Ma­gie le di al­ber­to ca­si­ra­ghy

Con la sua ca­sa edi­tri­ce Pul­ci­noe­le­fan­te ha crea­to più di die­ci­mi­la li­bri. Pic­co­li ca­po­la­vo­ri stam­pa­ti a ca­rat­te­ri mo­bi­li. E dal­la sua fan­ta­sia, un do­no per i no­stri let­to­ri

Dove - - L'incontro - di Si­mo­na Te­de­sco fo­to di En­ri­co De San­tis

Il ve­ro ele­fan­te è lui, Al­ber­to Ca­si­ra­ghy, cu­sto­de di sto­rie e poe­sia, me­mo­rie e sag­gez­za. Quan­do esci dal­la sua ca­sa-la­bo­ra­to­rio di Osna­go, pae­sot­to del­la Brian­za, con due uo­va fre­sche in ma­no do­na­te dal­le sue gal­li­ne, spe­ri so­lo di ar­ri­va­re a ca­sa con quel te­so­ro in­tat­to. Per­ché quel­le due uo­va so­no il mon­do di Ca­si­ra­ghy: ro­ton­do, na- tu­ra­le, per­fet­to, nu­trien­te e de­li­ca­to. Stam­pa li­bri di po­che pa­gi­ne in ti­ra­tu­ra li­mi­ta­ta, in gior­na­ta, sen­za chie­de­re un sol­do, co­me le sue “ra­gaz­ze” fan­no­leuo­va. Dal 1982 è il “pa­net­tie­re de­gli edi­to­ri” (co­me l’ha de­fi­ni­to Van­ni Schei­wil­ler). Nell’ago­sto del 2017 i ti­to­li era­no già die­ci­mi­la. E, al se­con­do pia­no del­la sua ca­set­ta an­ni Tren­ta, una co­pia di ogni li­bret­to è ben cu­sto­di­ta in ar­ma­di, scaf­fa­li e li­bre­rie che cir­con­da­no il let­to.

Da quas­sù ini­zia il viag­gio nel

mon­do fa­ta­to di Ca­si­ra­ghy. Ogni an­go­lo dei mu­ri, del pa­vi­men­to è abi­ta­to da og­get­ti, li­bric­ci­ni, fo­to­gra­fie, qua­dri e stru­men­ti mu­si­ca­li. “Que­sta

è una viel­la, non è una me­ra­vi­glia?”. E pen­si al col­le­zio­ni­sta. “Ma no, l’ho fat­ta io, ho sem­pre ama­to il la­vo­ro ma­nua­le, mail ve­ro liu­ta­io in fa­mi­glia è mio fra­tel­lo. Lui sì che è un ar­ti­sta”. Guar­di il let­to e Al­ber­to ti rac­con­ta di quan­do Al­da Me­ri­ni gli bru­ciò il co­pri­let­to con il moz­zi­co­ne di si­ga­ret­ta: “Lei po­te­va fa­re tut­to e se non era qui mi chia­ma­va tren­ta vol­te al gior­no al te­le­fo­no. Per­meè sta­to l’in­con­tro con l’in­tel­li­gen­za e la for­za. Cer­to, non era un per­so­nag­gio fa­ci­le, con quel­lo che ha pas­sa­to, po­ve­ri­na, mae­ra spiaz­zan­te, era la Poe­sia”. Sen­za far do­man­de Ca­si­ra­ghy ri­spon­de ai tuoi sguar­di. E men­tre cer­chi un sen­so in quell’uni­ver­so di og­get­ti vec­chi, an­ti­chi, im­pol­ve­ra­ti, pre­zio­si e buf­fi, ca­pi­sci che non stai più in­con­tran­do un gran­de edi­to­re di pic­co­li li­bri ge­nia­li, ma stai per nau­fra­ga­re in un ma­re dol­cis­si­mo di rac­con­ti e aned­do­ti. “Fa­le­gna­me, sce­no­gra­fo, poi ti­po­gra­fo. È dal­le ma­ni che ini­zia la mia sto­ria. Ho­fat­to la ter­za me­dia, poi ba­sta. Ma, men­tre la­vo­ra­vo, dal­le due al­le quat­tro del­po­me­rig­gio scap­pa­vo all’Ac­ca­de­mia di Bre­ra per se­gui­re le le­zio­ni di Gui­do Bal­lo. Non ero iscrit­to, ma mi fa­ce­va­no en­tra­re lo stes­so. L’ar­te, che pas­sio­ne!”. Poi sco­pri una cor­ni­ce con la fo­to diMa­hler. “La mia ispi­ra­zio­ne”.

