Ve la do io la pop­star

Lui ( e la “vi­ta di mer­da” del pri­mo sin­go­lo) è stra- pas­sa­to. LE­VAN­TE è ar­ri­va­ta al suo se­con­do di­sco, Ab­bi cu­ra di te , fa­cen­do un uso spin­to del­la felicità, par­ten­do da un nuo­vo ta­tuag­gio e dall’amo­re per un “Sir”

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di FA­BIO DE LU­CA Foto di FAN­NY LA­TOUR- LAM­BERT

Sky Fer­rei­ra? Ci so­no buo­ne pro­ba­bi­li­tà che non ab­bia­te mai sen­ti­to par­la­re di lei. Nel ca­so, con­so­la­te­vi: sie­te in buo­na com­pa­gnia. Il che fa di Sky Fer­rei­ra uno stra­no ca­so di “pop­star sco­no­sciu­ta”. Il suo è un espe­ri­men­to di mar­ke­ting ap­pa­ren­te­men­te ini­zia­to ma­le – l’in­du­stria di­sco­gra­f­ca che pro­va a crea­re da zero una nuo­va Brit­ney Spears – ma in real­tà fni­to (for­se) be­nis­si­mo: nel sen­so che, a og­gi, la sua è una ra­ra sto­ria di au­to­de­ter­mi­na­zio­ne dall’in­ter­no del mec­ca­ni­smo del bu­si­ness dell’in­trat­te­ni­men­to. E per sa­pe­re se l’espe­ri­men­to è ef­fet­ti­va­men­te riu­sci­to ba­sta aspet­ta­re l’usci­ta dell’at­te­sis­si­mo (e fnal­men­te an­nun­cia­to) se­con­do al­bum: Ma­so­chi­sm.

Sky non è La­na Del Rey (la diva di­sfun­zio­na­le che ar­ri­va con tut­to il suo re­per­to­rio di ri­fe­ri­men­ti “al­ti”, da Da­vid Lyn­ch a Nan­cy Si­na­tra), e non è Mi­ley Cy­rus (la tee­na­ger-pa­ra­ful­mi­ne che si fa ca­ri­co di tut­te le con­tro­ver­sie ge­ne­ra­zio­na­li di un mo­men­to sto­ri­co). Lei rien­tra in quel­la nuo­va co­va­ta di pop­star “pen­sie­ro­se” – l’al­tra che vie­ne in men­te è la neo­ze­lan­de­se Lor­de – per le qua­li la def­ni­zio­ne di una pro­pria per­so­na pub­bli­ca è un pro­ces­so di in­di­vi­dua­zio­ne ne­ces­sa­ria­men­te lun­go e tor­men­ta­to, trat­tan­do­si a tutti gli ef­fet­ti di un pro­lun­ga­men­to del­la lo­ro per­so­na “ve­ra”, e per le qua­li non ci può es­se­re suc­ces­so sen­za re­pu­ta­zio­ne. Da cui il pa­ra­dos­so di es­se­re ra­gaz­ze-co­per­ti­na, ma al tem­po stes­so di ri­ce­ve­re un vo­to come 8,1 sul­la bib­bia del gu­sto in­die, Pit­ch­fork; e la libertà suprema in­di­vi­dua­ta nel non es­se­re vin­co­la­ti al me­de­si­mo ste­reo­ti­po este­ti­co o cli­ché mo­ra­le per tut­ta la vi­ta (o la car­rie­ra).

Nel bu­si­ness da quan­do ave­va 17 an­ni (fr­mò il suo pri­mo con­trat­to di­sco­gra­f­co sul­la scia di un pa­io di vi­deo po­sta­ti su My­spa­ce), Sky Fer­rei­ra non è tec­ni­ca­men­te fglia d’ar­te, ma sua non­na (che per va­rie ra­gio­ni fu per lei come una mam­ma) è sta­ta per 30 an­ni la parrucchiera di Mi­chael Jack­son, e pa­re che fu lui – do­po aver­la in­co­rag­gia­ta a can­ta­re per lui all’età di 11 an­ni, ed es­ser­si com­mos­so nel sen­tir­la – a con­si­gliar­le di stu­dia­re l’ope­ra e di in­si­ste­re.

Do­po la fr­ma del con­trat­to con una major pas­se­ran­no due an­ni pri­ma che esca un sin­go­lo, e al­tri due pri­ma che ve­da la lu­ce il suo tor­men­ta­to e plu­ri-rimandato al­bum di esor­dio Night Time, My Time. Nel frat­tem­po Sky di­ven­ta una pic­co­la ico­na per la sce­na dance: can­ta nell’al­bum Rom­bo­ra­ma dei no­stri Bloo­dy Bee­troo­ts, in quel­lo dei bel­gi Ae­ro­pla­ne, in Li­vin’ My Lo­ve di Ste­ve Ao­ki, e com­pa­re nei vi­deo di Uf­fe ( Pop the Glock) e Ju­sti­ce vs Si­mian ( We Are Your Friends). Per Sky, pe­rò, quel­lo è solo un ri­to di pas­sag­gio.

