Si­ni­ša Mi­ha­j­lo­vić

L’AL­LE­NA­TO­RE ELE­GAN­TO­NE CI HA APER­TO L’AR­MA­DIO

GQ (Italy) - - Da Prima Pagina - Te­sto di DA­RIO FRECCERO Foto di JA­CO­PO BE­NAS­SI

« Il so­li­to, gra­zie » . Per Si­ni­ša Mi­ha­j­lo­vic´, 46 an­ni, ser­bo di Vu­ko­var, “il so­li­to” è uno Spri­tz con ghiac­cio in coppa gran­de. Di stuz­zi­chi­ni, pe­rò, non ne sfo­ra mez­zo: pur aven­do smes­so di gio­ca­re no­ve an­ni fa, con­ti­nua a te­ne­re mol­to al­la linea. Co­sì come allo sti­le: col­la­ni­na e brac­cia­let­to spun­ta­no dall’abito di al­ta sar­to­ria na­po­le­ta­na (la stes­sa di Ro­ber­to Man­ci­ni), nell’ele­gan­te stan­za dell’ho­tel di Ge­no­va do­ve vi­ve da un an­no e mez­zo. Gli oc­chi pro­fon­di gli dan­no un’aria da du­ro, sot­to la qua­le, pe­rò, si na­scon­de una ve­na iro­ni­ca. Cam­pio­ne ribelle quan­do era in cam­po, og­gi Mi­ha­j­lo­viic´ è uno dei mi­glio­ri tec­ni­ci del cal­cio italiano, sul qua­le, do­po due buo­ne stagioni con la Samp­do­ria, han­no pun­ta­to gli oc­chi di­ver­si gran­di club.

«Ho in­ven­ta­to io la mo­da del­la sciarpa in pan­chi­na»

Un du­ro in pan­chi­na op­pu­re un buo­no, come la de­scri­vo­no i suoi amici?

« L’uno e l’al­tro. Il va­lo­re dell’ami­ci­zia è fon­da­men­ta­le per me: all’ini­zio so­no spes­so dif­f­den­te, non ho mai scel­to un ami­co per i sol­di o per il suo li­vel­lo so­cia­le. Non ap­pe­na per­ce­pi­sco il mi­ni­mo in­te­res­se in chi vuo­le di­ven­ta­re mio ami­co, evi­to di co­strui­re qualsiasi rap­por­to. Ho amicizie che du­ra­no da una vi­ta e du­re­ran­no per sem­pre. Nel la­vo­ro, è ve­ro, so­no esi­gen­te e tal­vol­ta in­fes­si­bi­le, per­ché ho pro­va­to sul­la mia pel­le l’im­por­tan­za del­la di­sci­pli­na. Il ta­len­to, sen­za re­go­le, è inu­ti­le».

Quan­do lo ha pro­va­to?

«Ho gio­ca­to nel­la Ju­go­sla­via più for­te del­la sto­ria, una na­zio­na­le con tan­te stelle che avreb­be po­tu­to vincere tut­to e non ha vin­to nul­la. Per­ché man­ca­va­no, ap­pun­to, di­sci­pli­na e re­go­le: se non le hai, nel cal­cio e nel­la vi­ta non vai da nes­su­na par­te».

Quan­do è ar­ri­va­to in Ita­lia, nel ’92, ave­va 20 an­ni e l’aria ribelle. Og­gi è il ser-

gente di fer­ro dei tec­ni­ci. In questi 23 an­ni, è cam­bia­to di più lei o l’ita­lia?

«Tutti e due, ma se­guen­do per­cor­si op­po­sti. Mi spia­ce dir­lo, ma l’ita­lia ha su­bì­to un’in­vo­lu­zio­ne, mentre io ho cer­ca­to sem­pre di cre­sce­re. D’al­tra par­te, non c’è da stu­pir­si, visto che voi chia­ma­te “zin­ga­ri” noi dell’est Eu­ro­pa. Ep­pu­re in que­sta de­fi­ni­zio­ne c’è an­che una do­te: lo “zin­ga­ro” è sve­glio, sa cam­bia­re luo­ghi, con­te­sti, abi­tu­di­ni. Lo puoi met­te­re do­ve vuoi, tan­to sa­prà sem­pre ca­var­se­la, mi­glio­ran­do».