“la mu­si­ca? Ho ini­zia­to a stu­Dia­re vio­li­no a 16 an­ni.

E an­co­ra og­gi vo­lo suo­nan­do, ma co­sì, per me, sai…”. Un uo­mo del Rinascimento che non ha mai ab­ban­do­na­to il pae­se na­tìo, Osna­go. “Una vol­ta mi of­fri­ro­no un la­vo­ro a New York. Sei­mi­la dol­la­ri al me­se. Ma co­me fa­ce­vo, con le ca­pret­te? Le ave­vo com­pra­te per 20 eu­ro, so­no sta­te con me per 18 an­ni. So­no im­pe­gna­ti­ve da te­ne­re, non cre­de­re. In­do­vi­na... qual è la vi­ta me­dia di que­ste be­stio­le? Sei me­si, poi fi­ni­sco­no in ta­vo­la”. Co­sì sen­ti il suo amo­re per gli ani­ma­li. Per una mo­stra a Par­ma com­po­se una gran­de scrit­ta,

Que­sto è l’in­fer­no dei ma­ia­li. “So­no sta­to in­vi­ta­to, ma ho chie­sto la li­ber­tà di di­re quel­lo che vo­le­vo. E co­sì è sta­to”. I suoi oc­chi az­zur­ri e vi­va­ci sor­ri­do-

no al pen­sie­ro di aver co­mun­que e sem­pre scel­to di es­se­re e non di ave­re. Ha pas­sa­to gior­na­te a crea­re i pic­co­li gran­di li­bri con ar­ti­sti co­me Bru­no Mu­na­ri, Da­rio Fo, En­ri­co Baj (ci­tar­li tut­ti è im­pos­si­bi­le), ami­ci co­me l’il­lu­stra­to­re Al­ber­to Re­bo­ri, scom­par­so trop­po pre­sto, o con per­fet­ti sconosciuti che han­no con­qui­sta­to nel suo cuo­re lo stes­so spa­zio donato agli ele­fan­ti del­la cul­tu­ra. 250 li­bri so­no sta­ti espo­sti que­st’an­no nel­la bel­la mo­stra, or­ga­niz­za­ta da An­drea To­ma­se­tig, al Pa­laz­zo del­le Stel­li­ne a Mi­la­no. E il suo mon­do, in­sie­me a quel­lo del re­stau­ra­to­re sviz­ze­ro di li­bri Jo­sef Weiss, è di­ven­ta­to sog­get­to del film (ora in ven­di­ta in dvd) di Sil­vio Sol­di­ni Il fiu­me ha sem­pre ra­gio­ne. Ti­to­lo-afo­ri­sma, fir­ma­to Ca­si­ra­ghy, ov­via­men­te.

