Fa­te­la bre­ve, fa­te­la be­ne

D i N I C CO LÒ A M M A N I T I

GQ (Italy) - - Fuori Luogo -

Que­sto me­se vor­rei par­la­re un po’ dei rac­con­ti, ge­ne­re let­te­ra­rio po­co ama­to dal­la gran par­te dei let­to­ri. Per qual­che ra­gio­ne oscu­ra la nar­ra­zio­ne bre­ve la­scia spes­so in chi leg­ge la sen­sa­zio­ne di aver as­sa­po­ra­to un an­ti­pa­sto, un ot­ti­mo tra­mez­zi­no con il sal­mo­ne o una piz­zet­ta con l’ali­ce sfi­zio­sa, ne puoi leg­ge­re quan­ti ne vuoi, ma ti man­ca l’im­pat­to, la sen­sa­zio­ne di sa­zie­tà e di com­ple­tez­za che in­ve­ce dà il ro­man­zo.

È co­me se nei rac­con­ti il let­to­re non tro­vas­se quel­lo svi­lup­po mi­nu­zio­so e pro­gres­si­vo dei ca­rat­te­ri, lo spie­gar­si len­to del­la si­tua­zio­ne, la se­di­men­ta­zio­ne del pae­sag­gio che va a le­gar­si con l’im­ma­gi­na­rio e la me­mo­ria per­so­na­le.

Que­sto, se­con­do me, di­pen­de mol­to dal­le pre­mes­se dei due ge­ne­ri: nei rac­con­ti, la sto­ria, il mec­ca­ni­smo del­la tra­ma, la sor­pre­sa, spes­so è con­di­zio­ne es­sen­zia­le al­la riu­sci­ta di una sto­ria bre­ve, nei ro­man­zi in­ve­ce è un gran­de edi­fi­cio, un’im­pe­gna­ti­va ar­chi­tet­tu­ra, co­strui­ta con giu­stap­po­si­zio­ni pro­gres­si­ve, scan­di­ta at­tra­ver­so le par­ti, i ca­pi­to­li e ogni tan­to da an­te­ce­den­ti e con­clu­sio­ni.

I rac­con­ti, per po­ter tra­sci­na­re, spes­so par­to­no da pre­mes­se in­ve­ro­si­mi­li, o da fat­ti pun­tua­li che si sciol­go­no nell’ar­co di po­che pa­gi­ne. De­vo­no ave­re un fi­na­le sor­pren­den­te, che ri­bal­ta la sto­ria. Que­sto ov­via­men­te non è ve­ro in as­so­lu­to, an­zi ci so­no mol­tis­si­mi ca­si in cui il rac­con­to con po­che de­scri­zio­ni pre­ci­se, con una lin­gua at­ten­ta, fo­to­gra­fa una si­tua­zio- ne, un mo­men­to che non ha bi­so­gno di ul­te­rio­ri svi­lup­pi. Il pro­ble­ma pe­rò re­sta. Qual­co­sa di mol­to si­mi­le suc­ce­de an­che in am­bi­to ci­ne- ma­to­gra­fi­co: nes­su­no (tran­ne i ve­ri cul­to­ri) ha me­mo­ria di cor­to­me­trag­gi mi­ra­bo­lan­ti, si­gni­fi­ca­ti­vi, il lo­ro ri­cor­do si con­su­ma nel tem­po di po­chi gior­ni, ma ognu­no di noi ha i pro­pri film nel cuo­re, an­che se vi­sti quan­do era­va­mo an­co­ra bam­bi­ni. I film ci scuo­to­no, ci an­no­ia­no, ci di­ver­to­no, i cor­ti ci fan­no sor­ri­de­re qual­che istan­te, ci com­muo­vo­no, ma spes­so ci an­no­ia­no. Co­sa c’è di più mor­ta­le di una ma­ra­to­na di cor­ti? Al­la fi­ne cer­chia­mo so­lo di fa­re la no­stra per­so­na­le clas­si­fi­ca. Sem­bra­no qua­si de­gli eser­ci­zi di pre­pa­ra­zio­ne per

il re­gi­sta che pri­ma o poi do­vrà pro­var­si con il lun­go­me­trag­gio.