Dal­la sce­na dance si al­lon­ta­ne­rà def­ni­ti­va­men­te all’usci­ta del sin­go­lo Red Lips, nell’esta­te del 2012: il bra­no è il pri­mo pas­so di Fer­rei­ra lon­ta­no dal­le in­di­ca­zio­ni del suo ma­na­ge­ment e ver­so il suo in­die-go­th-pop chi­tar­ri­sti­co. Non sa­rà un pas­so sen­za con­se­guen­ze: la ca­sa di­sco­gra­f­ca le di­mez­za i fon­di e la de­clas­sa a “pro­get­to sen­za spe­ran­ze com­mer­cia­li”. Lei se la ride, fa be­ne i con­ti per non sfo­ra­re il budget e si go­de la libertà. «Il ri­cat­to con cui le case di­sco­gra­f­che ti ten­go­no in scac­co è: “Se adesso fai quel­lo che ti di­cia­mo noi, do­po sa­rai libera di fa­re quel­lo che vuoi tu”», rac­con­te­rà me­si do­po al Guar­dian. «Vo­glio­no del­le pop­star che sia­no come uno scher­mo bianco, ma al tem­po stes­so ti chie­do­no di ave­re per­so­na­li­tà, di es­se­re in gra­do di so­ste­ne­re fno in fon­do quel ruo­lo che lo­ro han­no de­ci­so per te. So­no ar­ri­va­ta a un pun­to in cui mi so­no det­ta: “Ok, se que­sto è es­se­re una pop­star, al­lo­ra non vo­glio es­se­re una pop­star”. È un mio pro­ble­ma: de­te­sto mi ven­ga det­to come de­vo es­se­re».

A leg­ge­re le in­ter­vi­ste ri­la­scia­te nei di­ver­si mo­men­ti del­la sua tra­sfor­ma­zio­ne, la sen­sa­zio­ne è di ave­re di fron­te una 40en­ne im­pri­gio­na­ta nel cor­po di una 20en­ne. «La gente ve­de che cam­bio di con­ti­nuo, e con­clu­de che sia solo del mar­ke­ting», rac­con­ta sem­pre al Guar­dian. «Be’, a ognu­na di que­ste per­so­ne vor­rei di­re: “Pos­so ve­de­re le tue foto del­la scuo­la su­pe­rio­re? Oh, ecco, guar­da quan­ti cam­bia­men­ti da un an­no all’al­tro”. La per­so­ne si di­men­ti­ca­no che so­no an­che una ra­gaz­za, che sto an­che spe­ri­men­tan­do con me stes­sa». E sul pa­ral­le­lo tra­sfor­mi­smo nel­lo sti­le del­le can­zo­ni (sta­vol­ta la fon­te è Interview): «Non mi pia­ce l’idea di es­se­re conf­na­ta a un solo sti­le, e so­no si­cu­ra che il pub­bli­co la ve­de come me. Per lo­ro cam­bia­re con­ti­nua­men­te è la nor­ma­li­tà. Con Spo­ti­fy e itu­nes non c’è nem­me­no più il ge­sto di cam­bia­re il cd nel let­to­re: il tem­po che se­pa­ra una can­zo­ne da un’al­tra com­ple­ta­men­te di­ver­sa è me­no di un mil­li­se­con­do».

Pre­sto do­vrem­mo ve­der­la al ci­ne­ma, to­tal­men­te co­per­ta di san­gue e cir­con­da­ta da un grup­po di can­ni­ba­li

Sui pa­ral­le­li­smi tra lei e al­tre gran­di ico­ne del­la mu­si­ca pop: «È un ar­go­men­to sul qua­le a mol­ti pia­ce ve­de­re dell’am­bi­gui­tà, ma la ve­ri­tà è che Mi­ley Cy­rus e io sia­mo mol­to di­ver­se mu­si­cal­men­te, ma con­di­vi­dia­mo la stes­sa one­stà di fon­do. (...) Madonna è una che è sem­pre sta­ta mol­to con­sa­pe­vo­le di ciò che sta­va suc­ce­den­do. Deb­bie Harry in­ve­ce era so­prat­tut­to cool, in quel­lo stes­so mo­do in cui lo era Ni­co: per­so­nag­gi au­ten­ti­ci, e a cui non fre­ga­va un caz­zo di come ap­pa­ri­va­no o di co­sa la gente si aspet­ta­va da lo­ro».

