Mi si no­ta di più se spa­ri­sco?

GQ (Italy) - - Life / Cinema - Te­sto di OL­GA NOEL WINDERLING

Nell’epo­ca dei ta­lent show e dei social − men­tre In­sta­gram su­pe­ra, in Ita­lia, il re­cord dei 14 mi­lio­ni di uten­ti (+ 55% in un an­no) − con­qui­sta­re vi­si­bi­li­tà di­ven­ta sem­pre più com­pli­ca­to: trop­pi i ri et­to­ri ac­ce­si; trop­pi i ri­va­li; trop­pa, so­prat­tut­to, la con­cor­ren­za ba­sa­ta sul­la ca­pa­ci­tà di ap­pa­ri­re, più che sul ta­len­to. Ar­ri­va­ti a que­sto pun­to, tan­to va­le spa­ri­re. È que­sta, in sin­te­si, la con­clu­sio­ne di Mar­ti­no, mu­si­ci­sta di pro­vin­cia che ten­ta il tut­to per tut­to, pur di avan­za­re nel ruo­lo del

Chi m’ha front­man. Ed è que­sto an­che l’in­ci­pit di vi­sto

, at­tual­men­te nel­le sa­le, con Bep­pe Fio­rel­lo, 48 an­ni, in ver­sio­ne chi­tar­ri­sta.

«Lo spun­to di par­ten­za è rea­le», rac­con­ta. «Tem­po fa ho co­no­sciu­to un ra­gaz­zo che mi ha rac­con­ta­to la sua sto­ria: per an­ni mu­si­ci­sta tur­ni­sta, quan­do ha ten­ta­to di im­po­sta­re la sua car­rie­ra per­so­na­le ha ri­ce- vu­to solo por­te in fac­cia. Qual­cu­no gli di­ce­va che era tar­di, al­tri ad­di­rit­tu­ra che non ave­va la fac­cia giu­sta, al­tri an­co­ra che fa­ce­va mu­si­ca di nic­chia. Do­po un pe­rio­do di de­pres­sio­ne ha but­ta­to giù un rac­con­to, do­ve al­la ne im­ma­gi­na di spa­ri­re nel ten­ta­ti­vo di “es­ser­ci”. Un po’ co­me quan­do si so­gna di par­te­ci­pa­re al pro­prio funerale. Un’idea paz­ze­sca».

Con­clu­sio­ne: il chi­tar­ri­sta pu­glie­se Mar­ti­no De Ce­sa­re, pro­ta­go­ni­sta rea­le di que­st’av­ven­tu­ra, ha par

Chi m’ha vi­sto te­ci­pa­to al­la sce­neg­gia­tu­ra di in­sie­me e Pao­lo Lo­gli, Ales­san­dro Pon­di (che rma an­che la re­gia) e al­lo stes­so Bep­pe Fio­rel­lo.

«Ci ab­bia­mo ri­ca­ma­to so­pra, ov­via­men­te», spie­ga. «Il mio per­so­nag­gio, per esem­pio, suo­na con Jo­va­not­ti, che è un ca­ro ami­co da an­ni e che ha par­te­ci­pa­to vo­len­tie­ri al pro­get­to».

Il te­ma del­lo stru­men­ti­sta di ta­len­to che so­gna d’usci­re dall’om­bra è co­sì sen­ti­to, nell’am­bien­te, che il lm è pie­no di ca­mei: «Ol­tre a Lo­ren­zo ci so­no Emma, Gian­ni Mo­ran­di, J-AX, Pao­la Tur­ci, Ma­ri­na Rei, i Ne­gra­ma­ro e tan­ti al­tri. Per­ché que­sta è un’ope­ra sul­la mu­si­ca che è pia­ciu­ta ai mu­si­ci­sti. Que­sta è un’ope­ra rock». La tra­ma pe­rò si svi­lup­pa nella di­re­zio­ne del­la

Il com­me­dia all’ita­lia­na «del gran­de Mo­ni­cel­li e de sor­pas­so ,

» ag­giun­ge Fio­rel­lo. «Per ca­ri­tà, mi al­lon­ta­no in fret­ta da qual­sia­si ten­ta­ti­vo di pa­ra­go­ne. Il nes­so è solo que­sto: in en­tram­bi i lm si ri­de, all’ini­zio. Ma l’evo­lu­zio­ne del rap­por­to tra i due pro­ta­go­ni­sti pren­de

Il nuo­vo lm di Bep­pe Fio­rel­lo rac­con­ta la fru­stra­zio­ne di vi­ve­re all’om­bra del suc­ces­so

una pie­ga ama­ra che fa­rà ri et­te­re».

