IL CAF­FÈ RIEM­PIE L A B O R SA

BU­SI­NESS Die­tro il marchio SE­GA­FRE­DO c’è un co­los­so dell’espres­so (e del tè), pre­sen­te in tutti i con­ti­nen­ti con 29 brand. Do­po la quo­ta­zio­ne di ini­zio giu­gno a Piaz­za Affari, il presidente Mas­si­mo Za­net­ti ha già in te­sta di fa­re un al­tro gran­de salto

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di CA­MIL­LA CON­TI

“Un caf­fè in Piaz­za Affari”, han­no ti­to­la­to i gior­na­li al­la fi­ne dell’an­no scor­so, quan­do la Mas­si­mo Za­net­ti Be­ve­ra­ge Group ha an­nun­cia­to la sua quo­ta­zio­ne in Bor­sa (mis­sio­ne por­ta­ta a ter­mi­ne all’ini­zio di giu­gno). È solo l’ul­ti­mo ca­pi­to­lo del­la lun­ga sto­ria del grup­po tre­vi­gia­no, no­to in Ita­lia per il marchio Se­ga­fre­do ma con un por­ta­fo­glio di ven­ti­no­ve brand e un net­work glo­ba­le di qua­ran­ta­cin­que so­cie­tà. Ci so­no an­che le macchine per caf­fè La San Mar­co; il tè scoz­ze­se Bro­dies, ama­to dai par­la­men­ta­ri di Edim­bur­go; il tè e il caf­fè Tik­tak, che fi­ni­sco­no nel­le taz­ze dei rea­li d’olan­da. E an­che il coffee Kauai, che ar­ri­va da una pian­ta­gio­ne di 1.500 et­ta­ri al­le Ha­waii e vie­ne sor­seg­gia­to abi­tual­men­te da Ba­rack Oba­ma.

Fat­tu­ra 780 mi­lio­ni di eu­ro, con un net­work di 45 so­cie­tà

Una ve­ra e pro­pria in­du­stria del caf­fè (e del tè) a 360 gra­di, non un clas­si­co tor­re­fat­to­re, che par­te dall’ap­prov­vi­gio­na­men­to del­le mi­glio­ri ma­te­rie prime per ar­ri­va­re al­le caf­fet­te­rie, pro­du­ce mar­che pri­va­te per le gran­di ca­te­ne del­la di­stri­bu­zio­ne e del­la ri­sto­ra­zio­ne, ma an­che macchine e at­trez­za­tu­re da bar. Un po’ Star­bucks nel re­tail, un po’ Green Mountain nel­le cap­su­le Usa. E c’è chi so­stie­ne che l’azien­da ab­bia an­che un po’ del­la Ne­stlé.

Di cer­to par­lia­mo di uno dei più gran­di player glo­ba­li nel set­to­re del caf­fè, die­tro a co­los­si come Ne­stlé e Kraft. La Mas­si­mo Za­net­ti Be­ve­ra­ge Group è pre­sen­te in ol­tre 100 Pae­si, in tutti e cin­que i con­ti­nen­ti, con cir­ca 100mi­la clien­ti e ol­tre 400 ne­go­zi in franchising, per un fat­tu­ra­to di 780 mi­lio­ni di eu­ro (il 90% ot­te­nu­ti all’este­ro).

Il mer­ca­to più im­por­tan­te è quel­lo ame­ri­ca­no, poi ven­go­no Fran­cia, Ger­ma­nia, Ita­lia e Fin­lan­dia. L’ul­ti­ma ban­die­ri­na è sta­ta pian­ta­ta in Asia, con l’ac­qui­sto, per 85 mi­lio­ni di dol­la­ri, di Bon­ca­fè, at­ti­vo in Thai­lan­dia, Sin­ga­po­re, Ma­le­sia, do­ve è lea­der nel­la tor­re­fa­zio­ne e nel­la vendita di caf­fè gour­met e at­trez­za­tu­re da bar.

