MODA

La moda ha tra­sfor­ma­to In­ter­net e i so­cial net­work in un'i per-la­va­gna per i suoi mes­sag­gi e ha tro­va­to nel­la re­te un ter­re­no per la sua con­ti­nua ri­cer­ca. Ma se la fo­to par­la da so­la, non sem­pre ri­co­no­sce­re vuol di­re sa­pe­re...

Dove - - Sumario - di MI­CHE­LE CIA­VA­REL­LA

La forza del­la vi­sio­ne. La moda ha tra­sfor­ma­to In­ter­net e i so­cial in un’iper­la­va­gna per i suoi mes­sag­gi

La pre­va­len­za dell’im­ma­gi­ne sul­la pa­ro­la scrit­ta è un da­to di fat­to che ri­guar­da la sto­ria dell’uma­ni­tà. Pri­ma dell’in­ven­zio­ne dell’al­fa­be­to, di qual­sia­si al­fa­be­to, gli uo­mi­ni l’han­no usa­ta per rac­con­ta­re la lo­ro vi­ta quo­ti­dia­na, per il­lu­stra­re la lo­ro idea de­gli dei e de­gli idoli, per la­scia­re il se­gno del­la lo­ro pre­sen­za. L’esi­gen­za di scri­ve­re è ar­ri­va­ta do­po, l’han­no in­ven­ta­ta gli ebrei nell’età pre-patriarcale per tra­man­da­re le lo­ro leg­gi, so­prat­tut­to. Og­gi, do­po mil­len­ni di pre­va­len­za del­la pa­ro­la, ci si in­ter­ro­ga sul per­ché si è pas­sa­ti a quel­la del­la co­mu­ni­ca­zio­ne at­tra­ver­so l’im­ma­gi­ne che viag­gia a rit­mi in­de­scri­vi­bi­li nel­la re­te vir­tua­le, vei­co­la­ta da quei sup­por­ti fa­vo­lo­sa­men­te mu­te­vo­li che so­no i de­vi­ce elet­tro­ni­ci, pro­dot­ti di quel­la tec­no­lo­gia ter­ri­bil­men­te pri­va di pa­ro­le, ma me­ra­vi­glio­sa­men­te ric­ca di sim­bo­li. E i sim­bo­li so­no im­ma­gi­ni, co­me ri­ve­la­no gli emo­ji e gli emo­ti­con con i qua­li com­po­nia­mo, or­mai, la mag­gior par­te dei no­stri mes­sag­gi di te­sto riu­scen­do a tra­sfe­ri­re in­for­ma­zio­ni ed emo­zio­ni. Ma no, non è di In­ter­net, e di tut­to quel­lo che è col­le---

L’im­ma­gi­ne è un lin­guag­gio in­di­pen­den­te che ha sco­per­to il mo­do per tra­scen­de­re i li­mi­ti di una lin­gua

ga­to, la col­pa (e nean­che il me­ri­to) di que­sta tutt’al­tro che re­cen­te mu­ta­zio­ne del­la co­mu­ni­ca­zio­ne. In­ter­net, co­me la te­le­fo­nia mo­bi­le con i suoi short mes­sa­ge e le sue chat, è so­lo il mez­zo che espri­me la forza del­la po­ten­za dell’im­ma­gi­ne che, fi­nal­men­te, può par­la­re in di­ret­ta. Del re­sto, qual­che se­co­lo fa la stes­sa co­sa è av­ve­nu­ta al­la pa­ro­la, con il te­le­gra­fo e con la ra­dio. E poi con la te­le­vi­sio­ne che, per pri­ma, ha uni­to in­sie­me la dif­fu­sio­ne ve­lo­ce del­la pa­ro­la e dell’im­ma­gi­ne.

UNA LIN­GUA NUO­VA

L’ef­fet­to che scon­vol­ge chi si pre­oc­cu­pa del­la pre­va­len­za dell’im­ma­gi­ne nel­la co­mu­ni­ca­zio­ne e nel­la dif­fu­sio­ne del pen­sie­ro sta tut­to nel lin­guag­gio che, cam­bian­do, al­lar­ma più i ben­pen­san­ti che i lin­gui­sti. Og­gi l’im­ma­gi­ne è un lin­guag­gio in­di­pen­den­te che ha sco­per­to il mo­do per tra­scen­de­re i li­mi­ti di una lin­gua e rie­sce a co­mu­ni­ca­re al­lo stes­so mo­do in tut­to il mon­do. La po­ten­za di una fo­to­gra­fia, di un se­gno, di un sim­bo­lo sta nel­la sua com­pren­si­bi­li­tà uni­ver­sa­le. Se so­lo si os­ser­va la com­po­si­zio­ne lin­gui­sti­ca di uno short mes­sa­ge, si può com­pren­de­re co­me la com­bi­na­zio­ne di fac­ci­ne sor­ri­den­ti al­ter­na­te a quel­le con gli oc­chi a cuo­re co­strui­sce un lin­guag­gio, sia pu­re ru­di­men­ta­le, che su­pe­ra qual­sia­si bar­rie­ra lin­gui­sti­ca, an­che quel­la dei tan­ti slang uti­liz­za­ti fi­no a qual­che gior­no fa. Per esem­pio, di­ce di più una fac­ci­na con gli oc­chi a cuo­re che lol, l’an­ti­co acro­ni­mo di lot of lo­ve (che pe­rò era già un er­ro­re per­ché in real­tà, nel­lo slang an­glo­sas­so­ne, na­sce co­me ab­bre­via­zio­ne di lot of laughs, un sac­co di ri­sa­te).

