle, un’emo­zio­ne ogni not­te. Tutt’al più si fa un salto in pae­se, con caf­fè e in­se­gne che in­vi­ta­no all’ul­ti­mo cock­tail. o si va a caccia di ta­ver­ne ru­span­ti: da Pe­ri­ghia­li, per esem­pio, si or­di­na­no ver­du­re dell’or­to e pol­lo al li­mo­ne; Si­nio­ris è un’isti­tu­zio­ne. Sul­la co­sta orien­ta­le, Apa­di­ma è una bel­la spiag­gia di sab­bia e sas­si e tan­te ta­me­ri­ci a far da om­bra. È a po­chi mi­nu­ti di cam­mi­no da Vil­la Diz­zy, lus­suo­sa, di­vi­sa in tre unità do­ve il de­si­gn e il bianco bril­lan­te esal­ta­no gli spa­zi. Si vi­ve a pie­di scal­zi, con pareo e cap­pel­lo di pa­glia. La tec­no­lo­gia, pe­rò, è sem­pre a por­ta­ta di ma­no. Per chia­ma­re gli amici e av­vi­sa­re i ca­pi­ta­ni dei caic­chi: ogni mat­ti­na si sal­pa ver­so le spiag­ge e la gran­de an­sa, in­vi­si­bi­le dal ma­re, dell’iso­lot­to di De­spo­ti­ko, l’an­ti­ca Pre­pe­sin­thos ci­ta­ta da Stra­bo­ne e Pli­nio il vec­chio. Si ap­pro­da qui in po­chi mi­nu­ti dal mo­let­to di Aghios Geor­gios, la meta gior­na­lie­ra, per i ba­gni di so­le. Le ta­ver­ne non cam­bia­no mai, qui so­no una ga­ran­zia: per­go­la­ti con­su­ma­ti dal so­le, se­die im­pa­glia­te e vas­soi gron­dan­ti di pol­po al­la bra­ce. Pi­pi­nos è lì da sem­pre. Pesce fre­schis­si­mo an­che da Akro­gia­li, ac­can­to. Non lon­ta­no, l’ac­co­glien­te resort Olie­ros, con un giar­di­no fre­schis­si­mo, e Vil­la Bil­lie, sul ma­re, con sen­tie­ri tra i ce­spu­gli che por­ta­no giù, al­la spiag­get­ta do­ve nuo­ta­re lon­ta­no da tutti. Il lus­so del­la sem­pli­ci­tà come ri­cet­ta vin­cen­te? Cer­to è che al tra­mon­to si fa la fla per se­der­si da Pi­pi­nos e nel­le al­tre ta­ver­ne: la lu­ce che si spe­gne tra le roc­ce di de­spo­ti­ko è una ma­gia che ri­ge­ne­ra. 1. Le vec­chie case del Ka­stro, nel vil­lag­gio di An­ti­pa­ros. 2. Uno de­gli ap­par­ta­men­ti nel verde di Gla­ros Stu­dios, a die­ci a mi­nu­ti di cam­mi­no dal ca­po­luo­go. 3-4. L'ar­chi­tet­tu­ra di Vil­la Sloa­ne è nel­la tra­di­zio­ne ci­cla­di­ca: mu­ri ti­ra­ti a cal­ce, per­go­la­to fat­to a ma­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.