LE MIE BAR­CHE A FOR­MA DI PE­SCE

GQ (Italy) - - Talks -

Federico San­ta Ma­ria so­stie­ne che per di­se­gna­re una bar­ca me­ra­vi­glio­sa oc­cor­re pen­sar­la co­sì: co­me una crea­tu­ra zoo­mor­fa, te­sta e cor­po, di­spie­ga­ta nell’az­zur­ro. Nient’al­tro de­ve di­stur­ba­re la sce­na. Co­sì lei, vi­sta dal­la bat­ti­gia, a un cer­to pun­to en­tre­rà tan­to len­ta e an­nun­cia­ta nel­lo sguar­do da di­ven­ta­re es­sa stes­sa il pae­sag­gio.

«Il pri­mo di­se­gno di cui ho me­mo­ria è quel­lo di un mo­to­sca­fo Riva Bra­vo: lo fe­ci in pri­ma ele­men­ta­re», rac­con­ta. «Mi so­no lau­rea­to in ar­chi­tet­tu­ra al Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no con una te­si sul­la bra di car­bo­nio, poi ho la­vo­ra­to per i can­tie­ri Wal­ly do­ve ho ca­pi­to che l’odo­re di re­si­na e teak scal­da­to riu­sci­va a ine­briar­mi, e tre an­ni fa ho aper­to con Va­len­ti­na Ma­gnol uno stu­dio di pro­get­ta­zio­ne, San­ta Ma­ria Ma­gnol , a Mi­la­no», di­ce, rias­su­men­do trent’an­ni di vi­ta. Ri­ma­ne fuo­ri cur­ri­cu­lum la pas­sio­ne ma­ri­na­ra dell’in­te­ra fa­mi­glia, tut­ti av­vo­ca­ti tran­ne lui, ere­ti­co. Il non­no, pa­dro­ne di una Pa­rag­gi­na or­meg­gia­ta a Chia­va­ri. Il pa­dre, con un cu­stom X-ya­cht rea­liz­za­to in Da­ni­mar­ca e at­trac­ca­to a San­ta Mar­ghe­ri­ta Li­gu­re. E in ne il Sum­mer­ti­me 180 di pro­prie­tà esclu­si­va di Federico, da quan­do ave­va set­te an­ni, giallo e blu: «Era un ca­not­ti­no a re­mi com­pra­to in edi­co­la: par­ti­vo e mi in la­vo tra le na­vi del por­to per stu­dia­re co­me lo sca­fo ta­glia­va l’ac­qua».

La­po El­kann, che ama le crea­tu­re os­ses­si­ve, gli ha già chie­sto di la­vo­ra­re al suo Ba­gliet­to di 13 me­tri, il Lap1. Lui, in­tan­to, nel 2015 è sta­to na­li­sta del pre­mio Hu­blot per il de­si­gn con un al­tro pro­get­to: si chia­ma Pan­gea, lun­go 70 me­tri e pen­sa­to per com­por­tar­si co­me un con­ti­nen­te, con un sot­to­ma­ri­no nel­la pan­cia, un eli­cot­te­ro so­pra e lo sca­fo di prua ro­ve­scia­to. «Di­se­gno sen­za por­mi li­mi­ti, cer­can­do d’es­se­re con­tem­po­ra­neo ma fer­man­do­mi quell’at­ti­mo pri­ma che l’in­tui­to ver­so ciò che pia­ce pos­sa far­mi di­ven­ta­re di moda». _ (Raf­fae­le Pa­niz­za)

Il pa­pà di Va­le­ria, il pa­pà di Giu­lio. Va­le­ria So­le­sin è mor­ta a Pa­ri­gi, nel tea­tro Ba­ta­clan, Giu­lio Re­ge­ni è sta­to se­vi­zia­to e uc­ci­so al Cai­ro. Il pa­pà di Va­le­ria si chia­ma Al­ber­to, quel­lo di Giu­lio si chia­ma Clau­dio. Nes­su­no pri­ma li co­no­sce­va, in po­chi ades­so riu­sci­ran­no a di­men­ti­car­li. Per­ché le lo­ro pa­ro­le del tut­to pri­ve di odio han­no co­me di­stil­la­to in pu­rez­za il do­lo­re più im­ma­ne e in­na­tu­ra­le che esi­sta, quel­lo pro­vo­ca­to dal­la per­di­ta di un glio, al­la ri­cer­ca di un sen­so con­di­vi­so e di una spe­ran­za pos­si­bi­le.