COR­TO­CIR­CUI­TO NEL­LA RE­TE

L’im­ma­gi­ne, al­lo­ra, è un mo­do di co­mu­ni­ca­re che evi­ta gli equi­vo­ci. Per quan­to pos­sa es­se­re ar­te­fat­ta, co­mu­ni­ca il con­te­nu­to che si pre­fig­ge. In que­sto sen­so, l’im­ma­gi­ne è più sin­ce­ra e più de­mo­cra­ti­ca per­ché l’in­gan­no che può es­ser­ci al­la sua fon­te fa par­te del pat­to che, nean­che tan­to in­con­sa­pe­vol­men­te, il let­to­re strin­ge con l’au­to­re. Si pen­si a una fo­to­gra­fia ri­pas­sa­ta con Pho­to­shop o an­che so­lo po­sta­ta su Fa­ce­book o In­sta­gram do­po aver­la trat­ta­ta con i fil­tri. Quel­la fo­to non di­ce che mo­stra la ve­ri­tà, ma co­mu­ni­ca un’emo­zio­ne, una real­tà re­sa più bel­la dall’au­to­re che rac­con­ta agli al­tri la sen­sa­zio­ne che ha vis­su­to. Ma non è co­sì an­che per la poe­sia? Che for­se il poe­ta, ogni poe­ta, de­scri­ve­va una “don­zel­let­ta che vien dal­la cam­pa­gna” su­da­ta e scar­mi­glia­ta? I van­tag­gi del­la ri­sco­per­ta po­ten­za dell’im­ma­gi­ne so­no nu­me­ro­si, esat­ta­men­te co­me i suoi svan­tag­gi. Il pro­ble­ma, sem­mai, è nel­la con­sa­pe­vo­lez­za. La moda che, na­ta per da­re con­cre­tez­za all’im­ma­gi­ne, nell’uso dell’im­ma­gi­ne è una mae­stra-an­te­si­gna­na, è sta­ta una del­le pri­me a sa­per uti­liz­za­re il nuo­vo lin­guag­gio for­ma­to dal­la dif­fu­sio­ne ve­lo­ce dei se­gni (fo­to­gra­fie e si­mi­li), tra­sfor­man­do In­ter­net e so­cial net­work sia in un’iper-la­va­gna per i suoi mes­sag­gi, sia in un pres­so­ché in­fi­ni­to cam­po di in­da­gi­ne e di ela­bo­ra­zio­ne. Per fa­re so­lo un esem­pio, la moda ha so­sti­tui­to le vec­chie ispi­ra­zio­ni del­lo street-style con quel­le che pro­ven­go­no da In­sta­gram o da Fa­ce­book che, ri­spet­to al­le pri­me, han­no il van­tag­gio sia dell’im­me­dia­ta frui­bi­li­tà, sia di rias­su­me­re quel­la in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne di ri­fe­ri­men­ti che com­po­ne og­gi i suoi in­te­res­si crea­ti­vi e di ven­di­ta. Ar­ri­van­do da tut­to il glo­bo, ter­ra e ac­qua com­pre­se, le im­ma­gi­ni che viag­gia­no in Re­te, e quin­di in un cer­to sen­so vir­tua­li, dan­no il qua­dro com­ple­to di aspi­ra­zio­ni, di cul­tu­re, di sen­sa­zio­ni, di mo­di di vi­ve­re e di pas­sio­ni. La moda le ela­bo­ra, le re­sti­tui­sce al­la real­tà fi­si­ca, le tra­sfor­ma in abi­ti e ac­ces­so­ri che ri­tor­na­no a ve­sti­re la no­stra im­ma­gi­ne, quel­la con la qua­le co­mu­ni­chia­mo noi stes­si, sia nel­la fi­si­ci­tà del­la stra­da, sia nel­la vir­tua­li­tà quan­do una no­stra fo­to tor­na a na­vi­ga­re in re­te una vol­ta po­sta­ta su un so­cial net­work.

