TA N TO V A L E MI­RA­RE AL PA R A D I S O

GQ (Italy) - - Super ! - The Of­fi­ce

di­ver­si pun­ti di vi­sta. A man­te­ner­ne uno so­lo mi sem­bre­reb­be di spre­ca­re il po­te­re del­la scrit­tu­ra».

Pen­si che, nel tuo rac­con­to, John­ny Depp do­vreb­be mo­ri­re?

«Sì. Pen­so che il fin­to John­ny Depp do­vreb­be lan­ciar­si con la sua mo­to, in­ve­ce che con­ti­nua­re sem­pli­ce­men­te a vi­ve­re, per­ché co­sì avreb­be più im­pat­to sul mon­do (de­vo chia­ri­re che non vo­glio af­fat­to che il ve­ro John­ny Depp muo­ia lan­cian­do­si con la sua mo­to)». e co­glie­re la vo­ce de­gli al­tri. Mi ri­cor­da il mio la­vo­ro al­la ti­vù: scri­ve­re per di­ver­si pro­ta­go­ni­sti e sa­pe­re che de­vo­no ave­re vo­ci di­ver­se dal­la mia e an­che fra lo­ro. Quan­do ero pic­co­lo la mia se­rie di li­bri pre­fe­ri­ti era

En­cy­clo­pe­dia Bro­wn.

Rac­con­ta­va di un bam­bi­no aspi­ran­te de­tec­ti­ve che se­gre­ta­men­te ri­sol­ve­va i cri­mi­ni del suo pa­pà po­li­ziot­to, non tan­to bra­vo: que­sto per di­re che, pe­rò, no, non ho mai vo­lu­to fa­re il gho­st­w­ri­ter del gho­st­w­ri­ter».

The book wi­th no pic­tu­res?

«Sta­vo leg­gen­do una sto­ria al fi­glio del mio mi­glio­re ami- co e ho pen­sa­to a co­me fos­si ob­bli­ga­to ad an­da­re avan­ti con quel rac­con­to, era una sor­ta di sce­neg­gia­tu­ra che ero as­so­lu­ta­men­te for­za­to a leg­ge­re ad al­ta vo­ce. Ho pen­sa­to an­che al fat­to che es­se­re ob­bli­ga­ti fa­ce­va ri­de­re, e che avreb­be fat­to ri­de­re i bam­bi­ni un li­bro ma­gi­co che ob­bli­ga­va i ge­ni­to­ri a di­re co­se sen­za sen­so e fa­re ver­si as­sur­di. Al­la fi­ne ho ca­pi­to che sen­za il­lu­stra­zio­ni avreb­be avu­to an­co­ra più for­za».

Di co­sa hai pau­ra?

«Di tut­to, di nien­te».

Cre­di in Dio?

(Lun­ga pau­sa) «Sì. Ma ho do­vu­to pen­sar­ci».

Qual è il sen­so del­la vi­ta?

«La mia teo­ria dell’uni­ver­so è che in real­tà sia un pro­get­to ar­ti­sti­co rea­liz­za­to da Dio. Per que­sto mo­ti­vo c’è sem­pre co­sì tan­ta tri­stez­za e astra­zio­ne. Quel­lo che è dif­fi­ci­le ca­pi­re, an­che se sia­mo tut­ti d’ac­cor­do o qua­si, è che c’è qual­co­sa di ma­gi­co e pre­zio­so in tut­to que­sto. Il no­stro la­vo­ro sul­la ter­ra con­si­ste pro­prio nell’in­ter­pre­ta­re que­st’ar­te, o espe­rien­za, al me­glio del­le pos­si­bi­li­tà».

Sei fe­li­ce?

«Sì».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.