I BLABLABLA SULLO IUS SOLI E LE “RI­SPO­STE” DEI VIOLENTI

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ANTONIO PADELLARO

Pen­sia­mo dav­ve­ro che lo sde­gno che nu­tria­mo per i fa­sci­sti che im­pe­di­sco­no l’in­gres­so nel­le ca­se po­po­la­ri del­le fa­mi­glie di im­mi­gra­ti aven­ti di­rit­to sia lar­ga­men­te con­di­vi­so?

Cer­ta­men­te no da­gli abi­tan­ti del­la bor­ga­ta ro­ma­na del Trul­lo che han­no da­to man­for­te agli squa­dri­sti di For­za Nuo­va per cac­cia­re una fa­mi­glia ita­lo-eri­trea, e so­lo per­ché lei era di pel­le scu­ra. Pro­ba­bil­men­te no dal­la mag­gio­ran­za de­gli abi­tan­ti del­la Ca­pi­ta­le che sia pu­re con qual­che pu­do­re nel di­chia­rar­lo pen­sa­no che slo­gan dei ni­po­ti­ni del du­ce: “Ro­ma ai Ro­ma­ni” non sia poi tan­to sba­glia­to. Esa­ge­ria­mo? Gi­ra­te un po’ per la cit­tà, ascol­ta­te cer­te ra­dio e ne ri­par­lia­mo. Quan­to a co­sa pen­si dav­ve­ro il Pae­se non c’è son­dag­gio che non met­ta al pri­mo po­sto tra le pre­oc­cu­pa­zio­ni de­gli ita­lia­ni il te­ma im­mi­gra­zio­ne. Ciò si­gni­fi­ca che più le squa­drac­ce sa­ran­no la­scia­te da so­le a pre­si­dia­re i ter­ri­to­ri più di­sa­gia­ti, de­ser­ti­fi­ca­ti dal­la fu­ga del­la po­li­ti­ca e dal­la scom­par­sa dei par­ti­ti e più as­si­ste­re­mo all’avan­za­ta elet­to­ra­le di una de­stra con la ba­va al­la boc­ca. Nel­la qua­le Mat­teo Sal­vi­ni e Gior­gia Me­lo­ni sa­ran­no quel­li mo­de­ra­ti e al cui con­fron­to l’AfD te­de­sca sem­bre­rà la Ca­ri­tas. In un si­mi­le di­sa­stro po­li­ti­co, cul­tu­ra­le e so­cia­le le re­spon­sa­bi­li­tà del­la si­ni­stra so­no im­men­se. A Gui­do­nia

(un pas­so da Ro­ma) do­ve si vi­ve in uno sta­to di guer­ri­glia per­ma­nen­te tra re­si­den­ti e no­ma­di, fi­no agli An­ni 90 le se­zio­ni del Pci e del Psi co­sti­tui­va­no un ro­bu­sto pre­si­dio de­mo­cra­ti­co do­ve le ten­sio­ni ve­ni­va­no go­ver­na­te e rap­pre­sen­ta­te.

DA VENT'AN­NI a que­sta par­te, gra­zie an­che al­le por­ca­te elet­to­ra­li dei no­mi­na­ti, nei ter­ri­to­ri è scom­par­sa la fi­gu­ra del de­pu­ta­to di ri­fe­ri­men­to, quel­lo che ogni fi­ne set­ti­ma­na rien­tra­va da Ro­ma nel pro­prio col­le­gio, ascol­ta­va ciò che gli elet­to­ri ave­va­no da dir­gli e si da­va da fa­re sa­pen­do al­tri­men­ti di gio­car­si la rie­le­zio­ne. Inu­ti­le gi­rar­ci in­tor­no: a Gui­do­nia o al Trul­lo a chi dia­vo­lo pos­so­no ri­vol­ger­si gli abi­tan­ti esa­spe­ra­ti, a tor­to o a ra­gio­ne se non ai fa­sci­sti (ora che per­fi­no i 5stel­le sem­bra­no di­sper­si nei lo­ro ca­si­ni)? Ca­me­ra­ti ap­prez­za­ti in lo­co per un cer­to sti­le di­ret­to: me­na­no le ma­ni e non si per­do­no nei bla bla. Tal­ché le lo­de­vo­li leg­gi Fia­no po­tran­no pu­re pu­ni­re il sa­lu­to ro­ma­no o chi in­to­na Gio­vi­nez­za , ma dif­fi­cil­men­te riu­sci­ran­no a san­zio­na­re l’idea di una de­mo­cra­zia del­le ani­me bel­le ma del tut­to in­ser­vi­bi­le nel fuo­co del­la du­ra realtà quo­ti­dia­na.

