SERATE AL SALOON E LANCIO DELL’ASCIA

Dove - - Con I Figli Cambia Tutto -

USA fuo­ri­pi­sta sen­za al­cun ti­po di re­stri­zio­ne. Per sco­pri­re i luo­ghi più sug­ge­sti­vi, il con­si­glio è di af­fi­dar­si a chi è na­to tra que­ste mon­ta­gne, met­ten­do in pro­gram­ma una gior­na­ta su­gli sci, con fa­mi­glia al se­gui­to, gui­da­ti da un mae­stro. “Ci so­no an­go­li se­gre­ti do­ve ca­pi­ta di im­bat­ter­si nel­la fau­na sel­va­ti­ca men­tre si scia”, rac­con­ta Tom­my Moe, l’ex cam­pio­ne di­ve­nu­to una del­le più ce­le­bri gui­de lo­ca­li.

Se do­po tan­to mo­vi­men­to la fa­me si fa­ces­se sen­ti­re, per una pau­sa go­lo­sa sul­la ne­ve non c’è che l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta. Al­la sta­zio­ne d’ar­ri­vo del­la Brid­ger Gon­do­la ha da po­co inau­gu­ra­to Pi­ste, bi­strot con vi­sta spet­ta­co­la­re e ro­bu­ste por­zio­ni di iper­ca­lo­ri­che spe­cia­li­tà ame­ri­ca­ne. Usci­ti dal ri­fu­gio ci si im­bat­te nel Cor­be­ts’ Co­loir, uno stra­piom­bo che fa sa­li­re l’adre­na­li­na dei più te­me­ra­ri, con una di­sce­sa di­ven­ta­ta leg­gen­da­ria tra gli scia­to­ri più esper­ti. Gli stes­si ai qua­li è de­di­ca­to il tour gior­na­lie­ro in eli­ski che por­ta a 3.650 me­tri per go­de­re del­la ne­ve in­tat­ta e per­fet­ta del­le vet­te più inac­ces­si­bi­li, se­guen­do le in­di­ca­zio­ni del mae­stro di sci che ac­com­pa­gna i grup­pi. Se ci so­no an­co­ra ener­gie, la gior­na­ta de­gli spor­ti­vi non fi­ni­sce al tra­mon­to: qui si può an­da­re avan­ti a scia­re an­che quan­do ca­la la se­ra sul­le tan­te pi­ste il­lu­mi­na­te spar­se nel­la val­la­ta. Poi, an­co­ra con gli scar­po­ni ai pie­di, ci si ri­tro­va per un hot dog al mi­ti­co Man­gy Moo­se, fa­mo­so ri­tro­vo do­po­sci e luo­go di in­con­tro di tut­ti i free­ri­der.

A Jack­son c’è mol­to da sco­pri­re an­che fuo­ri dal­le pi­ste. La più ba­na­le del­le pas­seg­gia­te si tra­sfor­ma in un’av­ven­tu­ra tra le stra­de di que­sto pic­co­lo cen­tro, do­ve tut­to è in sti­le we­stern, dai mar­cia­pie­di di li­stel­li di le­gno scric­chio­lan­te al­la piaz­za cen­tra­le, de­li­mi­ta­ta da quat­tro enor­mi ar­ca­te ri­ve­sti­te di pal­chi di cor­na, rac­col­te nel cor­so de­gli an­ni dai boy scout nei bo­schi dei din­tor­ni du­ran­te la mu­ta an­nua­le dei cer­vi a fi­ne mar­zo. Sot­to le bal­co­na­te del­le ca­se in le­gno a due pia­ni che cir­con­da­no la piaz­za si sus­se­guo­no saloon co­me il ce­le­bre Mil­lion Dol­lar Co­w­boy Bar, con sel­le di cuo­io che fun­go­no da sga­bel­li, e ne­go­zi aperti fi­no a tar­da se­ra. Qui lo shopping con­qui­sta an­che i fi­gli che tro­va­no og­get­ti in­cre­di­bi­li, da­gli Ste­tson ori­gi­na­li, i cap­pel­li dei co­w­boy, pro­po­sti an­che in ver­sio­ne ba­by da Bea­ver Creek Hat & Lea­ther Com­pa­ny, ai col­tel­li di New We­st Kni­feworks, con de­ci­ne di splen­di­de la­me di car­bo­nio che il pro­prie­ta­rio, Co­rey Mil­li­gan, mo­stra con pa­zien­za an­che ai più pic­co­li, men­tre nell’adia­cen­te Moun­tain Man Toy Shop ci si può sfi­da­re nel lancio del to­ma­ha­wk, l’ascia dei na­ti­vi ame­ri­ca­ni. Per sen­tir­si ve­ri co­w­boy si fa tap­pa nel­la loun­ge del­lo sto­ri­co Wor­th Ho­tel e, a se­con­da dell’età, si or­di­na­no bir­re ar­ti­gia­na­li (per i pa­pà) o milk

1 CON I FI­GLI CAM­BIA TUT­TO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.