An­sel El­gort

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di HO­WIE KAHN Foto di MARK SELIGER

Ha im­pa­ra­to l’ar­te e, come dice il proverbio, l’ha mes­sa da par­te. Tan­te di­sci­pli­ne, non una so­la. Per­ché An­sel El­gort, di quell’ar­te, è an­che fglio: la ma­dre, Gre­the Bar­rett Hol­by, 66 an­ni, è una quo­ta­ta com­me­dio­gra­fa e dram­ma­tur­ga; mentre il pa­dre Arthur, na­to nel 1940, è uno dei più fa­mo­si fo­to­graf di mo­da del mon­do. Un ve­ro gi­gan­te, un “mo­nu­men­to” dell’ico­no­gra­fa fa­shion che dal de­but­to sul­le pa­gi­ne dell’edi­zio­ne in­gle­se di Vo­gue nel ’71 è si­no­ni­mo di ele­gan­za e spon­ta­nei­tà. Al pun­to che la sua cit­tà – è na­to a New York in una fa­mi­glia di ebrei rus­si – l’ha ono­ra­to con la gran­de mo­stra The Big Pic­tu­re al­la Sta­ley-wi­se Gal­le­ry di Brooklyn, che lo scor­so feb­bra­io ha tra­slo­ca­to – con lo stes­so ti­to­lo – al­la Gal­le­ria Car­la Soz­za­ni di Mi­la­no (fno al 6 apri­le, per in­for­ma­zio­ni: www. gal­le­ria­car­la­soz­za­ni.org).

Il lo­ro fglio mi­no­re (per­ché ci so­no an­che la so­rel­la So­phie, pu­re lei fo­to­gra­fa, e il fra­tel­lo War­ren, re­gi­sta) ha re­spi­ra­to quell’aria “spe­cia­le” dal gior­no del­la nascita, il 14 mar­zo 1994.

Non a ca­so, visto che quan­do non an­da­va an­co­ra al­le ele­men­ta­ri mam­ma lo por­ta­va in tea­tro («Ho esor­di­to a 5 an­ni in Animal Ta­les di Geor­ge Plimp­ton nel ruo­lo di una ra­na che non sa sal­ta­re») e pa­pà sul set (fo­to­gra­fan­do­lo in­sie­me a top model come Stella Ten­nant e Ka­ro­li­na Kur­ko­va). Poi ha se­gui­to cor­si di danza clas­si­ca, re­ci­ta­zio­ne e di­zio­ne, ha im­pa­ra­to a suo­na­re la trom­ba e, da au­to­di­dat­ta, il pia­no­for­te; ha vin­to ga­re su ga­re di pit­tu­ra di sol­da­ti­ni del war­ga­me per ra­gaz­zi Wa­rham­mer; dall’al­to dei suoi 196 cen­ti­me­tri ha gio­ca­to nel­la squadra di ba­sket del li­ceo, la Fio­rel­lo La­guar­dia High School of Mu­sic & Art and Per­for­ming Arts di New York... Quin­di ha cam­bia­to strada ed è diventato una star dell’edm (l’elec­tro­nic Dance Mu­sic, come chia­ma­no la dance ame­ri­ca­na) con il no­me d’ar­te di Ansølo, affb­bia­to­gli dal fra­tel­lo War­ren. Ma an­che, e so­prat­tut­to, un at­to­re di suc­ces­so.

La po­po­la­ri­tà non lo ha cam­bia­to: si sen­te an­co­ra un ra­gaz­zo che so­gna di «schiac­chia­re in te­sta a Ke­vin Hart »

