“De­vi rin­gra­zia­re” L’al­lie­va ge­nu­fles­sa da­van­ti al ba­ro­ne

L’in­chie­sta di Fi­ren­ze: in­ter­cet­ta­ti il pro­fes­sor Fran­so­ni e una neo­ri­cer­ca­tri­ce

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ANTONIO MASSARI

Il 21 apri­le 2015, Su­san­na Can­niz­za­ro, neo ri­cer­ca­tri­ce all'Uni­ver­si­tà di Ma­ce­ra­ta, in 5 mi­nu­ti e 35 se­con­di chie­de 15 vol­te scu­sa e 5 vol­te per­do­no. Si ge­nu­flet­te me­dia­men­te ogni 16 se­con­di. Que­sta in­ter­cet­ta­zio­ne non ha bi­so­gno di com­men­ti. Can­niz­za­ro chia­ma il pro­fes­sor Gu­gliel­mo Fran­so­ni, og­gi ai do­mi­ci­lia­ri con l'ac­cu­sa di cor­ru­zio­ne per aver con­cor­da­to le abi­li­ta­zio­ni con al­tri pro­fes­so­ri coin­vol­ti nell’in­chie­sta fio­ren­ti­na del pro­cu­ra­to­re ag­giun­to Lu­ca Tur­co, del pm Pao­lo Bar­luc­chi e del­la Guar­dia di fi­nan­za. Set­te ai do­mi­ci­lia­ri e 22 so­spe­si dall’in­se­gna­men­to. Can­niz­za­ro lo chia­ma per in­for­mar­lo che l'Uni­ver­si­tà di Ma­ce­ra­ta ha ri­chie­sto al­cu­ni do­cu­men­ti. Ec­co la rea­zio­ne.

Fran­so­ni: De­vo dir­ti una co­sa... da che mon­do è mon­do si chia­ma per rin­gra­zia­re, per­ché tu hai su­pe­ra­to l'esa­me gra­zie all'ap­pog­gio.

C a nn i z za r o : Sc u s am i , scu­sa­mi tan­to!

F: Non hai chiam... non ho sen­ti­to la pa­ro­la gra­zie e non ti scu­so in­ve­ce!

C: Scu­sa­mi, scu­sa­mi.

F: Si chia­ma per rin­gra­zia­re.

C: Scu­sa­mi, scu­sa­mi tan­to.

F: E non ti scu­so! Si fa co­sì!

C: Per­do­na­mi, per­do­na­mi io ti... so­no mol­to con­ten­ta e ti rin­gra­zio.

F: Si chia­ma e si rin­gra­zia per­ché non sa­reb­be av­ve­nu­to sen­za il sup­por­to di tut­ti quan­ti! (…)

C: Scu­sa­mi tan­to... per­do­na­mi (…) Io ti rin­gra­zio tan­tis­si­mo... so­no mol­to con­ten­ta e ti rin­gra­zio tan­tis­si­mo...

F: Eh, vab­bè, ti ren­di con­to che è tar­di­va la co­sa, tu chia­mi per­ché ha bi­so­gno di un ul­te­rio­re aiu­to, è tar­di­va! (...) tu vuoi il sup­por­to, tu hai bi­so­gno del no­stro sup­por­to per tut­to!

C: Ma io ho sem­pre bi­so­gno.

F: E al­lo­ra cer­ca di me­ri­tar­te­lo, per la mi­se­ria!

C: Per­do­na­mi, scu­sa­mi... F: Ok ci sia­mo ca­pi­ti, ades­so io non vo­glio più spen­de­re pa­ro­le su que­sto...

C: Per­do­na­mi Gu­gliel­mo, io non...

F: Sei gran­de... ma quan­ti hai an­ni hai? Quin­di­ci? (...)

C: Scu­sa­mi tan­to era so­lo la...

F: Non ci so­no giu­sti­fi­ca­zio­ni! So­no chia­ro?

C: Scu­sa­mi tan­to, scu­sa­mi, non era mia in­ten­zio­ne...

F: Non è tua in­ten­zio­ne, hai fat­to! Che ra­gio­na­men­to è? Stai par­lan­do a van­ve­ra Su­san­na...