Nel suo sa­per­si adat­ta­re, ha ini­zia­to per­si­no a far ten­den­za: la sciarpa in pan­chi­na, il gi­let, le ci­ta­zio­ni let­te­ra­rie… Me­ri­to del suo “va­te” Man­ci­ni?

«Ro­ber­to è un gran­de ami­co, un fra­tel­lo. An­dia­mo in va­can­za in­sie­me da 15 an­ni e lui mi ha ini­zia­to al me­stie­re fa­cen­do­mi fa­re il suo vi­ce all’in­ter. Gli sa­rò sem­pre gra­to, an­che se, es­sen­do una per­so­na in­tel­li­gen­te, avrà visto in me la stof­fa giu­sta per lan­ciar­mi. E que­sto va­le an­che per la car­rie­ra di cal­cia­to­re, per la qua­le de­vo tan­to a un al­tro gran­de: Vu­ja­din Bo­škov, l’al­le­na­to­re di quel­la gran­de Samp. Per il re­sto, di­cia­mo che con Ro­ber­to ci sia­mo co­pia­ti a vi­cen­da: la mo­da del­la sciarpa l’ho ini­zia­ta io e lui l’ha ri­pre­sa, la Ben­tley l’ho com­pra­ta pri­ma io e poi lui, il sar­to na­po­le­ta­no che ve­ste en­tram­bi ce lo ha pre­sen­ta­to un ami­co co­mu­ne, Da­rio Mar­co­lin…».

Ha vis­su­to a Ro­ma, Ge­no­va, Mi­la­no, Bo­lo­gna, Ca­ta­nia e Fi­ren­ze. Qual è la sua cit­tà pre­fe­ri­ta?

« Vi­vo a Ro­ma con la mia fa­mi­glia e non sol­tan-

« ILTALENTO, SEN­ZA RE­GO­LE E DI­SCI­PLI­NA, È INU­TI­LE»

to per­ché mia mo­glie Arian­na è ro­ma­na: pen­so sia una del­le cit­tà più bel­le del mon­do, an­che se mi so­no tro­va­to be­nis­si­mo do­vun­que in Ita­lia».

A Ge­no­va vi­ve in ho­tel...

«Per­ché non so la­va­re, non so cu­ci­na­re, non so sti­ra­re, non so fa­re nien­te di quel­lo che ser­ve per te­ne­re una ca­sa. I miei ra­gaz­zi han­no un’età in cui non si può più tra­sfe­rir­li in bloc­co come quan­do era­no pic­co­li. Co­sì ho scel­to l’al­ber­go, do­ve non man­ca nul­la e mi pos­so con­cen­tra­re sul­la Samp­do­ria».

Ri­pen­sa mai al­la sua vi­ta ai tempi del con­flit­to nei Bal­ca­ni?

«Cer­to, chi ha vis­su­to quel­la tra­ge­dia non po­trà dimenticarla. Quan­do so­no tor­na­to a Vu­ko­var, su­bi­to do­po la guer­ra, non riu­sci­vo a orien­tar­mi per­ché non c’era un edi­fi­cio in­te­gro, era sta­to tut­to ra­so al suo­lo. Fui ac­com­pa­gna­to da al­cu­ni sol­da- ti che, da­van­ti a me, ri­le­va­va­no le mine lun­go la strada con un me­tal de­tec­tor. L’immagine di quel­la de­va­sta­zio­ne non riu­sci­rò a can­cel­lar­la mai: nean­che og­gi, che è sta­to tut­to ri­co­strui­to, rie­sco a tro­va­re la for­za per tor­nar­ci. È lo stes­so sentimento che ho pro­va­to quan­do ho per­so mio pa­dre: l’ul­ti­ma vol­ta in cui l’ho sa­lu­ta­to era già mor­to; adesso, quan­do ri­pen­so a lui, con­ti­nuo a rivedere i suoi oc­chi chiu­si e non le al­tre immagini bel­le del­la no­stra vi­ta».

