Sphe­ro BB- 8

GQ (Italy) - - Moda -

Che sia­te fan di Star Wars o me­no, nien­te è più di­ver­ten­te di aver un droi­de BB- 8 che scor­raz­za per la ca­sa. Si può te­le­co­man­da­re con un’app o aspet­ta­re che svi­lup­pi la sua per­so­na­li­tà e se ne va­da in gi­ro da so­lo.

sta­to un pro­fu­mo cult ( Ser­pen­ti­ne, sem­pre per Cdg) ba­sa­to sui con­tra­sti ol­fat­ti­vi del­la cit­tà: il ver­de e gli odo­ri del­la me­tro­po­li, in­qui­na­men­to com­pre­so. Non stu­pi­sce che og­gi tor­ni­no con un’al­tra “edp” pro­gram­ma­ta per im­por­si co­me una crea- zio­ne tra le più ori­gi­na­li. Un aro­ma uni­sex in cui le va­rie com­po­nen­ti non so­no di­stin­gui­bi­li nel­la se­quen­za di no­te te­sta-cuo­re-fon­do. Co­me in una sin­fo­nia emer­go­no di vol­ta in vol­ta. Un ruo­lo ce l’ha senz’al­tro l’amo­re di Cop­per­mann per l’ar­te astrat­ta: «Mi pia­ce il fat­to che cia­scu­no pos­sa ve­der­ci ciò che vuo­le. Que­sto con­cet­to di ap­pro­pria­zio­ne ha mol­ti con­tat­ti col pro­fu­mo: le mie crea­zio­ni non sa­ran­no mai “fi­gu­ra­ti­ve”, e di Cdg ado­ro la per­so­na­li­tà sfug­gen­te, inat­te­sa».

«La co­sa bel­la è che ognu­no può ve­der­ci ciò che vuo­le»

Le fa eco Astu­gue­vieil­le: «Un og­get­to de­ve stu­pi­re, di­ver­ti­re, in­vi­ta­re a es­se­re vis­su­to. A me pia­ce l’ar­ti­gia­na­li­tà, la la­vo­ra­zio­ne del­le ma­te­rie pri­me, os­sia la ca­pa­ci­tà di da­re nuo­ve po­ten­zia­li­tà a un in­gre­dien­te».

An­co­ra Émi­lie: «Per ren­de­re più enig­ma­ti­co que­sto nuo­vo pro­fu­mo, ab­bia­mo uni­to ac­cen­ti orien­ta­li di re­si­na (il lau­da­no che si ri­ca­va dal­le fo­glie e dai gam­bi del ci­sto, ndr) ad al­tri le­gno­si co­me il ve­ti­ver. E poi san­da­lo, per ren­de­re son­tuo­so l’insieme, e li­quo­re di pru­gna per una cre­mo­si­tà leg­ger­men­te flo­rea­le».

« ACC E N N I O R I E N TA L I E L E GNOS I INSIEME»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.