VE­RI­TÀ FO­TO­GE­NI­CA

Un cir­cui­to in­te­res­san­te che Mi­lan Vuk­mi­ro­vic, ex di­ret­to­re crea­ti­vo di Jil San­der e di Trus­sar­di, ora a ca­po del­la li­nea Uo­mo di Ports 1961, sin­te­tiz­za chia­man­do­lo “moda fo­to­ge­ni­ca”, in­ten­den­do che og­gi la moda de­ve sa­pe­re re­sti­tui­re all’im­ma­gi­ne la forza di un vo­ca­bo­la­rio. “Io so­no co­sì”, di­ce chiun­que in­dos­si un abi­to. Su que­sta ve­ri­tà, Vuk­mo­ro­vic co­strui­sce le sue

col­le­zio­ni, tan­to più che, di­ce “i re­spon­sa­bi­li di Ports han­no scel­to me co­me di­ret­to­re crea­ti­vo guar­dan­do le fo­to dei miei look che io stes­so pub­bli­co sul mio pro­fi­lo di In­sta­gram”.

IL RI­SCHIO DEL TEM­PO

Cer­to, l’im­ma­gi­ne par­la da so­la, ma co­me fa­re quan­do non si rie­sce a con­te­stua­liz­zar­la? Que­sto fa par­te de­gli svan­tag­gi. Ri­ma­nen­do nel­la moda, un esem­pio per tut­ti. La ge­ne­ra­zio­ne Di­gi­tal Fir­st che si è for­ma­ta in­for­man­do­si sui mo­to­ri di ri­cer­ca, è mol­to at­ti­va, at­ten­ta, sve­glia, pron­ta a cap­ta­re qual­sia­si mu­ta­zio­ne del gu­sto, dal pas­sa­to al pre­sen­te. Tut­ti i na­ti­vi di­gi­ta­li so­no in gra­do di ri­co­no­sce­re, in una fo­to, sia Co­co Cha­nel sia Yves Saint Lau­rent. So­no po­chis­si­mi, pe­rò, quel­li che san­no che i due ge­ni del se­co­lo scor­so ap­par­ten­go­no a due ge­ne­ra­zio­ni di­ver­se, che il se­con­do è na­to quan­do la pri­ma ave­va 53 an­ni e che nel 1971, quan­do è mor­ta Co­co, il mar­chio di Saint Lau­rent non

ave­va an­co­ra fe­steg­gia­to i die­ci an­ni di una moda na­ta pro­prio dall’os­ser­va­zio­ne di un mon­do che par­la­va con un vo­ca­bo­la­rio di pa­ro­le e di im­ma­gi­ni com­ple­ta­men­te di­ver­so da quel­lo di Cha­nel. In que­sti ca­si, la co­mu­ni­ca­zio­ne dell’im­ma­gi­ne ri­schia di ap­piat­ti­re tut­to in un tem­po pas­sa­to in­di­stin­to. An­che qui, pe­rò, non è col­pa dell’im­ma­gi­ne: con­fron­tan­do le bio­gra­fie scrit­te di Yves Saint Lau­rent che cir­co­la­no in re­te (e quel­la di Wi­ki­pe­dia in ita­lia­no fa­reb­be ri­de­re se non fos­se tra­gi­ca­men­te scor­ret­ta), si con­ta­no più gli er­ro­ri sto­ri­ci (a par­ti­re dal­le da­te) che le pa­ro­le cor­ret­te. La fo­to del 18 gen­na­io 1958 che ri­trae Saint Lau­rent sul bal­co­ne di ave­nue Mon­tai­gne do­po la sua pri­ma sfi­la­ta per Dior, in­ve­ce, non men­te per­ché di­ce a tut­ti che era gio­va­nis­si­mo. Non ave­va an­co­ra com­piu­to 22 an­ni. È di po­chi gior­ni do­po, il 30, la fa­mo­sa fo­to di Co­co Cha­nel in­ter­vi­sta­ta do­po la sua sfi­la­ta. An­che quel­la non men­te: di­ce che la gran­de cou­tu­rier ave­va 75 an­ni.

Mu­tan­te. L’abi­to di­ven­ta il pre­te­sto per co­strui­re un cor­po ar­ti­fi­cia­le e l’im­ma­gi­ne che Ale­xan­der McQueen usa nel 2007 so­vra­sta sia la for­ma, sia i ri­fe­ri­men­ti.

Dal mon­do dei su­pe­re­roi Le fo­to dell’ar­ti­co­lo so­no trat­te da Su­pe­rHe­roes. Fa­shio­nand Fan­ta­sy, il ca­ta­lo­go del­la mo­stra or­ga­niz­za­ta dal Ma­tro­po­li­tan Mu­seum of Art di New York nel 2008, cu­ra­to da An­drew Bol­ton con te­sti di Mi­chael Cha­bon.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.