Il mio pia­no suo­ne­rà il pop

IL GENTLEMAN La su­per­star ci­ne­se del­la mu­si­ca clas­si­ca LANG LANG ( il 30 giu­gno a Mi­la­no) ha de­ci­so: « Ora un di­sco con ar­ran­gia­men­ti gran­dio­si e rit­mi hip hop »

GQ (Italy) - - Alfredo - Te­sto di SI­MO­NE SAC­CO

Nyon è un’oa­si di quie­te nel­la Sviz­ze­ra fran­ce­se, a po­chi chi­lo­me­tri da Gi­ne­vra. Qui, come sa be­ne ogni cal­cio­flo, la Ue­fa ha il suo quar­tier ge­ne­ra­le e Mi­chel Platini è di ca­sa. Tut­ta­via il no­stro obiet­ti­vo è un al­tro: se­gui­re un ci­ne­se thir ty­so­me­thing (com­pie 33 an­ni il 14 giu­gno), edu­ca­to come nel più clas­si­co de­gli ste­reo­ti­pi su­gli orien­ta­li, che ora è in­ten­to a fr­ma­re la scul­tu­ra di una muc­ca piaz­za­ta da­van­ti all’in­gres­so di una ma­ni­fat­tu­ra.

Lang Lang, il pianista che da an­ni ha tra­sce­so lo sta­tus di se­rio­so e inav­vi­ci­na­bi­le mu­si­ci­sta clas­si­co, sta la­scian­do il suo au­to­gra­fo su un’ope­ra dell’ar­ti­sta Wal­ter Knapp (au­to­re del pro­get­to iti­ne­ran­te Cow Pa­ra­de) ac­can­to a quel­li di al­tre ce­le­bri­tà, es­sen­do diventato am­bas­sa­dor di Hu­blot, il brand di oro­lo­gi hi-te­ch. E og­gi è a Nyon, nel­la se­de-la­bo­ra­to­rio dell’azien­da, per far­si rac­con­ta­re com’è fat­to il pre­zio­so esem­pla­re di Big Bang Car­bon Be­zel Ba­guet­te Dia­monds (prezzo di li­sti­no: 80mi­la dol­la­ri...) che in­dos­sa sul polso sinistro. Come se si trat­tas­se di un pia­no­for­te a co­da Stei­n­way o di una Fer­ra­ri.

Gi­ra per la ma­ni­fat­tu­ra col ca­mi­ce bianco da ar­ti­gia­no del lus­so. Os­ser­va curioso, sfo­ra con i guanti i de­li­ca­ti in­gra­nag­gi, por­ge do­man­de a chiun­que la­vo­ri con pin­zet­te e mo­no­co­lo. E chiac­chie­ra con l’en­tu­sia­smo di un bim­bo che ha ap­pe­na sva­li­gia­to un ne­go­zio di Play­sta­tion.

Pri­ma sa­rà agli Ar­cim­bol­di, poi in va­can­za a Ca­pri

«Ar­ri­vi dall’ita­lia? Wow, ado­ro il tuo Pae­se e tra po­co ver­rò a la­vo­rar­ci», mi dice. Do­po aver par­te­ci­pa­to in piaz­za Duo­mo al­la gran­de se­ra­ta d’inau­gu­ra- zio­ne dell’ex­po me­ne­ghi­no, il 30 giu­gno tor­ne­rà a Mi­la­no, al Tea­tro de­gli Ar­cim­bol­di, per un re­ci­tal mol­to at­te­so. L’ita­lia, in ef­fet­ti, lo af­fa­sci­na so­prat­tut­to per una questione di di­zio­na­rio pia­ni­sti­co: «Fin da pic­co­lo ho ini­zia­to a fa­mi­lia­riz­za­re con la vo­stra lin­gua, ma non ero un ti­po da “Ciao, bel­la” o “pa­sta al po­mo­do­ro”. A me pia­ce­va­no pa­ro­le come “Ada­gio”, “Mo­de­ra­to”, “Fan­ta­sti­co” e “Al­le­gret­to”. Ah, l’ita­lia! Ma­ga­ri tra qual­che me­se mi re­ga­le­rò una va­can­za a Ca­pri e lì co­min­ce­rò a pen­sa­re a del­la nuo­va mu­si­ca».

Mol­te cose so­no cam­bia­te nell’im­ma­gi­na­rio culturale di Lang Lang da quan­do si esi­bi­va, ap­pe­na 13en­ne, al­la Con­cert Hall di Pe­chi­no o si fa­ce­va ac­com­pa­gna­re in Giap­po­ne dal­la Mo­scow Phi­lhar­mo­nic Or­che­stra ti­ran­do giù i tea­tri. Gli oriz­zon­ti si so­no am­plia­ti, il rock più col­to è an­da­to a bus­sa­re al suo con­ven­to. Ti­po quel­lo di Mike Ol­d­field, che nel 2008 lo in­vi­tò a suo­na­re in Mu­sic of the Sphe­res, il cui ri­cor­do, pe­rò, og­gi non gli su­sci­ta par­ti­co­la­ri en­tu­sia­smi: « È suc­ces­so tan­to tem­po fa, ero

GIÀ A 13 AN­NI

FAC EVA V E N I R

GIÙ I TEA TRI,

DA M OS CA

A T OKYO

LANG LANG CON RI­CAR­DO GUA­DA­LU­PE, CEO DI HU­BLOT, IL MARCHIO DI ORO­LO­GE­RIA DI CUI IL PIANISTA È AM­BAS­SA­DOR IL PIANISTA LANG LANG È NA TO A SHENYANG ( CI­NA), IL 14 GIU­GNO 1982

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.