C’è poi un ul­ti­mo ca­pi­to­lo del­la vi­cen­da uma­na e ar­ti­sti­ca di Sky che po­treb­be ul­te­rior­men­te def­ni­re la sua po­si­zio­ne sul­le map­pe: il suo pri­mo flm come (co)pro­ta­go­ni­sta, The Green Inferno del mae­stro del tor­tu­re-porn Eli Ro­th. Di­chia­ra­to omag­gio al clas­si­co Can­ni­bal Ho­lo­cau­st di Rug­ge­ro Deo­da­to, il flm (la cui usci­ta in Ita­lia non è an­co­ra sta­ta fs­sa­ta) è am­bien­ta­to nel­la fo­re­sta plu­via­le pe­ru­via­na e rac­con­ta la brut­ta fne di un grup­po di gio­va­ni am­bien­ta­li­sti, ca­du­ti nel­le ma­ni del­la tri­bù can­ni­ba­le che sta­va­no cer­can­do di sal­va­re. Sky fa la par­te di una stu­den­tes­sa che ha in camera il po­ster di Ch­ri­stia­ne F. - Noi i ra­gaz­zi del­lo zoo di Ber­li­no. Nel trai­ler la si ve­de, scar­mi­glia­ta e con la fac­cia di­pin­ta di bianco, che ur­la cir­con­da­ta dai can­ni­ba­li. A que­sto Madonna, in ef­fet­ti, non ci era mai ar­ri­va­ta.

«MI­LEY E IO SIA­MO DI­VER­SE MU S I C A L M E N T E , MA SIAM O TUT TE E DUE ONE STE»

Un an­no fa vo­le­vi fa­re la ri­vo­lu­zio­ne. Come è an­da­ta?

«Ho cam­bia­to ca­sa, ho cam­bia­to uo­mo».

Fi­ne del­la vi­ci­na che pro­te­sta­va per i tac­chi?

« Sì! Ma ho tro­va­to die­tro l’an­go­lo, sem­pre a Van­chi­glia, l’uni­co quar­tie­re a To­ri­no a da­re il no­me ai suoi abi­tan­ti. So­no una fe­ra van­chi­glie­se. Ho tut­to, il bar do­ve pren­do il cap­puc­cio di latte di so­ia...».

Di so­ia?

«So­no asma­ti­ca: il latte vac­ci­no peg­gio­ra la si­tua­zio­ne».

Al­lo­ra: ca­sa a Van­chi­glia.

«Gran­de. Ci stia­mo in due. Ho chiu­so una por­ta per aprir­ne un’al­tra: ho scel­to di pren­der­mi cu­ra di me». sciami an­da­re par­la di lui, gli dò mo­do di dir­mi la sua…».

Ti par­la an­co­ra?

«Sia­mo ri­ma­sti amici. Non mi ha mai giu­di­ca­ta, for­se per­ché so­no sta­ta sincera: so­no an­da­ta via di­cen­do che ero in­na­mo­ra­ta di un’al­tra per­so­na. È una co­sa che uc­ci­de, ma allo stes­so tem­po ti fa ap­prez­za­re di non re­sta­re ap­pe­sa a un fi­lo. Puoi ro­vi­na­re le per­so­ne, a non di­re la ve­ri­tà».

Al­tre trac­ce im­por­tan­ti?

« Quel­la in cui can­ta mia mam­ma. In Fin­ché mor­te non ci se­pa­ri par­lo di mia ma­dre, e non di mio pa­dre. Par­lo di quel­la ra­gaz­zi­na se­di­cen­ne che le­gò le len­zuo­la per ca­lar­si dal pri­mo pia­no e rag­giun­ge­re il ra­gaz­zo di cui era in­na­mo­ra­ta. Mam­ma è sta­ta bra­vis­si­ma: non ci so­no cor­re­zio­ni di vo­ce, qual­cu­no l’ha pa­ra­go­na­ta a Bat­tia­to... Que­sta è una del­le cose più pre­zio­se che ho fat­to».

Ri­con­ci­lia­zio­ni: fat­te. Che co­sa ti man­ca ora?

« Non lo so. In fon­do l’ho sem­pre usa­ta co­sì, la mu­si­ca: per scio­glie­re nodi. Come un’ana­li­sta che al­la fne non pa­go».

L’an­no scor­so aspet­ta­vi i pro­ven­ti del­la Siae per fa­re il tuo pri­mo gran­de viag­gio.