Nel­la con­tro­ver­sa leg­ge sullo Ius soli que­sta di­stan­za tra le pa­ro­le e i fat­ti sta sca­van­do un fos­sa­to pro­fon­do tra la vi­sio­ne il­lu­mi­na­ta del­le éli­te e il dif­fu­so sen­so co­mu­ne. In li­nea di prin­ci­pio (e di ci­vil­tà) co­me si fa a ne­ga­re il di­rit­to al­la cit­ta­di­nan­za ai bam­bi­ni na­ti in Ita­lia da ge­ni­to­ri stra­nie­ri con re­go­la­re per­mes­so di sog­gior­no da al­me­no 5 an­ni?

Che raz­za di na­zio­ne è quel­la nel­la qua­le si con­ti­nua­no a di­scri­mi­na­re i com­pa­gni di scuo­la dei no­stri fi­gli di pel­le di­ver­sa e so­lo per­ché An­ge­li­no Al­fa­no non è d’ac­cor­do? Se non fos­se che la fra­se a cui il mi­ni­stro de­gli Este­ri è sta­to im­pic­ca­to (“una co­sa giu­sta fat­ta al mo­men­to sba­glia­to può di­ven­ta­re una co­sa sba­glia­ta”) pur nel ci­ni­smo po­li­ti­can­te del per­so­nag­gio, po­ne una do­man­da ine­lu­di­bi­le. Per­ché sia­mo fi­ni­ti nel “mo­men­to sba­glia­to”? Per­ché nell’i nver­no scor­so, ap­pe­na in­se­dia­to, il go­ver­no Gen­ti­lo­ni non ha pro­ce­du­to su­bi­to all’ap­pro­va­zio­ne del­la leg­ge quan­do Al­ter­na­ti­va Po­po­la­re o co­me si chia­ma­va era te­nu­ta sot­to scac­co dal ti­mo­re di ele­zio­ni an­ti­ci­pa­te? Per­ché non si è uti­liz­za­to il tem­po tra­scor­so per in­for­ma­re nel mo­do più ca­pil­la­re e com­pren­si­bi­le i cit­ta­di­ni sul­la ve­ra na­tu­ra del­la ri­for­ma la­scian­do in­ve­ce cam­po li­be­ro al­le men­zo­gne del le­ghi­smo tre pal­le un sol­do se­con­do cui i clan­de­sti­ni sa­reb­be­ro di­ven­ta­ti no­stri con­cit­ta­di­ni ap­pe­na sbar­ca­ti sul suo­lo ita­lia­no? Per­ché, in­fi­ne, la vi­sio­ne no­bi­le e il­lu­mi­na­ta dell’in­te­gra­zio­ne si osti­na a non fa­re i con­ti con la realtà di­sin­te­gra­ta e per nul­la so­li­da­le di tan­te, trop­pe pe­ri­fe­rie? Poi­ché un con­to è pre­di­ca­re il buo­no e il giu­sto co­mo­da­men­te se­du­ti in un con­do­mi­nio del cen­tro sto­ri­co, più dif­fi­ci­le se per ar­ri­va­re a ca­sa de­vi at­tra­ver­sa­re un per­cor­so di guer­ra tra spor­ci­zia, lam­pio­ni rot­ti e spac­cia­to­ri in ag­gua­to.

CHI HA PAU­RA dell’ in­va­sio­ne dall’Afri­ca e chi si sen­te al si­cu­ro han­no lo stes­so di­rit­to di vo­to: si chia­ma suf­fra­gio uni­ver­sa­le. So­lo che i pri­mi so­no mol­ti di più. Al­fa­no è quel­lo che è ma non ha tut­ti i tor­ti quan­do ri­tie­ne che lo Ius soli apri­reb­be al­tre pra­te­rie scon­fi­na­te a Sal­vi­ni con ca­me­ra­ti al se­gui­to. Bi­so­gna in­ten­der­si su ciò che è giu­sto e su ciò che è dan­no­so. Per esem­pio, cos’è più raz­zi­sta? Di­scri­mi­na­re i rom? O te­ner­li nei cam­pi no­ma­di ac­cer­chia­ti dai ri­fiu­ti e dai to­pi?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.