Per i rac­con­ti, per for­tu­na, non è co­sì, esi­sto­no ve­ri ca­si let­te­ra­ri di au­to­ri ca­pa­ci so­lo di scri­ve­re rac­con­ti o che si so­no espres­si in ma­nie­ra ve­ra­men­te ec­cel­len­te in que­sto ge­ne­re, i pri­mi che mi ven­go­no in men­te so­no Ray­mond Car­ver, Ed­gar Al­lan Poe, Ju­lio Cor­tá­zar e Di­no Buz­za­ti. Io non amo le play­li­st, le clas­si­fi­che e le li­ste, ma ho vo­glia di dir­vi al­cu­ni rac­con­ti che so­no an­co­ra in­cro­sta- ti tra i re­ces­si del mio cer­vel­lo e av­vol­go­no del­le lo­ro spi­re il mio cuo­re.

Il pri­mo è Un gior­no idea­le per i pe­sci­ba­na­na. J.D. Sa­lin­ger in po­che, es­sen­zia­li, pa­gi­ne de­li­nea la fa­ti­ca di vi­ve­re di un ex sol­da­to trau­ma­tiz­za­to dal­la guer­ra. L’in­con­tro con una bam­bi­na su una spiag­gia ci fa in­tui­re il mon­do fan­ta­sti­co di que­sto uo­mo e la sua in­ca­pa­ci­tà di esi­ste­re. Uno di quei rac­con­ti che do­po aver­lo let­to non puoi non con­si­gliar­lo a chi vuoi be­ne.

Di tutt’al­tro ge­ne­re è Re del­la sab­bia di Geor­ge R.R. Mar­tin, l’au­to­re del­la sa­ga Cro­na­che del ghiac­cio e del fuo­co. È un clas­si­co rac­con­to di fan­ta­scien­za, la SF ha da­to for­se le sue mi­glio­ri pro­ve pro­prio in que­sto ge­ne­re. Pen­sa­te a Isaac Asi­mov, Phi­lip K. Dick e Brad­bu­ry. In que­sta sto­ria l’au­to­re in­gle­se nar­ra di stra­ni in­set­ti alie­ni che ven­go­no al­le­va­ti e che com­bat­to­no tra lo­ro aiz­za­ti dal lo­ro pa­dro­ne fi­no al­la ca­ta­stro­fe fi­na­le.

Il co­sciot­to di agnel­lo di Roald Da­hl. Rac­con­to divertentissimo che ri­bal­ta com­ple­ta­men­te la clas­si­ca sto­ria gial­la al­la Aga­tha Ch­ri­stie con un fi­na­le ina­spet­ta­to. Da po­co la Lon­ga­ne­si ha ri­pub­bli­ca­to un’an­to­lo­gia con tut­ti i rac­con­ti di que­sto scrit­to­re. Al­ta­men­te con­si­glia­ta.

E per fi­ni­re Gen­te del Wyo­ming di An­nie Prou­lx. Da que­sto rac­con­to lun­go è sta­to trat­to il film Bro­ke­back Moun­tain di Ang Lee. L’amo­re im­pos­si­bi­le tra due co­w­boys in un’ame­ri­ca ge­la­ta e re­tri­va. La qua­li­tà del­la scrit­tri­ce An­nie Prou­lx qui dà il me­glio di sé.

TRA LUN­GO E COR­TO­ME­TRAG­GIO NON C’È GA­RA: IL PRI­MO FOR­MAT VIN­CE. MA TRA RO­MAN­ZO E RAC­CON­TO, L’ESI­TO È ME­NO SCON­TA­TO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.