«In viag­gio so­no an­da­ta lo stes­so, sen­za Siae. A New York e Los An­ge­les, in va­can­za. Di nuo­vo ne­gli Sta­tes se­guen­do Bob in tour. E poi al Sou­th by Sou­th­we­st, a Austin».

Boc­cia­ta a San­re­mo, chia­ma­ta al fe­sti­val più in­te­res­san­te de­gli Usa. Non ma­le!

«È sta­to un so­gno mai so­gna­to: can­ta­re in Ame­ri­ca».

Co­sa è pia­ciu­to di te?

«Le so­prac­ci­glia? La so­no­ri­tà. Mtv In­ter­na­tio­nal ha par­la­to di me lin­kan­do un mio pez­zo, Non stai be­ne, un po’ punk, cat­ti­vo. Mi pia­ce che ab­bia­no ap­prez­za­to il mio la­to grin­to­so».

Da­gli Usa al 1° mag­gio.

«Su co­rag­gio».

Era il se­con­do con­cer­to che fa­ce­vi.

«Que­sta vol­ta so­no sa­li­ta in bar­ba all’an­sia che ti as­sa­le da­van­ti a 100-150mi­la per­so­ne. Ho pen­sa­to al ri­cor­do di quel­la pau­ra e l’ho spaz­za­ta via di­cen­do “No, ti co­no­sco già, stai lì che ho del­le cose da di­re e solo set­te mi­nu­ti di tem­po, che so­no po­chi, trop­po po­chi”».

Pri­ma vo­le­vi scri­ve­re un li­bro, adesso hai in ma­no un di­sco con tan­te pa­gi­net­te.

«Sì! Il pri­mo di­sco non ave­va nem­me­no i rin­gra­zia­men­ti, al­lo­ra mi so­no det­ta che avrei fat­to un li­bro e ci avrei in­fla­to den­tro un cd. Il ro­man­zo che vo­le­vo scri­ve­re in­ve­ce l’ho ri­tro­va­to in una chia­vet­ta Usb».

Che ef­fet­to ti ha fat­to?

« Ave­vo 23 an­ni e qual­che stra­sci­co ado­le­scen­zia­le, ma l’idea non era mal­va­gia».

Qual è il pro­get­to che vuoi rea­liz­za­re adesso?

«Sai che mi pia­ce di­se­gna­re, e sai co­sa di­se­gno da sem­pre? Le ca­set­te. Vo­glio una ca­sa mia, non vo­glio più pa­ga­re l’afft­to».

Dov’è fni­ta la Siae?

« Sa­pes­si quan­to ho pre­so do­po Al­fon­so... Due mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni, 22 Pae­si nel mon­do. Fa ri­de­re, la Siae».

Ita­lia­ni che ti piac­cio­no?

«Ma­li­ka Aya­ne. Ce­sa­re Cre­mo­ni­ni. Cri­sti­na Do­nà. I Ver­de­na, nel mio cuo­re da sem­pre. Gli stra­nie­ri? Adesso so­no in­na­mo­ra­ta di Na­ta­lia La­four­ca­de e del suo Ha­sta la Raíz. Ho per­si­no cer­ca­to gli ac­cor­di per suonarla, come non fac­cio mai».

Sot­to la doc­cia co­sa can­ti?

« Pri­ma His Fa­ther di The Slee­ping Tree, che in real­tà è un ra­gaz­zo friu­la­no, Giu­lio Frau­sin. Adesso Na­ta­lia».

Il pros­si­mo ta­tuag­gio, tu e Bob lo fa­te as­sie­me?

«Già fat­to! “Ab­bi cu­ra di te” lui ce l’ha scrit­to in in­gle­se. No! Non do­ve­vo dir­lo!».

« q u i c a n ta mia ma­dre: È b r ava , sem­bra b at t i ato ! »

«Ora sto con una rockstar. Sì, lo so, è il cli­ché

dei cli­ché, il dot­to­re con l’in­fer­mie­ra...»

SKY FER­REI­RA ( LOS AN­GE­LES, 8 LU­GLIO 1992) HA AN­NUN­CIA TO DA PO­CO IL TI­TO­LO DEL SUO SE­CON­DO, A TTESISSIMO DI­SCO: MA­SO­CHI­SM

IN TUT­TO IL SER­VI­ZIO, SKY IN­DOS­SA TOT AL LOOK UO­MO SAINT LAURENT BY HE­DI SLI­MA­NE E BRAC­CIA­LE CRU­CIA­NI

LE­VAN­TE, 28 AN­NI il 23 mag­gio. « so­no UNA GE­MEL­LI con cu­spi­de in Toro E ASCEN­DEN­TE in pe­sci: sia­mo 100 den­tro di me, dif­fi­ci­le ca­pi­re con chi stai par­lan­do Adesso »

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.