5Stel­le: Di Ma­io si can­di­da Fi­co giù dal pal­co a Ri­mi­ni

Ora me­di­ta di cor­re­re an­che il pre­si­den­te del­la Vi­gi­lan­za

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » LU­CA DE CAROLIS

■Do■o la pre­sen­ta­zio­ne del­le re­go­le per le par­la­men­ta­rie che sce­glie­ran­no il can­di­da­to a Pa­laz­zo Chi­gi e il “ca­po del­la for­za po­li­ti­ca”, gli or­to­dos­si te­mo­no l’esclu­sio­ne dal­le li­ste

Il pre­scel­to che pre­sto sa­rà il nuo­vo ca­po si pre­sen­ta uf­fi­cial­men­te co­me can­di­da­to pre­mier, pronto a pren­der­si ciò che era già suo. Gli or­to­dos­si te­mo­no epu­ra­zio­ni nel­le fu­tu­re li­ste e ra­gio­na­no di ri­vol­ta. E dai pia­ni al­ti han­no già or­di­na­to di met­te­re la mor­dac­chia all’an­ta­go­ni­sta, a Ro­ber­to Fi­co, che a og­gi non è pre­vi­sto nel­la sca­let­ta de­gli in­ter­ven­ti dal pal­co per Ita­lia5S­tel­le a Ri­mi­ni: la fe­sta na­zio­na­le, do­ve sa­ba­to pros­si­mo Lui­gi Di Ma­io ver­rà pro­cla­ma­to can­di­da­to del Mo­vi­men­to al­la Pre­si­den­za del Con­si­glio. Ma pro­prio lui, Fi­co, me­di­ta a sor­pre­sa se can­di­dar­si al­le pri­ma­rie, cam­bian­do i suoi pia­ni.

Ir­ri­ta­to dall’ul­te­rio­re svol­ta, con Di Ma­io sem­pre più lea­der. E pre­oc­cu­pa­to dal­la pos­si­bi­le ac­cu­sa di non aver­ci mes­so la gam­ba, in una fa­se che è co­mun­que uno sno­do per il Mo­vi­men­to. An­che se non po­trà mai vin­ce­re con­tro il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, per trop­pe ra­gio­ni. La cer­tez­za è che i ver­ti­ci lo te­mo­no. Han­no pau­ra che a Ri­mi­ni Fi­co pos­sa se­mi­na­re pa­ro­le in­cen­dia­rie, co­me fe­ce al­la fe­sta di Pa­ler­mo l’an­no scor­so, ur­lan­do con­tro “il vip­pa­me” che a suo di­re ha in­fet­ta­to il Mo­vi­men­to.

E AL­LO­RA vo­glio­no to­glie­re il mi­cro­fo­no all’or­to­dos­so de­gli or­to­dos­si, con­tra­rio al­la svol­ta “prag­ma­ti­ca” e al­le pri­ma­rie nel se­gno di un uo­mo sem­pre più al co­man­do. Os­sia Di Ma­io, che par­le­rà già sa­ba­to se­ra, e poi do­me­ni­ca, nel­la con­fe­ren­za stam­pa da vin­ci­to­re. E che ie­ri si è uf­fi­cial­men­te can­di­da­to al­le pri­ma­rie on li­ne del M5S, per cui ci si po­trà pre­sen­ta­re fi­no a mez­zo­gior­no di do­ma­ni. “Ora dob­bia­mo com­ple­ta­re l’ope­ra: an­dia­mo a Pa­laz­zo Chi­gi e fac­cia­mo ri­sor­ge­re l’i t al ia ” scri­ve su Fa­ce­book Di Ma­io. Dal Pd con­ti­nua­no a spa­rar­gli con­tro per­ché il re­go­la­men­to con­sen­te di can­di­dar­si an­che agli in­da­ga­ti: pro­prio co­me il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, in­da­ga­to a Ge­no­va per dif­fa­ma­zio­ne su que­re­la di Ma­ri­ka Cas­si­ma­tis, la vin­ci­tri­ce del­le co­mu­na­rie lo­ca­li poi ri­mos­sa da Bep­pe Gril­lo. Ma all’An­sa Di Ma­io ri­bat­te: “Chi è in­da­ga­to per rea­ti gra­vi non è can­di­da­bi­le. Se poi si è in­da­ga­ti co­me at­to do­vu­to per una de­nun­cia del Pd o ti bec­chi una que­re­la co­me è ac­ca­du­to a me, è evi­den­te a chiun­que sia un mi­ni­mo one­sto in­tel­let­tual- men­te che la co­sa cam­bia, che di­te?”. Ma il ve­ro nodo, so­prat­tut­to den­tro il Mo­vi­men­to, è un al­tro. È quel­la for­mu­la all’ini­zio del po­st sul­la re­go­le, “can­di­da­to pre­mier e de­si­gnan­do ca­po del­la for­za po­li­ti­ca”, che di fat­to se­gna un pas­sa­gio di con­se- gne, da Gril­lo, “ca­po po­li­ti­co” se­con­do lo sta­tu­to, a Di Ma­io. Or­mai in­ve­sti­to dei pie­ni po­te­ri di scel­ta.