Nel 2015 è sta­ta si­gla­ta una part­ner­ship com­mer­cia­le per l’aper­tu­ra di cin­quan­ta “bou­ti­que del caf­fè” in Ci­na, ed è sta­to inau­gu­ra­to il pri­mo im­pian­to di tor­re­fa­zio­ne del grup­po in Viet­nam, nel distretto in­du­stria­le di Ho Chi Mi­nh: lo sta­bi­li­men­to si esten­de su una su­per­fi­cie di ol­tre 5mi­la me­tri qua­dra­ti, con una ca­pa­ci­tà pro­dut­ti­va che può rag­giun­ge­re cir­ca 50mi­la sac­chi di caf­fè all’an­no.

Ne­gli ul­ti­mi me­si, il grup­po ha an­che ri­le­va­to il marchio cen­troa­me­ri­ca­no Ce­ca, tra i più dif­fu­si in Co­sta Ri­ca. Tan­to che Ca­fé Mon­taña, brac­cio la­ti­no–ame­ri­ca­no de­gli Za­net­ti, sca­le­rà pre­sto la clas­si­fi­ca dei caf­fè più ven­du­ti sa­len­do dal quinto al ter­zo po­sto, con il 15% del mer­ca­to co­sta­ri­ca­no.

Il mo­del­lo di bu­si­ness dell’azien­da so­mi­glia a quel­lo di Lu­xot­ti­ca: cre­sce­re per ac­qui­si­zio­ni, pun­tan­do ai Pae­si do­ve il mer­ca­to è di­na­mi­co. In real­tà, Mas­si­mo Za­net­ti (clas­se

CRE­SCE NEI

PA E S I DINAMICI E A R R I VA F I N O

A O BAMA

1948) ha rac­con­ta­to una vol­ta che l’ispi­ra­zio­ne gli è ar­ri­va­ta se­guen­do un se­mi­na­rio nel qua­le il car­di­na­le Car­lo Maria Mar­ti­ni spie­ga­va com’era or­ga­niz­za­ta la strut­tu­ra del­la Cu­ria am­bro­sia­na: « Una mac­chi­na per­fet­ta. La Se­ga­fre­do l’ho ri­fat­ta ugua­le».

Qual­che an­no fa, Ban­ca In­te­sa lo ha scel­to come te­sti­mo­nial del­la cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria per la nuo­va ban­ca cor­po­ra­te, con l’idea di mo­stra­re una sto­ria im­pren­di­to­ria­le di suc­ces­so. Ora, la sfi­da del­la Bor­sa. «Le ri­sor­se del­la quo­ta­zio­ne ser­vi­ran­no per cre­sce­re an­co­ra», spie­ga il presidente. «Ma an­che per rea­liz­za­re un vir­tuo­so pas­sag­gio di con­se­gne al­le ge­ne­ra­zio­ni future». In azien­da, in­fat­ti, la­vo­ra­no il fi­glio Mat­teo, presidente del­la con­trol­la­ta Coffee Sy­stem che fa le macchine per le cap­su­le, e la fi­glia Lau­ra, che se­gue la Fon­da­zio­ne, una onlus at­ti­va in Africa e in Su­da­me­ri­ca con di­ver­si progetti per l’in­fan­zia.

Il pa­tròn di Se­ga­fre­do rap­pre­sen­ta la ter­za ge­ne­ra­zio­ne di una fa­mi­glia di mer­can­ti di caf­fè e spe­zie. Il pa­dre Vir­gi­nio fu uno dei più im­por­tan­ti cru­di­sti del do­po­guer­ra. Il marchio di pun­ta del grup­po, la tor­re­fa­zio­ne bo­lo­gne­se Se­ga­fre­do, fu ri­le­va­ta da Mas­si­mo Za­net­ti ne­gli An­ni 70, mentre l’espan­sio­ne fuori dai con­fi­ni e il salto di­men­sio­na­le del grup­po so­no av­ve­nu­ti nel de­cen­nio suc­ces­si­vo. L’im­pren­di­to­re ha ini­zia­to la sua con­qui­sta dell’eu­ro­pa sia tra­mi­te ac­qui­si­zio­ni di azien­de lo­ca­li (la fran­ce­se Vou­dour Da­non, l’au­stria­ca Fa­bia, l’olan­de­se Tic Tac) a vol­te an­che più gran­di per fat­tu­ra­to, sia con aper­tu­re di fi­lia­li com­mer­cia­li.