Ha let­te­ral­men­te bru­cia­to le tap­pe: ba­sti pen­sa­re che il de­but­to è av­ve­nu­to nel 2013, con una pic­co­la par­te nel re­ma­ke di Carrie - Lo sguar­do di Sa­ta­na di­ret­to da Kim­ber­ly Peir­ce; quin­di c’è sta­to il gran­de suc­ces­so nel ruo­lo di Ca­leb Prior in Di­ver­gent, nel 2014, se­gui­to dal­la dif­f­ci­le pro­va in Col­pa del­le stelle di Jo­sh Boo­ne (am­bien­ta­to fra gio­va­nis­si­mi ma­la­ti di tu­mo­re, in cui in­ter­pre­ta un ex gio­ca­to­re di ba­sket cui è sta­ta am­pu­ta­ta una gam­ba). Sem­pre all’an­no scor­so, inf­ne, ri­sa­le un’al­tra pro­va giu­di­ca­ta mol­to po­si­ti­va­men­te dal­la cri­ti­ca in un flm pie­no di stelle di Hol­ly­wood: Men, Wo­men & Chil­dren di Ja­son Reit­man, al fan­co di Adam Sand­ler, Jen­ni­fer Gar­ner ed Em­ma Thomp­son.

Mi­ca ro­ba da po­co, per un ra­gaz­zo di vent’an­ni. Che nel frat­tem­po non si è mon­ta­to la te­sta ma con­ti­nua a vi­ve­re la sua vi­ta con la leg­ge­rez­za e l’al­le­gria di chi da po­co non è più un tee­na­ger ma non si fa man­ca­re tan­to ba­sket – sia nei cam­pet­ti di Wil­liam­sburg, a Brooklyn, che al Ma­di­son Squa­re Gar­den in oc­ca­sio­ne dell’nba All-star Ce­le­bri­ty Ga­me («So­gno di piaz­za­re una schiac­cia­ta in te­sta a Ke­vin Hart»). Né man­ca­no le gran­di se­ra­te al­la con­so­le di tan­ti club fno al­la con­sa­cra­zio­ne all’elec­tric Zoo Fe­sti­val di New York e, que­st’an­no, all’ul­tra Mu­sic Fe­sti­val di Miami: o ma­ga­ri la festa di com­plean­no di Tay­lor Swift, pas­sa­ta a chiac­chie­ra­re con Jay-z. E la pre­sen­ta­zio­ne del­le no­mi­na­tion agli Screen Actors Guild Awards a Los An­ge­les, al fan­co di una “mi­nu­sco­la” Eva Lon­go­ria. E una gra­de­vo­le ap­pa­ri­zio­ne al­la se­ra­ta del­la con­se­gna de­gli Oscar.

In­som­ma, An­sel El­gort fno­ra ha di­mo­stra­to di ave­re le idee chia­re, e di sa­per pren­de­re i suoi tempi sen­za la­sciar­si so­praf­fa­re in

A 5 AN­NI LA P R I M A V O LTA I N S C E N A : « F AC E VO

UNA R ANA»

nes­sun mo­do dal suc­ces­so rag­giun­to. Co­sa che po­treb­be ac­ca­de­re con una cer­ta fa­ci­li­tà visto che un pe­so mas­si­mo come il re­gi­sta Ja­son Reit­man di lui ha det­to: «Quel ra­gaz­zo as­so­mi­glia a Mar­lon Bran­do. E ti fa la stes­sa im­pres­sio­ne». Ma lui è di­ver­so, come ha spie­ga­to sen­za pe­li sul­la lin­gua Shai­le­ne Wood­ley, co-pro­ta­go­ni­sta al suo fan­co di Col­pa del­le stelle, Di­ver­gent e del re­la­ti­vo pros­si­mo se­quel In­sur­gent (nel 2016 è pre­vi­sta la con­clu­sio­ne del­la se­rie, che sa­rà in­ti­to­la­ta Al­le­giant): «An­sel non è “so­la­men­te” un at­to­re, è an­che un mu­si­ci­sta e un pro­dut­to­re mu­si­ca­le. È bra­vis­si­mo a di­pin­ge­re sol­da­ti­ni e bal­la come un ve­ro fglio di put­ta­na. Se de­ci­de­rà di pas­sa­re il re­sto del­la vi­ta a re­ci­ta­re, so­no con­vin­ta che riu­sci­rà a far­lo. Se vor­rà fa­re il mu­si­ci­sta, fa­rà il mu­si­ci­sta. Se vor­rà sca­la­re l’everest o di­ven­ta­re un fot­tu­to pro­fes­sio­ni­sta del del­ta­pla­no, ecco, è esat­ta­men­te quel­lo che fni­rà per fa­re».