Non so­lo sui po­ten­zia­li mi­ni­stri, co­me era già no­to da tem­po, ma an­che sul­le li­ste per le Po­li­ti­che, su cui de­ci­de­rà sen­ten­do lo stes­so Gril­lo, d’ora in poi un pa­dre no­bi­le da con­sul­ta­re, e Da­vi­de Ca­sa­leg­gio: il ver­ti­ce ope­ra­ti­vo, e prin­ci­pa­le fau­to­re del raf­for­za­men­to del can­di­da­to pre­mier. “Do­ve­va­mo svin­co­lar­lo da pos­si­bi­li cor­ren­ti, por­tar­lo so­pra tut­ti” ri­pe­to­no dai pia­ni al­ti del Mo­vi­men­to. Do­ve già pen­sa­no a re­go­le e mo­da­li­tà del nuo­vo cor­so. Con una gri­glia di se­le­zio­ni plu­ri­me, per sce­glie­re i fu­tu­ri par­la­men­ta­ri. E con un au­men­to del­le vo­ta­zio­ni sul­la piat­ta­for­ma web Rous­seau, sui te­mi prin­ci­pa­li, per fi­de­liz­za­re sem­pre più gli iscrit­ti (an­che se c’è il te­ma dei co­sti).

Ma in ci­ma ci sa­rà sem­pre Di Ma­io, “e ci ri­mar­rà an­che se non vin­ce­re­mo le Po­li­ti­che”, giu­ra­no. Poi pe­rò c’è la pro­te­sta, per ora si­len­te, de­gli or­to­dos­si: tan­ti, e in gran par­te af­fi­ni a Fi­co. Si va da un se­na­to­re di pe­so co­me Ni­co­la Mor­ra a un de­pu­ta­to co­me Car­lo Si­bi­lia, ex mem­bro del Di­ret­to­rio. Per ar­ri­va­re a mol­ti dei par­la­men­ta­ri cam­pa­ni. Co­me il de­pu­ta­to Lui­gi Gal­lo, ie­ri l’uni­co a met­te­re ne­ro su bian­co su Fa­ce­book il suo di­sap­pun­to: “Si pas­sa dal Mo­vi­men­to di Gril­lo al Mo­vi­men­to di Di Ma­io”. E in se­ra­ta lo ri­pe­te all’Adn Kro­nos: “Gril­lo de­ve ri­ma­ne­re il ca­po po­li­ti­co, per­ché ha svol­to un ruo­lo di ga­ran­zia e di in­di­pen­den­za. Au­spi­co che tut­ti i por­ta­vo­ce che si can­di­da­no di­chia­ri­no di de­cli­na­re il ruo­lo di ca­po po­li­ti­co e di con­cen­trar­si sul ruo­lo di can­di­da­to pre­si­den­te del Con­si­glio”. E la te­si è quel­la di tut­ta la mi­no­ran­za: il ca­po de­ve ri­ma­ne­re lui, per­ché è un non elet­to, una fi­gu­ra ter­za.

AL­CU­NI PROVANOa chia­mar­lo, Gril­lo. O gli man­da­no sms. E il fon­da­to­re ri­spon­de, pro­van­do a tran­quil­liz­za­re. Di cer­to Gril­lo ha la­scia­to fa­re. Men­tre l’op­po­si­zio­ne ri­flet­te sul da far­si. E il cat­ti­vo pen­sie­ro di al­cu­ni è chia­ro: aspet­ta­re le Re­gio­na­li in Si­ci­lia del 5 no­vem­bre, e poi pre­sen­ta­re a Di Ma­io il con­to dell’even­tua­le scon­fit­ta. Ma ora ci so­no le pri­ma­rie. E in una fu­ga ge­ne­ra­liz­za­ta dal­la con­sul­ta­zio­ne già scrit­ta ora tor­na a cir­co­la­re l’ipo­te­si Fi­co. Ten­ta­to dal­la sfi­da sim­bo­li­ca. Per non la­scia­re il cam­po a chi sta cam­bian­do tut­to. E sfi­dar­lo an­che do­po, all’op­po­si­zio­ne.

La pro­te­sta

Il de­pu­ta­to Gal­lo:

“Il ca­po de­ve re­sta­re Bep­pe Gril­lo, è lui che ci ga­ran­ti­sce” LUI­GI DI MA­IO

Ac­cet­to di can­di­dar­mi a pre­mier, fac­cia­mo ri­sor­ge­re l’Ita­lia Io in­da­ga­to? Mi so­no bec­ca­to una que­re­la, è so­la­men­te un at­to do­vu­to

An­sa

Am­bi­zio­so Lui­gi Di Ma­io, vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra dei de­pu­ta­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.