Dall’eu­ro­pa, Za­net­ti è pas­sa­to agli Usa − con l’ac­qui­si­zio­ne di al­cu­ne azien­de e at­ti­vi­tà le­ga­te al caf­fè del­la mul­ti­na­zio­na­le Sa­ra Lee − e poi all’asia, ma in­tan­to ha com­ple­ta­to la fi­lie­ra com­pran­do uno dei prin­ci­pa­li pro­dut­to­ri bra­si­lia­ni, no­to per ave­re le pian­ta­gio­ni più gran­di del mon­do. Il suo grup­po è sta­to il pri­mo player di caf­fè italiano a lan­cia­re la formula del­le caf­fet­te­rie in franchising.

Sco­prì Sen­na, ora è di nuo­vo tra gli spon­sor in Formula 1

Og­gi la rete in­ter­na­zio­na­le di coffee shop MZB è uno dei più gran­di franchising net­work al mon­do, con ol­tre quat­tro­cen­to pun­ti vendita in tutti i con­ti­nen­ti. Chock Full o’nu­ts, clas­si­co for­mat ame­ri­ca­no, ha una pre­sen­za mas­sic­cia nell’area New York/new Jersey. Puc­ci­no’s è mol­to for­te nel Re­gno Uni­to e nel­le aree ad al­to traf­fi­co come ae­ro­por­ti, sta­zio­ni e cen­tri com­mer­cia­li.

Mas­si­mo Za­net­ti, pe­rò, non è solo im­pren­di­to­re. Ha ri­le­va­to il Tre­vi­so cal­cio, spon­so­riz­za­to il ba­sket, il ci­clo­cross, l’hoc­key Cor­ti­na e per un po’ an­che il Bo­lo­gna Cal­cio. Nel set­tem­bre scor­so è tor­na­to tra gli spon­sor del­la Formula 1, do­po vent’an­ni di as­sen­za, le­gan­do­si di nuo­vo al­la Mcla­ren, del­la qua­le fu già part­ner tra il 1984 il 1986, ai tempi di Lau­da, Pro­st, Ro­sberg.

Del re­sto, lui è l’uo­mo che può van­tar­si di ave­re mes­so Ayr­ton Sen­na al vo­lan­te: «Era il 1984», rac­con­ta. «Mi chia­mò Ber­nie Ec­cle­sto­ne, se­gna­lan­do­mi quel ra­gaz­zi­no. Lo im­po­si su­bi­to al­la To­le­man».

IN BRA­SI­LE HA PRE­SO LE P I A N TAGIONI PIÙ GRAN­DI D E L MON­DO

LA SE­DE DEL­LA FON­DA­ZIO­NE ZA­NET­TI ONLUS A VILLORBA (TRE­VI­SO) CON UNA SCUL­TU­RA DI ARNALDO PO­MO­DO­RO

MAS­SI­MO ZA­NET­TI, CLAS­SE 1948, PRESIDENTE DELL’AZIEN­DA TREVIGIANA

A FIAN­CO, IL CAF­FÈ KAUAI AMA­TO DAL PRESIDENTE DE­GLI STA­TI UNI­TI; IN BAS­SO, LE PIAN­TA­GIO­NI DA CUI PRO­VIE­NE, AL­LE HA­WAII; QUI SOT­TO, LA CE­LE­BRE TAZZINA SE­GA­FRE­DO AL BAR

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.