Sua san­ti­tà al ci­ne­ma

GQ (Italy) - - Storie - Il buo­no e il cat­ti­vo: in al­to, da si­ni­stra a de­stra, Mi­chel Pic­co­li in Ha­be­mus Pa­pam di Nan­ni Mo­ret­ti e Je­re­my Irons nel se­rial di Neil Jor­dan I Bor­gia

Nei film, il Pa­pa è sta­to qua­si sem­pre trat­ta­to al pas­sa­to, co­me un re cat­ti­vo. Je­re­my Irons nel se­rial I Bor­gia (2011-2013), per di­re: te­mi­bi­le e ba­star­do. So­lo ca­si ra­ri co­me quel­lo di Raf Val­lo­ne che fa ac­cor­di con la ma­fia nel Pa­dri­no - Par­te III ( di Fran­cis Ford Cop­po­la, 1990), o del ca­mer­len­go Ewan Mc­gre­gor ca­pa­ce di tut­to per di­ven­ta­re Pa­pa in An­ge­li e de­mo­ni ( Ron Ho­ward, 2009), si so­no av­ven­tu­ra­ti nel pre­sen­te. Una ten­den­za che, ov­via­men­te, non ha nien­te a che ve­de­re col ci­ne­ma ita­lia­no, da sem­pre ben più ti­mo­ra­to. Ba­sti pen­sa­re che In no­me del po­po­lo so­vra­no ( Lui­gi Ma­gni, 1990) fu ac­cu­sa­to so­lo per­ché ave­va un Pio IX au­ste­ro. E an­co­ra pri­ma, nel 1981, Nel Mar­che­se del Gril­lo di Ma­rio Mo­ni­cel­li, Pao­lo Stop­pa fa­ce­va Pio VII con to­ni bo­na­ri ( era sta­to un ben più te­mi­bi­le Alessandro III, ma in una pro­du­zio­ne an­glo­sas­so­ne, Bec­ket e il suo re, del ’ 64). A cam­bia­re tut­to in real­tà è sta­ta l’ele­zio­ne di Gio­van­ni Pao­lo II, nel 1978: i suoi mo­di pop e an­ti­con­for­mi­sti l’han­no re­so un’ico­na che si pre­sta­va an­che al­la pre­sa in gi­ro, fa­cen­do la for­tu­na di Eu­ge­ne Grey­tak, il Wo­j­ty­la di Hol­ly­wood: agen­te im­mo­bi­lia­re in pen­sio­ne, gra­zie al­la so­mi­glian­za im­pres­sio­nan­te col Pa­pa, tra il 1988 e il 1999 lo in­ter­pre­tò in se­rie tv co­me Alf o Al­ly Mc­beal, in Si­ster Act! ( 1992) e in film de­men­zia­li tra cui Ri­pos­se­du­ta, Hot Sho­ts! e Una pal­lot­to­la spun­ta­ta 33 1/3. Tut­ta ma­te­ria bas­sa, scan­zo­na­ta. Con l’ar­ri­vo di Ber­go­glio, in­ve­ce, è sta­to fi­nal­men­te pos­si­bi­le crea­re una mi­to­lo­gia per­so­na­le del Pa­pa. Nan­ni Mo­ret­ti ave­va ini­zia­to a im­ma­gi­nar­la ad­di­rit­tu­ra due an­ni pri­ma del suo ar­ri­vo, con Ha­be­mus Pa­pam, fin­ché l’ele­zio­ne di Fran­ce­sco I nel mar­zo del 2013 ha sve­glia­to il ci­ne­ma d’au­to­re: Sor­ren­ti­no e il pa­pa an­ti­con­for­mi­sta di The Young Po­pe, Da­nie­le Lu­chet­ti con Ber­go­glio stes­so e la sua vi­ta in Chia­ma­te­mi Fran­ce­sco e ora, ap­pun­to, Wim Wen­ders che l’ha ri­pre­so co­me fos­se un at­to­re. Del re­sto, Jor­ge Ber­go­glio è il pri­mo Pa­pa del­la sto­ria ad aver ru­ba­to il la­vo­ro agli agen­ti im­mo­bi­lia­ri in pen­sio­ne in­ter­pre­tan­do se stes­so an­che in un film di fin­zio­ne ( Beyond the Sun, di Gra­cie­la Ro­dri­guez Gi­lio e Char­lie Mai­nar­di, 2017). _ (Ga­brie­le Nio­la)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.