I CON­FI­NI DEL NUL­LA

Dove - - Abu Dhabi -

bu dha­bi rie­vo­ca l’im­ma­gi­ne di qual­co­sa di sfac­cia­to, au­da­ce, ec­ces­si­vo. ven­go­no su­bi­to in men­te i suoi pri­ma­ti da guinness: la tor­re più stor­ta, l’ho­tel più lus­suo­so, il tap­pe­to fat­to a ma­no più gran­de, le mon­ta­gne rus­se più ve­lo­ci, il di­stret­to cul­tu­ra­le più este­so del mon­do… ep­pu­re tut­to que­sto è sol­tan­to una pic­co­la par­te dell’Emi­ra­to di Abu Dha­bi, quel­la che se ne sta rac­col­ta nel­la ca­pi­ta­le. In­tor­no a lei è tut­ta un’al­tra sto­ria. I 75mi­la chi­lo­me­tri qua­dra­ti di ter­ri­to­rio del mag­gio­re dei set­te emi­ra­ti Ara­bi Uni­ti, te­sta e cuo­re del­la fe­de­ra­zio­ne, so­no per lo più un’im­men­sa lan­da contesa tra il de­ser­to, 400 chi­lo­me­tri di co­ste se­mi­di­sa­bi­ta­te e 200 iso­le. È lì l’Abu dha­bi che sor­pren­de, quel­la che sem­bra aver po­co in co­mu­ne con la cal­ca di grat­ta­cie­li di ve­tro, stret­ti gli uni agli al­tri per ri­pa­rar­si dal so­le, i mu­sei fir­ma­ti da ar­chi­star, i mo­nu­men­ta­li shop­ping mall, le iso­le-can­tie­re do­ve sor­ge­rà la cit­tà di do­ma­ni.

L’Abu dha­bi che non ci si aspet­ta è la sab­bia ros­sa del Rub’ al-Kha­li, let­te­ral­men­te il “Quar­tie­re vuo­to”, il de­ser­to che ab­brac­cia buo­na par­te dell’Ara­bia Sau­di­ta, del­lo Ye­men, dell’oman e de­gli emi­ra­ti. Con i suoi 650mi­la chi­lo­me­tri qua­dra­ti (quan­to la Fran­cia, il Bel­gio e l’olan­da mes­si in­sie­me) è il più gran­de de­ser­to sab­bio­so sen­za so­lu­zio­ne di con­ti­nui­tà del mon­do. Una terra di nes­su­no (le con­di­zio­ni cli­ma­ti­che so­no tra le più spie­ta­te del glo­bo: la tem­pe­ra­tu­ra varia da -10° a 55° C e ci so­no vio­len­te tem­pe­ste di sab­bia), che l’esplo­ra­to­re in­gle­se Wil­fred The­si­ger nel suo Sabbie Ara­be de­scri­ve­va co­sì: “era il ve­ro de­ser­to… un luo­go do­ve gli uo­mi­ni si ten­go­no stret­ti… Qui es­se­re so­li vo­le­va di­re sen­ti­re im­me­dia­ta­men­te il pe­so del­la pau­ra, poi­ché la nu­di­tà di que­sta terra era più ter­ri­fi­can­te del­la fo­re­sta più oscu­ra nel pie­no del­la not­te”. Il Rub’ al-Kha­li mor­de il con­fi­ne sud-oc­ci­den­ta­le di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.