Chi m’ha vi­sto Co­pro­ta­go­ni­sta di , Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no in­ter­pre­ta Pep­pi­no, il mi­glio­re ami­co del chi­tar­ri­sta pre­ca­rio. «Il clas­si­co ex ra­gaz­zo di pro­vin­cia che vi­ve in piaz­za, al bar, con la bir­ret­ta in ma­no, aspettando che la vi­ta gli dia un’op­por­tu­ni­tà. Quan­do gli chie­do di aiu­tar­mi a spa­ri­re pen­sa che l’idea sia fol­le. Poi pe­rò ac­cet­ta, più per af­fet­to che per con­vin­zio­ne, e met­te a di­spo­si­zio­ne il ca­sa­le ab­ban­do­na­to di suo non­no».

Il pro­get­to, all’ini­zio, fun­zio­na. Del­la scom­par­sa del mu­si­ci­sta si ac­cor­go­no pri­ma i me­dia lo­ca­li, poi i pro­vin­cia­li, in ne quel­li na­zio­na­li. «È il co­sid­det­to “in­dot­to del do­lo­re”. Quel­lo che − dal de­lit­to di Ave­tra­na a quel­lo di Co­gne − spin­ge un cer­to ti­po di in­for­ma­zio­ne a but­tar­si sui dram­mi del­le per­so­ne». In pae­se ar­ri­va­no le tv, le ra­dio, i gior­na­li­sti

Rol­ling Sto­ne del­la car­ta stam­pa­ta. met­te ad­di­rit­tu­ra Mar­ti­no in co­per­ti­na. Pep­pi­no, im­prov­vi­sa­men­te al cen­tro del­la sce­na, vie­ne in­vi­ta­to ai talk show. «È al­lo­ra che i ruo­li dei due ami­ci si in­ver­to­no».

Que­sto è il pri­mo lm per il ci­ne­ma di cui Bep­pe Fio­rel­lo è an­che co­pro­dut­to­re, con la sua Ibla lm, in­sie­me a Rai Ci­ne­ma, al­la Ro­deo Dri­ve e al­la Ro­sa Pro­duc­tion del fra­tel­lo Ro­sa­rio, che «ha da­to drit­te fon­da­men­ta­li sul mon­tag­gio».

Ma del­la sua at­ti­vi­tà di pro­dut­to­re, Bep­pe non ama par­la­re trop­po: «E sa per­ché? Que­sto è un Pae­se che ti giu­di­ca su­bi­to. Non so­no an­co­ra sta­to cri­ti­ca­to, ma te­mo pos­sa suc­ce­de­re pri­ma o poi, lo sen­to nell’aria. Or­mai mol­ti at­to­ri han­no fat­to que­sto pas­so, spes­so per pro­muo­ve­re i gio­va­ni, co­me lo stes­so Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no, o Lu­ca Argentero. Ma c’è an­co­ra chi ri­tie­ne che quel­lo del pro­dut­to­re sia un me­stie­re ri­ser­va­to a po­chis­si­mi elet­ti».

LA COM­ME­DIA

Qui so­pra: Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no e Bep­pe Fio­rel­lo, en­tram­bi 48 an­ni: in Chi m’ha vi­sto so­no due ami­ci con am­bi­zio­ni op­po­ste

68 / 2017 Sot­to, e nella fo­to gran­de a si­ni­stra: Bep­pe Fio­rel­lo nei pan­ni del mu­si­ci­sta Mar­ti­no in Chi m’ha vi­sto di Ales­san­dro Pon­di, al ci­ne­ma dal 28 set­tem­bre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.