NEL­LA MEN­TE DI UN MAE­STRO

GQ (Italy) - - Beauty -

Viag­gia in Por­sche 911 e la cam­bia ogni an­no. In­dos­sa cal­za­tu­re Ber­lu­ti, ca­mi­cie Tho­mas Pink e ha sem­pre una pochette, una tra le cen­to del­la sua col­le­zio­ne. Jac­ques Ca­val­lier è maî­tre par­fu­meur. GQ lo in­con­tra in uno dei suoi luo­ghi pre­fe­ri­ti: il sa­lot­to al pri­mo pia­no del­la bou­ti­que Bul­ga­ri, a Ro­ma. Ar­ri­va da una va­can­za in Ca­la­bria, do­ve è an­da­to ad an­nu­sa­re i ber­ga­mot­ti: «Che co­sa af­fa­sci­nan­te, gua­da­gnar­si la vi­ta sen­ten­do gli odo­ri». Ca­val­lier ci­ta l’ele­gan­za di suo pa­dre, che ha 86 an­ni e ogni mat­ti­na met­te la cra­vat­ta. Ha in men­te lo sti­le di Mar­cel­lo Ma­stro­ian­ni e di Vit­to­rio De Si­ca: «Gli ita­lia­ni in­fi­la­no un cash­me­re blu so­pra un jeans ros­so, so­no uni­ci nel­le lo­ro scel­te».

Al­le 5 suona la sve­glia. E la va­sca da ba­gno si riem­pie di ac­qua cal­da: «Se­con­do un ami­co psi­ca­na­li­sta, sta­vo co­sì be­ne nel ven­tre di mia ma­dre da vo­ler ri­crea­re ogni gior­no quel­la sen­sa­zio­ne. Sa che la me­mo­ria ol­fat­ti­va si crea men­tre gal­leg­gia­mo nel li­qui­do am­nio­ti­co?». I pri­mi odo­ri del­la gior­na­ta ar­ri­va­no su­bi­to do­po: Ca­val­lier esce nel giar­di­no del­la sua ca­sa di Ca­bris, non lon­ta­no da Gras­se, e fo­to­gra­fa l’alba. Par­la di viag­gi, ognu­no è una trac­cia. «Ro­ma sa di pi­ni. New York di lat­te. Mo­sca di spezie. Shan­ghai di cauc­ciù. Il mio me­stie­re è sen­ti­re, ma so­prat­tut­to ri-sen­ti­re. È tut­to nel­la mia te­sta», di­ce. «Una spe­cie di hard di­sc do­ve ar­chi­vio ogni co­sa. Se ho un’idea e non la cat­tu­ro su­bi­to, in un quar­to d’ora non sa­prò più cos’era. Al­lo­ra pren­do un ap­pun­to, scat­to una fo­to, man­do un sms a mia mo­glie. As­so­cio la sen­sa­zio­ne a un’im­ma­gi­ne, an­che astrat­ta, co­sì il ri­cor­do si fis­sa nel­la me­mo­ria». (Cri­sti­na D’antonio)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.