In que­gli an­ni pre­se al­cu­ne po­si­zio­ni mol­to for­ti sul­la guer­ra, per cui fu cri­ti­ca­to... «Sof­fri­vo all’idea che in tan­ti par­las­se­ro dei Bal­ca­ni sen­za co­no­sce­re, sen­za aver visto con i pro­pri oc­chi o aver per­so la ca­sa, gli amici, gli af­fet­ti, com’era in­ve­ce ac­ca­du­to a noi. E non mi ri­fe­ri­sco solo ai ser­bi: an­che ai croa­ti, ai mu­sul­ma­ni, a tutti. In guer­ra non ci so­no buo­ni e cattivi, vin­ci­to­ri e vin­ti, è solo una tra­ge­dia che ri­guar­da chiun­que e ha un solo colore, il ros­so del san­gue. Ogni guer­ra do­vreb­be in­se­gna­re al mon­do in­te­ro a non ri­pe­te­re più cer­ti er­ro­ri, in­ve­ce con­ti­nua­no a scop­pia­re con­fit­ti, an­che vi­ci­no a noi. Pe­rò, sia chia­ro, non ho mai fat­to po­li­ti­ca: so­no sem­pre sta­to uno spor­ti­vo che parlava del dram­ma di ca­sa sua».

Ri­cor­da il suo pri­mo sti­pen­dio da cal­cia­to­re?

«Era il 1988, ave­vo 18 an­ni e gio­ca­vo a No­vi Sad. Tor­na­to a ca­sa do­po un al­le­na­men­to ave­vo but­ta­to quel mucchio di sol­di nel­la ro­ba da la­va­re rac­col­ta da mia ma­dre. Lei li vi­de e sbian­cò: pen­sa­va che aves­si fat­to una ra­pi­na. Nes­su­no in ca­sa cre­de­va che il cal­cio avreb­be po­tu­to aiu­tar­ci eco­no­mi­ca­men­te. Con quei sol­di com­prai a mio pa­dre una ver­sio­ne ser­ba del­la Fiat 128. Da al­lo­ra, per al­cu­ni an­ni, con­se­gnai sem­pre gli sti­pen­di ai miei ge­ni­to­ri: non era­va­mo pro­prio poveri, ma, come tan­ti, fa­ce­va­mo fa­ti­ca a ti­ra­re avan­ti».

Com’è sta­ta l’in­fan­zia?

«Fe­li­ce, spen­sie­ra­ta. Gio­ca­vo sem­pre a pallone e spe­ra­vo di di­ven­ta­re ric­co per com­prar­mi un ca­mion di ba­na­ne: io e mio fra­tel­lo ne an­da­va­mo ghiot­ti, ma ne ri­ce­ve­va­mo solo una a te­sta, giu­sto per le fe­ste. Era­va­mo sot­to il co­mu­ni­smo più du­ro, ma non mi man­ca­va nul­la, mi ba­sta­va gio­ca­re e sognare. Per que­sto mi fa­ce­va sor­ri­de­re quan­do cer­ca­va­no di affb­biar­mi a tutti i co­sti un’eti­chet­ta po­li­ti­ca: ho le mie idee

« SO­GNA­VO DI DI­VEN­TA­RE RIC­CO PER COM­PRA­RE UN CA­MION DI BA­NA­NE»

«Ci chia­ma­te “zin­ga­ri”, ma uno zin­ga­ro puoi met­ter­lo do­ve vuoi e sa­prà sem­pre ca­var­se­la»

ma le ten­go per me. Io mi oc­cu­po di cal­cio, io vo­glio vincere le par­ti­te».

Come si ve­de tra 20 an­ni? An­co­ra ad al­le­na­re o su un’isola a go­der­si la pen­sio­ne?

«Non mi è mai pia­ciu­to ozia­re. Se non sa­rò del tut­to rin­co­glio­ni­to mi ve­do an­co­ra a fa­re il la­vo­ro che amo. Il cal­cio è un me­stie­re da pri­vi­le­gia­ti, ecco per­ché mi ar­rab­bio con i miei gio­ca­to­ri quan­do ve­do che non met­to­no l’im­pe­gno ne­ces­sa­rio per ono­ra­re que­sta fortuna».