Ac­ca­de a vol­te che i pa­dri di­ven­ti­no gli dei pro­pri gli e di­ca­no lo­ro gra­zie. Al­ber­to ha rac­con­ta­to che Va­le­ria ave­va un bel­lis­si­mo pro­get­to di vi­ta, fat­to di ami­ci­zia e aper­tu­ra ver­so gli al­tri. «Io e la sua mam­ma la rin­gra­zia­mo per que­sto, per co­me ci ha in­di­ca­to la stra­da da per­cor­re­re». Clau­dio ha det­to che Giu­lio ama­va vi­ve­re nel­la con­di­vi­sio­ne e gli pia­ce­va cre­de­re in un mon­do più li­be­ro. «Nel no­stro fu­tu­ro pen­se­re­mo a lui, ma so­prat­tut­to co­me lui». Due fa­mi­glie, due pa­dri uni­ti da un’idea co­mu­ne. Al­ber­to e Clau­dio han­no sa­pu­to man­te­ner­si in­tat­ti di fron­te ai cor­pi stra­zia­ti dei lo­ro ra­gaz­zi. Non han­no avu­to gli oc­chi iniet­ta­ti di san­gue, non so­no an­da­ti in cer­ca – nep­pu­re con le pa­ro­le – del ne­mi­co di un’al­tra re­li­gio­ne, di una cul­tu­ra stra­nie­ra. Al­ber­to So­le­sin ha vo­lu­to che i fu­ne­ra­li di Va­le­ria fos­se­ro con­ce­le­bra­ti da mi­ni­stri di cul­ti di­ver­si, «per­ché noi cre­dia­mo nei va­lo­ri che non di­vi­do­no le per­so­ne». Clau­dio Re­ge­ni ha ri uta­to le so­len­ni ese­quie di Sta­to, «per­ché in que­sto mo­do sa­ran­no tut­ti più li­be­ri di par­te­ci­pa­re». Il pen­sie­ro de­gli al­tri, se­guen­do l’iden­ti­co sguar­do “plu­ra­le” dei lo­ro ra­gaz­zi scom­par­si ma non sva­ni­ti. Uc­ci­si nel mo­do più bru­ta­le, ma non can­cel­la­ti.

C’è gran­de di­gni­tà, e sti­le, quan­do si sce­glie l’im­pe­gno per ono­ra­re una me­mo­ria, e quan­do quel­la me­mo­ria si ten­ta poi di ri­spet- ta­re con la vi­ta. I pa­pà di Va­le­ria e di Giu­lio han­no sa­pu­to met­ter­si di la­to, per ascol­ta­re be­ne i lo­ro gli per­du­ti, co­me se le pa­ro­le di Va­le­ria e Giu­lio ve­nis­se­ro pro­nun­cia­te an­co­ra, e scan­di­te sem­pre me­glio, per tut­ti. Sen­za re­to­ri­ca né en­fa­si, e sen­za quel­la rab­bia che ur­la chie­den­do giu­sti­zia. Ec­co, giu­sti­zia: non una fai­da, non una guer­ra di re­li­gio­ne o una bat­ta­glia po­li­ti­ca. Qual­co­sa di mol­to più sem­pli­ce e uma­no, co­me gli ami­ci ac­can­to a quel­le ba­re, co­me i vol­ti di chi ha sa­lu­ta­to due ra­gaz­zi che sa­reb­be dav­ve­ro bel­lo sen­ti­re fratelli.

Nel gior­no dell’ad­dio al suo ra­gaz­zo tor­tu­ra­to, il pa­pà di Giu­lio ha det­to che gli scon­tri per le opi­nio­ni di­ver­se non han­no al­cun sen­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.