ISO­LE, su­do­re, vec­chi AMI­CI

GQ (Italy) - - Indirizzi -

Il ma­re è for­za ot­to. E il tra­ghet­to, co­me tut­ti quel­li gre­ci, è di quin­ta ma­no. I passeggeri si strin­go­no tra di lo­ro co­me no­di di cor­de. Lo spa­ven­to qua­si si por­ta via l’emo­zio­ne di ave­re nal­men­te tro­va­to l’iso­la. Ga­brie­le Sal­va­to­res e Die­go Aba­tan­tuo­no vo­glio­no fa­re un lm, sem­pre con gli stes­si ami­ci, più o me­no. Co­sì, par­to­no. La Gre­cia la sce­glie Sal­va­to­res. Se lo ri­cor­da an­co­ra, quel car­tel­lo sul­la ca­sa dei Pink Floyd, il suo viag­gio da ado­le­scen­te a Ro­di, ne­gli an­ni Set­tan­ta: «Se si ar­ri­va da Ove­st, qui ni­sce l’eu­ro­pa, se da Est, qui co­min­cia l’eu­ro­pa». Al­tro­ve, fuo­ri dal mon­do.

A gui­da­re la ciur­ma, una co­stu­mi­sta del Tea­tro dell’el­fo, Tha­lia Isti­ko­pou­lou, che li ha por­ta­ti in tren­ta­quat­tro po­sti, ma non van­no be­ne. Han­no qua­si ri­nun­cia­to, stan­no per ri­pe­sca­re una sce­neg­gia­tu­ra su cuc­cio­li di ca­ne usa­ti co­me ca­vie, am­bien­ta­ta a Por­to Mar­ghe­ra, al­tro che Puer­to Escon­di­do. È che poi Tha­lia ha det­to quel no­me stra­no, un po­co ita­lia­no: Ka­stel­lo­ri­zo, il ca­stel­lo ros­so dei Ca­va­lie­ri di San Gio­van­ni di Ge­ru­sa­lem­me. Un po­sto che non ha sen­so, lon­ta­nis­si­mo, ap­pe­na al lar­go del­la Tur­chia, la dan­na­zio­ne dei car­to­gra che non san­no co­me di­se­gnar­lo nel­le map­pe del­la Gre­cia, pro­prio non ci sta. Ma quan­do Sal­va­to­res e Aba­tan­tuo­no toc­ca­no il suo­lo di Ka­stel­lo­ri­zo, ca­pi­sco­no di es­se­re ar­ri­va­ti. Lo ca­pi­sco­no in un’ora e mez­za, il tem­po di gi­ra­re tut­ta l’iso­la: ci so­no co­mi­ci­tà e ma­lin­co­nia, te­ne­rez­za e poe­sie, le ca­se co­lo­ra­te, il ma­re che ti cam­bia su­bi­to, ap­pe­na ci en­tri, nes­su­na stra­da, né te­le­fo­ni, né ca­me­re con il ba­gno per la trou­pe, ma asi­ni, oli­ve, e un uni­co pun­to in fal­so­pia­no, sul­la spiag­gia, per at­ter­ra­re e gio­ca­re a cal­cio.

Sul­la via del ri­tor­no, pe­rò, il tra­ghet­to sban­da, c’è pau­ra. All’im­prov­vi­so, Aba­tan­tuo­no si met­te a sal­ta­re, sen­za sen­so, di qua e di là, men­tre la na­ve bal­la, e lui con­ti­nua, co­me un giul­la­re, co­me un de cien­te. Tut­ti co­min­cia­no a sor­ri­de­re. Fin­ché non ar­ri­va un’on­da ano­ma­la, lo sca­fo sban­da, Aba­tan­tuo­no ca­de in­san­gui­nan­do­si la fac­cia. Lui non ri­de più, ma gli al­tri ri­do­no più di pri­ma. La tem­pe­sta è ni­ta. Il ma­re no, e da­rà il no­me a quel lm.

Ci sa­ran­no lo­ro due, co­stu­mi­sti, sce­neg­gia­to­ri, fo­to­gra e gli al­tri, Clau­dio Bi­ga­gli, Giu­sep­pe Ce­der­na, Ugo Con­ti, Clau­dio Bi­sio, Gi­gio Al­ber­ti. Ec­co­li lì, ab­brac­cia­ti, ab­bron­za­ti, si sen­to­no bel­li, for­ti. Lo so­no. Sal­va­to­res di­ce che cer­ca­va un’iso­la per­ché è un sim­bo­lo, e che iso­le, ca­not­tie­re, su­do­re so­no i lm ita­lia­ni che piac­cio­no al mon­do. E di­ce an­che che, al­la n ne, è sta­to Aba­tan­tuo­no a in­si­ste­re, per­ché vo­le­va fa­re un lm stan­do fer­mi in un po­sto, se pos­si­bi­le al sole, se pos­si­bi­le al ma­re per­ché, se so­lo po­tes­se, vi­vreb­be in ac­qua. Aba­tan­tuo­no, pe­rò, di­ce una co­sa di­ver­sa, e a me pia­ce di più: ha spin­to lui per cer­ca­re un’iso­la, sì, ma so­lo per­ché vo­le­va che stes­se­ro tut­ti an­co­ra più stret­ti, iso­la­ti, tut­to quel grup­po, tut­ti que­gli ami­ci, per­ché più vi­ci­ni sta­va­no più era­no bel­le le co­se che in­sie­me riu­sci­va­no a fa­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.