Nell’ul­ti­mo an­no, sia lei sia il presidente del­la Samp, Mas­si­mo Fer­re­ro, ave­te par­la­to del­la “fa­me” come ar­ma per ot­te­ne­re ri­sul­ta­ti. An­che se sie­te di­ver­sis­si­mi, evi­den­te­men­te c’è qual­co­sa che vi ac­co­mu­na…

«È la scuo­la del­la strada, che ti fa le spal­le più lar­ghe e ti in­se­gna un po’ di ma­li­zia. Ci so­no cose che sui li­bri o all’uni­ver­si­tà non puoi im­pa­ra­re. La fa­me ti spin­ge do­ve al­tri non ar­ri­va- no. Per ri­spon­de­re al­le prime con­vo­ca­zio­ni in na­zio­na­le mi fa­ce­vo pre­sta­re da un ami­co un pa­io di scar­pe da rug­by e poi le mo­di­f­ca­vo, og­gi i miei fgli avran­no die­ci pa­ia dell’ul­ti­mo mo­del­lo: come po­treb­be­ro ave­re la stes­sa vo­glia di emer­ge­re che ave­vo io? Va­le an­che per la mia pri­mo­ge­ni­ta, che ha 18 an­ni e vor­reb­be an­da­re a stu­dia­re a Lon­dra ma for­se non lo fa­rà, per­ché a ca­sa ha la pap­pa sem­pre pron­ta. Qua­le pen­sa­te sa­reb­be la ri­spo­sta se an­das­si in Ser­bia a chie­de­re a die­ci ra­gaz­zi: “Chi di voi vuo­le stu­dia­re a Lon­dra”? Par­ti­reb­be­ro in 20».

Sua mo­glie Arian­na le ha da­to quat­tro fgli, l’ul­ti­mo re­ga­lo che le ha fat­to?

«L’ho ba­cia­ta sta­mat­ti­na pri­ma di usci­re di ca­sa» (sor­ri­de).

L’ul­ti­mo li­bro let­to?

«Ho sem­pre let­to mol­to e sa­rò eter­na­men­te gra­to a un vec­chio pro­fes­so­re che mi sti­mo­lò nel mo­do giu­sto con­si­glian­do­mi la let­tu­ra di Ivo An­dric´, l’uni­co ser­bo pre­mio No­bel per la Let­te­ra­tu­ra. L’ho let­to, due vol­te: la pri­ma quan­do ero ra­gaz­zo, e non ci ca­pii nien­te; la se­con­da da adul­to, e ho ca­pi­to tut­to. Uno de­gli ul­ti­mi li­bri che ho let­to è Psi­co­lo­gia del­le mas­se e analisi dell’io, di Fre­du. In ge­ne­ra­le so­no mol­to in­te­res­sa­to ai li­bri sul mio la­vo­ro, so­prat­tut­to quel­li con con­te­nu­ti di psi­co­lo­gia».

Per chiu­de­re, to­glie­reb­be un dub­bio sto­ri­co agli in­te­ri­sti: Dar­ko Panc´ ev era “il Co­bra” che ave­va vin­to la Scar­pa d’oro quan­do era al­la Stella Ros­sa, op­pu­re “il Ra­mar­ro” visto in Ita­lia?

«Panc´ev era un co­bra ve­ro, le­ta­le in aria di ri­go­re. Gra­zie a lui ab­bia­mo trion­fa­to in Eu­ro­pa. L’in­ter non gio­ca­va in mo­do adat­to al suo sti­le di cen­troa­van­ti ma, po­te­te fda­te­vi, era tut­to fuor­ché un ra­mar­ro».

«CRE­SCE­RE

P E R S T RA DA

TI F A VE­NI­RE

LE SP AL­LE

LAR­GHE» «Per an­da­re in na­zio­na­le mi fa­ce­vo pre­sta­re le scar­pe da rug­by da un ami­co e le mo­di­fi­ca­vo»

Una del­le gran­di pas­sio­ni di Mi­ha­j­lo­vic ´ ( fo­to­gra­fa­to per que­ste pa­gi­ne nel­la stan­za dell’ho­tel Me­lià di Ge­no­va, do­ve vi­ve) so­no gli abi­ti su mi­su­ra: gra­zie al co­mu­ne ami­co Da­rio

Mar­co­lin, in­sie­me a Ro­ber­to Man­ci­ni ha sco­per­to l’al­ta sar­to­ria na­po­le­ta­na. Gran­de ti­ra­to­re dal­la di­stan­za, Si­ni­ša de­tie­ne tut­to­ra il

re­cord di gol se­gna­ti in Ita­lia su pu­ni­zio­ne di­ret­ta: 28. Die­tro di lui, a quota 27, An­drea Pir­lo

DA CAL­CIA­TO­RE, SI­NI­ŠA MI­HA­J­LO­VIC´ HA VIN­TO AN­CHE UNA COPP A DEI CAM­PIO­NI CON LA STELLA ROS­SA NEL 1991

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.