«Da sin­gle non me la pas­sa­vo mi­ca ma­le, ma sen­ti­vo che mi man­ca­va qual­co­sa»

A mol­ti con­ti­nua a su­sci­ta­re te­ne­rez­za: tut­ta que­st’ira di Dio, che scon­vol­ge­reb­be per­so­ne ben più ma­tu­re, sem­bra fui­re ver­so di lui in ma­nie­ra na­tu­ra­le e qua­si lo­gi­ca, co­sì la­scian­do­gli i tempi e i mo­di di de­ci­de­re. Sem­pre con sag­gez­za: « In­som­ma, fa­re una co­sa che non ami è du­ra, far qual­co­sa che ami è fa­ci­le: cer­co di gua­da­gnar­mi da vi­ve­re nel se­con­do mo­do».

A pro­po­si­to di amo­re: nien­te fol­lie, sta con una com­pa­gna di scuo­la del li­ceo, Violetta Ko­my­shan, dal 2012. La lo­ro sto­ria ha avu­to una “pau­sa di ri­fes­sio­ne” di cin­que me­si, ora so­no tor­na­ti in­sie­me. «Non che da sin­gle me la pas­sas­si ma­le, an­zi. Ma sen­ti­vo che nel­la mia vi­ta man­ca­va qual­co­sa... da lì ho ca­pi­to che era pro­prio amo­re». Lo dice con un sor­ri­so, mentre but­ta giù con la mas­si­ma na­tu­ra­lez­za nell’or­di­ne: un’ome­let­te, due toa­st al­la can­nel­la, un chee­se­bur­ger e un’enor­me in­sa­la­ta.

Quan­to al fu­tu­ro: è già sta­to an­nun­cia­to che nel 2016 sa­rà il pro­ta­go­ni­sta di Van Cli­burn, nel ruo­lo del ce­le­bre pianista scom­par­so nel 2013. Ma programmi ve­ri e pro­pri so­stie­ne di non aver­ne, an­che se spes­so ac­cen­na a «nuo­vi mo­di per re­sta­re sem­pre crea­ti­vo»: per que­sto, quan­do di­scu­te di ci­ne­ma, si con­cen­tra sul­la par­te ar­ti­sti­ca (la re­ci­ta­zio­ne) piut­to­sto che su quel­la eco­no­mi­ca (lo sho­w­bu­si­ness); se pro­prio de­ve par­lar­ne tro­va sem­pre il mo­do di col­le­gar­lo al­le sue pas­sio­ni. «Ecco, vor­rei com­prar­mi una ca­sa», am­met­te fo­to­gra­fan­do un an­nun­cio im­mo­bi­lia­re in Be­d­ford Avenue, nel­la “sua” Wil­liam­sburg. «Co­sì riu­sci­rei a star­me­ne per con­to mio. Co­sì po­trei re­ci­ta­re a tea­tro, po­trei la­vo­ra­re a Broad­way; po­trei fa­re i flm che vo­glio sen­za sen­tir­mi co­stret­to ad ac­cet­ta­re una par­te per pa­ga­re il mu­tuo. Ecco, se co­min­ci a ra­gio­na­re co­sì sei fot­tu­to. No, non vo­glio che sia­no i sol­di a de­ci­de­re la mia car­rie­ra: vo­glio che a gui­dar­la sia­no le mie scel­te ar ti­sti­che». Bea­ta gioventù.

«DI­CIAM O LA V E R I TÀ : F A R E U N A C OS A C H E A M I È F AC I L E » «Quan­do co­min­ci ad ac­cet­ta­re qual­che par­te

per po­ter pa­ga­re il mu­tuo, sei fot­tu­to»

GIAC­CA E PAN­TA­LO­NI PRADA, CAL­ZI­NI TURN­BULL& AS­SER, STRIN­GA­TE CHURCH’S

GIAC­CA LAN­VIN, T- SHIRT DRAG & BO­NE, PAN­TA­LO­NI DIOR HOMME

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.