Dal­lo

scri­gno Del pri­mo pia­no

ec­co com­pa­ri­re den­tro un osten­so­rio ap­pe­so al mu­ro, l’ul­ti­mo ros­set­to con­su­ma­to di Al­da Me­ri­ni, ac­can­to al­la fi­ne­stra, un asi­no, in sca­la rea­le, di un pre­se­pe napoletano dell’800. Ma il viag­gio è so­lo all’ini­zio per­ché ora, scen­den­do le sca­le, si pas­sa in Afri­ca: ap­pe­se al mu­ro, una col­le­zio­ne di ma­sche­re tri­ba­li. E pen­si ai suoi viaggi eso­ti­ci. “Sì cer­to, al­la fie­ra di Si­ni­ga­glia, a Mi­la­no. Ho co­no­sciu­to un po­ve­ret­to che ave­va bi­so­gno di sol­di. Gli ho com­pra­to tan­ti an­ni fa una ma­sche­ra, non ho più smes­so. Ma ve­di qui? C’è Pi­cas­so, il cu­bi­smo. E que­sta? Non tro­vi Mo­di­glia­ni?”. E dall’ar­te il rac­con­to tor­na al suo ami­co afri­ca­no, ora si­ste­ma­to con fa­mi­glia in Ita­lia e al­le tan­te per­so­ne in­con­tra­te nel suo la­bo­ra­to­rio, aiu­ta­te, co­sì, per ca­so. “Una mam­ma con un bimbo, ab­ban­do­na­ta dal ma­ri­to, sai che ven­den­do due suoi li­bri è riu­sci­ta a fa­re la spe­sa? Che re­ga­lo quel­la no­ti­zia per me…”. Il suo sor­ri­so pu­ro ci ac­com­pa­gna al pia­no ter­ra, cuo­re del­la sua azien­da del­la fe­li­ci­tà: qui tro­neg­gia la stam­pan­te mo­no­ty­pe, la mi­ti­ca mac­chi­na pia­na Ne­bio­lo, che Ca­si­ra­ghy ma­neg­gia con ener­gia e fa­mi­lia­ri­tà.

Dai

cas­set­ti com­pa­io­no al­tre gem­me:

i le­gni in­ci­si dal­lo xi­lo­gra­fo Adria­no Po­raz­zi, ma­tri­ci che Ca­si­ra­ghy uti­liz­za con fan­ta­sia sui li­bri (“Lo sai che ha la­vo­ra­to fi­no a 90 an­ni?”) e poi quei ca­rat­te­ri di piom­bo. Ogni let­te­ra, una sto­ria: “Ve­di la ef­fe cor­si­va Bo­do­ni? Non­ti ri­cor­da il fo­ro di ri­so­nan­za del vio­li­no? Non è un ca­so… È de­li­ca­ta per­ché le gra­zie si smus­sa­no nel tem­po”. Ma chi le ri­pa­ra? “Nes­su­no, ma ora non pre­oc­cu­pia­mo­ci di que­sto, non va­le la pe­na, fa­rò an­co­ra tan­ti in­con­tri e li­bri ”. È inu­ti­le cer­ca­re in Al­ber­to Ca­si­ra­ghy un pen­sie­ro ne­ga­ti­vo, nem­me­no quan­do par­lia­mo di un fu­tu­ro tut­to vo­ta­to al di­gi­ta­le. “Sai quan­ti ra­gaz­zi ven­go­no qui? Io uso l’iPad, non mi so­no mai ri­fu­gia­to nel pas­sa­to. An­zi, ora mi spo­so e spe­ro, ap­pe­na pos­si­bi­le, di ve­de­re le Pi­ra­mi­di, ma ora vie­ni con me in giar­di­no. Ve­dia­mo se le mie ‘ra­gaz­ze’ han­no fat­to l’uo­vo”.

1| al­ber­to ca­si­ra­ghy e la sua gran­de pas­sio­ne, Gu­stav Ma­hler. 2 | al la­vo­ro sul­la mi­ti­ca stam­pan­te Ne­bio­lo. 3| In­ci­sio­ne di Adria­no Po­raz­zi su ope­ra di En­ri­co Baj, una del­le ma­tri­ci riu­ti­liz­za­te per il­lu­stra­re poe­sie o afo­ri­smi. 4| Pro­va di stam­pa dei...

1| Ca­rat­te­ri in piom­bo per la stam­pa. 2| La viel­la, stru­men­to a cor­de del Me­dioe­vo, an­te­na­to del vio­li­no, rea­liz­za­to da Al­ber­to Ca­si­ra­ghy. 3| La col­le­zio­ne del­le ma­sche­re afri­ca­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.