C: Ti pos­so so­lo chie­de­re scu­sa... ti pos­so so­lo chie­de­re scu­sa e ti pos­so so­lo di­re che io so­no estre­ma­men­te gra­ta a te e a tut­ti gli al­tri... Mi di­spia­ce so­lo di non aver­lo co­mu­ni­ca­to su­bi­to pri­ma... di da­re qua­lun­que al­tra in­for­ma­zio­ne, ti chie­do scu­sa.

F: Man­da­mi que­sti do­cu­men­ti, li esa­mi­ne­rò con at­ten­zio­ne.

C: Va be­ne, gra­zie scu­sa­mi an­co­ra.

La Can­niz­za­ro non è in­da­ga­ta, co­me il pro­fes­so­re En­nio La Sca­la, pro­ta­go­ni­sta di que­sto dia­lo­go con Sal­va­to­re Sam­mar­ti­no, ac­cu­sa­to in­ve­ce di cor­ru­zio­ne, pros­si­mo al­la pen­sio­ne e pron­to a la­sciar­gli una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà.

Sam­mar­ti­no: En­nio, io so­no tor­na­to ed è da un'ora e mez­za che ho... lun­ga­men­te par­la­to (…) Il fi­na­le è che tu vie­ni in­se­ri­to in que­sta pri­ma tor­na­ta!

La Sca­la: Fan­ta­sti­co, gra­zie pro­fes­so­re, gra­zie che Dio la be­ne­di­ca! Ve­ra­men­te gra­zie, gra­zie, gra­zie...

S: In con­se­guen­za di que­sto, En­nio, non po­ten­do ot­te­ne­re tut­to, la po­si­zio­ne del­la dot­to­res­sa Maz­za­gre­co ver­rà rin­via­ta al­la se­con­da tor­na­ta... va be­ne? Quin­di io con­to... sul fat­to che poi tu ti de­vi fa­re ta­glia­re la te­sta per la dot­to­res­sa Maz­za­gre­co … e an­che per gli al­tri (...)

L: Ma cer­to per tut­ti! Ma ci man­che­reb­be! …lei pro­fes­so­re si ri­cor­di che at­tra­ver­so me con­ti­nue­rà a di­re tut­to quel­lo che si de­ve fa­re, ma tut­to dal­la A al­la Z.

S: Lo me ne sto an­dan­do, tra un an­no non ci sa­rò più! Quin­di...

L: (...) io se­gui­rò sem­pre le sue di­ret­ti­ve

S: Di­pen­de­rà poi, quan­do poi io non ci sa­rò più, dal­la tua abi­li­tà a ac­qui­si­re in fa­col­tà... una re­te di ami­ci­zie, di sti­ma, di con­sen­so, per­ché poi que­sto è quel­lo che con­ta (...)

L: Lo fa­rò e lei mi sug­ge­ri­rà tut­to quel­lo che de­vo fa­re... (…) per for­tu­na, mi­li­ta­no a no­stro fa­vo­re an­che dei re­qui­si­ti og­get­ti­vi ...

S: Cer­to… pe­rò sai, non sem­pre, pur aven­do i re­qui­si­ti le co­se van­no be­ne… pur­trop­po... uno può ave­re i re­qui­si­ti e non suc­ce­de nien­te... (…).

L: Pro­fes­so­re (…) ti­re­rò fuo­ri il ca­rat­te­re e tut­ta la stra­te­gia per por­ta­re in por­to tut­ti i ra­gaz­zi del­lo stu­dio (…) in ba­se ai suoi sug­ge­ri­men­ti, di por­ta­re avan­ti tut­ti...

Il “mae­stro”

”Hai su­pe­ra­to l’esa­me, non sa­reb­be av­ve­nu­to sen­za il sup­por­to di tut­ti”. Lei: “Per­do­na­mi” L’ere­di­tà

In un al­tro dia­lo­go il suc­ces­so­re pro­met­te: “Por­te­rò avan­ti tut­ti i ra­gaz­zi del­lo stu­dio”

An­sa

Pro­fes­so­ri Gu­gliel­mo Fran­so­ni, or­di­na­rio a Fog­gia, e Sal­va­to­re Sam­mar­ti­no, Uni­ver­si­tà di Pa­ler­mo

Comments

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.