So­le, piog­gia, ven­to: ec­co co­me ve­stir­si

Dove - - Terra Del Fuoco -

Nell'ar­co dei cin­que gior­ni di na­vi­ga­zio­ne, la cro­cie­ra tra gli ar­ci­pe­la­ghi del­la Terra del Fuo­co pre­ve­de di­ver­se escur­sio­ni a terra bor­do dei gom­mo­ni. Inol­tre, a que­ste la­ti­tu­di­ni, an­che nei me­si dell'esta­te au­stra­le, le tem­pe­ra­tu­re so­no bas­se e le con­di­zio­ni me­teo so­no estre­ma­men­te va­ria­bi­li: nel gi­ro di po­chis­si­mi mi­nu­ti si pas­sa dal so­le al­la piog­gia e vi­ce­ver­sa. Tut­to que­sto ri­chie­de un ab­bi­glia­men­to adat­to a fron­teg­gia­re le di­ver­se si­tua­zio­ni, so­prat­tut­to a di­fen­der­si dal­la piog­gia e dell'umi­di­tà che pos­so­no com­pro­met­te­re la piacevolezza e il com­fort del viag­gio. Una ma­glia pri­mo stra­to cal­da e tra­spi­ran­te a con­tat­to con la pel­le è fon­da­men­ta­le per non di­sper­de­re il ca­lo­re. Ol­tre a in­du­men­ti in pi­le per gli stra­ti suc­ces­si­vi, è poi ir­ri­nun­cia­bi­le una giac­ca a ven­to (gu­scio) im­per­mea­bi­le. Per la par­te bas­sa è uti­le pre­ve­de­re pan­ta­lo­ni da trek­king o da scial­pi­ni­smo im­per­mea­bi­li e/o un so­vra­pan­ta­lo­ne im­per­mea­bi­le. Me­glio por­ta­re an­che un set di ab­bi­glia­men­to di ri­cam­bio: gli in­du­men­ti tra un'escur­sio­ne e l'al­tra pos­so­no ba­gnar­si e non ave­re il tem­po di asciu­gar­si, e l'umi­di­tà con le bas­se tem­pe­ra­tu­re è mol­to sgra­de­vo­le. Ne­ces­sa­ri an­che guan­ti cal­di e pos­si­bil­men­te im­per­mea­bi­li, ber­ret­to di la­na o pi­le e oc­chia­li da so­le, per ri­pa­rar­si non so­lo dal­la lu­ce (che per­si­no con il cie­lo co­per­to può es­se­re in­ten­sa) ma an­che dal ven­to pra­ti­ca­men­te co­stan­te. Com­ple­ta­no l'ab­bi­glia­men­to cal­ze e scar­pon­ci­ni da trek­king in­ver­na­li. Per le escur­sio­ni in gior­ni di piog­gia più in­ten­sa o su ter­re­ni mol­to fan­go­si, la Stel­la Au­stra­lis met­te a di­spo­si­zio­ne dei viag­gia­to­ri de­gli sti­va­li da piog­gia al­ti. Con­si­glia­bi­li an­che bor­se im­per­mea­bi­li per fo­to­ca­me­re e vi­deo­ca­me­re, per pro­teg­ge­re gli ap­pa­rec­chi so­prat­tut­to du­ran­te gli spo­sta­men­ti in gom­mo­ne: an­che in con­di­zio­ni di ma­re po­co mos­so so­no fre­quen­ti spruz­zi d'ac­qua po­ten­ti. 1. La pas­se­rel­la che con­du­ce al mo­nu­men­to di Ca­po Horn, de­di­ca­to ai marinai pe­ri­ti nel­le ac­que

del Ca­na­le di Dra­ke. 2. An­co­ra un’im­ma­gi­ne del pa­no­ra­ma

sul­la ba­ia di Wu­la­ia, sull’Isla

Na­va­ri­no. 3. L’in­ter­no del­la pic­co­la cap­pel­la nei pres­si del fa­ro

di Ca­po Horn. il si­len­zio del­la ba­ia: è uno dei nu­me­ro­si, spet­ta­co­la­ri col­las­si del ghiac­cia­io nel ma­re o tra i suoi cre­pac­ci. cre­spa­no la su­per­fi­cie del ma­re, rin­for­za­no le on­de. I gom­mo­ni Zo­diac già ca­la­ti in ac­qua bec­cheg­gia­no vi­si­bil­men­te. Le raf­fi­che ogni tan­to si cal­ma­no e l’oceano sem­bra pla­car­si un po­co. Ma si è pur sem­pre al­la con­fluen­za del­le cor­ren­ti di Atlan­ti­co e Pa­ci­fi­co. Tut­to può cam­bia­re nel gi­ro di po­chi se­con­di, tut­to può tra­ma­re con­tro la pos­si­bi­li­tà di po­sa­re il pie­de sull’iso­la-simbolo del­la na­vi­ga­zio­ne ocea­ni­ca, che cia­scun pas­seg­ge­ro del­la Stel­la Au­stra­lis ha at­te­so e co­strui­to per me­si. E che ora è lì, a po­che cen­ti­na­ia di me­tri di ma­re, vi­ci­nis­si­ma e lontanissima al tem­po stes­so. Pro­prio lì da­van­ti han­no fat­to nau­fra­gio, se­con­do le sti­me, al­me­no 800 na­vi, e su quei fon­da­li ri­po­sa­no le ani­me di al­me­no 10 mi­la marinai e pas­seg­ge­ri di tut­ti i con­ti­nen­ti pe­ri­ti du­ran­te una del­la in­nu­me­re­vo­li tem­pe­ste che fla­gel­la­no in­ces­san­te­men­te que­sto leg­gen­da­rio trat­to di ma­re: il Ca­na­le di Dra­ke. Ma og­gi è il gior­no giu­sto: ar­ri­va il via li­be­ra.

E al­lo­ra si di­scen­do­no or­di­na­ta­men­te le sca­let­te di

1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.