Il tu­ri­sta at­ti­vo

Dove - - la Nostra Inchiestra -

il re­port in­di­vi­dua sei tri­bù emer­gen­ti en­tro il 2030: all’estre­mo op­po­sto ri­spet­to all’im­prov­vi­sa­to­re c’è il “fan del­la sem­pli­ci­tà” o “ea­sy flyer”: il ti­po per il qua­le la ge­stio­ne in pri­ma per­so­na dei det­ta­gli di viag­gio è uno stress e che gongola al­la pa­ro­la “pac­chet­to” co­me il pu­ri­sta al pri­mo im­pre­vi­sto (na­tu­ral­men­te, ri­sol­to). C’è poi la stir­pe dei “for­za­ti del viag­gio” o “viag­gia­to­ri se­ria­li”, il cui obiet­ti­vo è de­fi­ni­to, in ter­mi­ni sia di tem­po, sia di bud­get (ti­pi­ca­men­te, i viag­gia­to­ri per la­vo­ro). il sup­por­to del­la tec­no­lo­gia è per lo­ro quan­to mai fon­da­men­ta­le per mi­ni­miz­za­re stress e con­trat­tem­pi. So­prat­tut­to con le app co­sid­det­te door-to­door co­me GoEu­ro o co­me l’ita­lia­nis­si­ma Wan­de­rio, che li ac­com­pa­gna dal­la por­ta di ca­sa a quel­la del­la ca­bi­na, in spiag­gia, per­met­ten­do di sce­glie­re il tra­git­to in ba­se al prez­zo, al­la du­ra­ta del viag­gio e al­le emis­sio­ni di Co2. il pu­ro pia­ce­re è lo sco­po de­gli “ego Tra­vel­ler” o “Cac­cia­to­ri di gra­ti­fi­ca­zio­ni”, co­lo­ro per i qua­li il viag­gio è un pre­mio e de­ve es­se­re me­mo­ra­bi­le. Cer­to, a que­sta ca­te­go­ria ap­par­ten­go­no i tu­ri­sti più vi­zia­ti: quel­li che, al più fun­zio­na­le dei clic pre­fe­ri­sco­no an­co­ra la com­pli­ci­tà di una vo­ce. a lo­ro, in bar­ba al­la “moda” del­le app, si ri­vol­go­no piat­ta­for­me tai­lor ma­de co­me Do­veC­lub (do­vec­lub.it) che – ol­tre a un da­ta ba­se ric­co e ag­gior­na­to – of­fre as­si­sten­za an­che te­le­fo­ni­ca e com­bi­na­zio­ni ri­ta­glia­te su mi­su­ra sul­le esi­gen­ze del clien­te. La spe­cie più nuo­va sul pia­ne­ta è pe­rò quel­la de­gli “ac­cu­mu­la­to­ri di espe­rien­ze So­cial”, o più sin­te­ti­ca­men­te “So­cial Tra­vel­ler”, che strut­tu­ra­no le va­can­ze qua­si uni­ca­men­te in fun­zio­ne dell’au­dien­ce che pos­so­no rag­giun­ge­re on­li­ne: at­to­ri in un nuo­vo mer­ca­to ba­sa­to sul­le esplo­sio­ni di pun­teg­gio su Klout, di like e epi­fa­nie sul­le ba­che­che di ami­ci e feed friend­ly. Sul lo­ro smart­pho­ne non man­che­ren­no cer­ta­men­te Fa­ce­book, In­sta­gram, Twit­ter, ma an­che ap­pli­ca­zio­ni più spe­ci­fi­che co­me No­teW­he­re (con­sen­te di crea­re del­le no­te geo­lo­ca­liz­za­te che tra­mi­te si­ste­ma GPS com­pa­io­no so­lo quan­do rag­giun­gi la lo­ca­li­tà at­tri­bui­ta all’annotazione) e Mi­nu­be, co­mu­ni­tà di viag­gia­to­ri che per­met­te agli uten­ti di tro­va­re ispi­ra­zio­ni: la app con­di­vi­de le espe­rien­ze e le fo­to, di cui ri­co­no­sce il luo­go e il mo­men­to in cui so­no sta­te scat­ta­te, in mo­do da scri­ve­re in au­to­ma­ti­co il dia­rio di viag­gio, pre­ci­san­do tap­pe e per­cor­so. Se il viag­gia­to­re di­na­mi­co è un mix di tut­te le tri­bù, le ca­rat­te­ri­sti­che di cia­scu­na rac­con­ta­no ten­den­ze ve­re e pro­prie: “Pren­de­te la re­cen­sio­ne on­li­ne di strut­tu­re alberghiere o ri­sto­ran­ti” con­fer­ma an­che fi­lip­po Ma­ria ren­ga, del Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no, “è un fe­no­me­no in cre­sci­ta, e non per le la­men­te­le, ma per­ché se ne è ca­pi­to il va­lo­re so­cia­le. Si com­men­ta un’espe­rien­za per­ché a pro­pria vol­ta si è sco­per­ta l’uti­li­tà del­le in­for­ma­zio­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.