Sor­pre­sa, Or­lan­do è tor­na­to ren­zia­no Ma ora Pi­sa­pia re­spin­ge la sua cor­te

Il mi­ni­stro: “La­scia D’Ale­ma”. La re­pli­ca: “Nes­sun li­sto­ne col Pd”

Il Fatto Quotidiano - - POLITICA - » TOM­MA­SO RODANO

L’Or­lan­do

fu­rio­so del­le pri­ma­rie del Pd non c’è più. Le ele­zio­ni si av­vi­ci­na­no, il mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia cam­bia li­nea: si ac­con­ten­ta di fa­re il ca­po cor­ren­te. Ha ri­nun­cia­to ai to­ni ca­ta­stro­fi­ci del­la sfi­da a Ren­zi e (ri)sco­per­to che il se­gre­ta­rio del suo par­ti­to – ex ca­po del suo go­ver­no – non è co­sì ma­le: “Dob­bia­mo smet­ter­la di fa­re la mi­no­ran­za e pen­sa­re che per ri­co­strui­re la si­ni­stra ba­sti met­te­re da par­te Ren­zi”.

IL NUO­VO cor­so di Or­lan­do e di Dems (la sua cor­ren­te, ap­pun­to) è inau­gu­ra­to in una sa­la even­ti die­tro Piaz­za di Spa­gna. Lo sfor­zo di ela­bo­ra­zio­ne po­li­ti­ca ha pro­dot­to la se­guen­te stra­te­gia: ci vor­reb­be un nuo­vo Uli­vo. Per­ché non sfug­ga a nes­su­no, Or­lan­do ha fat­to piaz­za­re un ra­mo­scel­lo dell’al­be­ro pro­dia­no tra le pa­ro­le “cen­tro” e “si­ni­stra” nel ma­ni­fe­sto del con­ve­gno. La coa­li­zio­ne uli­vi­sta che so­gna Or­lan­do do­vreb­be es­se­re rap­pre­sen­ta­ta in pla­tea: da Giu­lia­no Pi­sa­pia, mo­de­ra­to di si­ni­stra, a Car­lo Ca­len­da, mi­ni­stro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co, mo­de­ra­to e ba­sta. Ci vuo­le un “cam­po lar­go”, si ri­pe­te al­lo sfi­ni­men­to; un ter­mi­ne di straor­di­na­ria va­cui­tà, che in­fat­ti va mol­to di mo­da.

Il pro­ble­ma è che al­la fi­ne non si pre­sen­ta nes­su­no dei due ospi­ti. Ca­len­da la­scia un lun­go mes­sag­gio vi­deo, mol­to ap­plau­di­to, in cui chie­de al­la si­ni­stra di es­se­re or­go­glio­sa dei go­ver­ni Ren­zi-Gen­ti­lo­ni. Pi­sa­pia in­ve­ce la­scia un mes­sag­gio più bre­ve, let­to dal pal­co. An­che lui sta co­struen­do un al­tro “cam­po lar­go” (con Ber­sa­ni e D’Ale­ma) ma le por­te per la si­ni­stra Pd “so­no spa­lan­ca­te”. Più tar­di, in­ve­ce, al tea­tro Pa­ren­ti di Mi­la­no ag­giun­ge una con­si­de­ra­zio­ne me­no in­clu­si­va: “Nes­sun li­sto­ne: con que­sta leg­ge elet­to­ra­le, dob­bia­mo sfi­da­re il Pd”.

A Ro­ma la sua as­sen­za ha ir­ri­ta­to mol­to gli or­ga­niz­za­to­ri. Uno dei de­pu­ta­ti or­lan­dia­ni è par­ti­co­lar­men­te ar­rab­bia­to: “Ci con­ta­va­mo, in­ve­ce Pi­sa- pia ci ha de­lu­so, ha mo­stra­to di non ave­re il phy­si­que du rô­le. Cre­do che so­prav­va­lu­ti la sua ri­le­van­za. Ma al­la fi­ne, chi è Pi­sa­pia? L’av­vo­ca­to di De Be­ne­det­ti... Se l’è in­ven­ta­to Re­pub­bli­ca”.

AN­CHE SUL PALCO­lo pun­zec­chia­no. Ni­co­la Zin­ga­ret­ti, go­ver­na­to­re del La­zio: “Ca­pi­sco l’im­ba­raz­zo di Giu­lia­no, lo ve­do in dif­fi­col­tà”. Ce­sa­re Da­mia­no, ex mi­ni­stro del La­vo­ro di Pro­di: “Di­spia­ce non ci sia Pi­sa­pia, avrei pre­fe­ri­to ve­der­lo in car­ne e os­sa. Qui avreb­be tro­va­to una co­mu­ni­tà ac­co­glien­te. Bi­so­gna dif­fi­da­re de­gli op­po­sti estre­mi­smi, an­che di chi di­ce ‘Mai con Ren­zi’”.

Poi c’è la chiu­su­ra di Or­lan­do: “Giu­lia­no, ser­ve più co­rag­gio. Più co­rag­gio”. Per Pi­sa­pia – se­con­do il mi­ni­stro – è il mo­men­to di la­sciar per­de­re Mdp, che “non vuo­le un cen­tro­si­ni­stra di go­ver­no”, ma si chiu­de nel­la “si­ni­stra ra­di­ca­le”.

Ec­co­la, la ve­ra novità del nuo­vo cor­so di Or­lan­do: pri­ma at­tac­ca­va Ren­zi e pic­chia­va a de­stra, ora è in li­nea con il se­gre­ta­rio nel pic­chia­re a si­ni­stra. Il pen­sie­ro più ve­le­no­so è per Mas­si­mo D’Ale­ma: “Mi han­no det­to che non de­vo più de­fi­nir­lo ‘ grupp et­tar o’, ma non mi ven­go­no in men­te al­tre de­fi­ni­zio­ni, per uno che ades­so pre­fe­ri­sce pren­de­re il 2 per cen­to”.

Nel nuo­vo cen­tro­si­ni­stra so­gna­to da Or­lan­do ci so­no quin­di Ca­len­da e Pi­sa­pia, man­ca­no Or­lan­do e Ber­sa­ni epuò tro­va­re spa­zio un al­tro ospi­te: “L’al­lean­za com­pren­de Al­fa­no? Non so. Mol­to di­pen­de­rà dal suo at­teg­gia­men­to sul­lo Ius so­li”.

An­sa

Guar­da­si­gil­li A. Or­lan­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.