“L’in­fi­ni­to so­gno di Ni­na”: vi­ve­re di let­tu­re in bi­blio­te­ca

La scrit­tri­ce na­po­le­ta­na Ci­len­to e la vi­gnet­ta di Al­tan og­gi al se­sto Bi­blio­fe­st a Pi­sto­ia in cui sa­rà an­nun­cia­ta an­che l’aper­tu­ra di uno spa­zio pub­bli­co a Scam­pia

Il Fatto Quotidiano - - SECONDO TEMPO - » ANTONELLA CI­LEN­TO

Ni­na chiu­de gli oc­chi: è in fi­la al­la po­sta, ac­can­to a sua mam­ma, da al­me­no mezz’ora. Da un po’ la don­na avan­ti a lei, con la gon­na ver­de ac­qua, si ar­ric­cia i ca­pel­li con un di­to. C’è cat­ti­vo odo­re, l’odo­re de­gli abi­ti vec­chi, di cor­pi non trop­po ben la­va­ti e so­lo deo­do­ra­ti, c’è ma­lu­mo­re, c’è no­ia. Qua­si tut­ti par­la­no al cel­lu­la­re o scor­ro­no im­ma­gi­ni su­gli i-pho­ne.

NI­NA FISSA la gon­na: che bel co­lo­re. Pian pia­no, la stof­fa scom­pa­re, si tra­sfor­ma in ac­qua e den­tro ci nuo­ta­no pe­sci. Ni­na ha un sob­bal­zo. Men­tre un po­li­po com­pa­re die­tro una roc­cia fra le gi­noc­chia del­la don­na, in­tra­ve­de il vec­chio gior­na­la­io di quar­tie­re che sbuf­fa, in fi­la an­che lui, mu­ta­re aspet­to: una ben­da su un oc­chio, una scia­bo­la al­la cin­tu­ra, sul­la spal­la non la tra­col­la del bor­sel­lo ma un ver­de pap­pa­gal­lo. La guar­dia giu­ra­ta all’in­gres­so luc­ci­ca: ha un’ar­ma­tu­ra. E la co­lo­nia fe­li­na nel con­te­ni­to­re in stra­da è la ca­sa del gat­to con gli sti­va­li.

Quan­do la mam­ma avrà fi­ni­to al­la po­sta, Ni­na an­drà con lei in bi­blio­te­ca. Di so­li­to, que­sto le suc­ce­de so­lo in bi­blio­te­ca. Ma da un po’ di tem­po a que­sta par­te, ovun­que si tro­vi, quan­do si an­no­ia, il mon­do si tra­sfor­ma: com­pa­io­no i per­so­nag­gi dei li­bri che leg­ge, qual­che vol­ta an­che per­so­nag­gi che ha in­ven­ta­to lei. Una vol­ta a set­ti­ma­na, quan­do non c’è scuo­la, men­tre la mam­ma fa la spe­sa, Ni­na in bi­blio­te­ca leg­ge. Ha una pi­la di li­bri per la scuo­la, per i com­pi­ti, ma chie­de di con­sul­ta­re fa­vo­le, mi­ti, rac­con­ti, ro­man­zi, fu­met­ti. Da quan­do va in bi­blio­te­ca, tut­ti han­no una dop­pia vi­ta, una se­con­da fac­cia, an­zi mol­ti vol­ti: mam­ma esplo­ra l’An­tar­ti­de quan­do sbri­na il fri­go­ri­fe­ro, pa­pà so­prav­vi­ve al­la guer­ra di Tro­ia men­tre go­ver­na il ban­co del­la sua pe­sche­ria, il su­per mer­ca­to è il pon­te di un’astro­na­ve su cui vi­ve un’in­te­ra cit­tà, il pa­laz­zo del co­mu­ne è un ca­stel­lo, i fio­ri in ve­tri­na can­ta­no, le stel­le di­se­gna­te sul qua­der­no par­la­no.

At­ten­de il gior­no di let­tu­ra in bi­blio­te­ca con an­sia: non ve­de l’ora di ca­val­ca­re, nuo­ta­re, ve­leg­gia­re in ma­re aper­to, vo­la­re su un dra­go. Spes­so con mam­ma e pa­pà de­ci­do­no di non an­da­re a tro­va­re la non­na, che abi­ta in un’al­tra cit­tà: il tre­no è ca­ro e Ni­na ha an­che due fra­tel­li più pic­co­li di lei. Pe­rò, gra­tis in bi­blio­te­ca fon­da im­pe­ri, go­ver­na si­cu­ra un som­mer­gi­bi­le, suo­na il pia­no in un gran­de tea­tro, bal­la per i re, è spo­sa, è vec­chia, fa ma­gie.

Ora, pe­rò, pa­re vo­glia­no chiu­de­re la bi­blio­te­ca del suo quar­tie­re. Al suo po­sto apri­rà una ban­ca, co­sì le ha spie­ga­to la si­gno­ri­na un po’ cur­va, con l’orec­chi­no al na­so e i ca­pel­li aran­cio­ne che le pren­de i li­bri da­gli scaf­fa­li e che Ni­na im­ma­gi­na sem­pre co­me un el­fo, in­via­to a spia­re gli uma­ni. For­se, so­gna Ni­na, può con­vin­ce­re la mam­ma a com­pra­re un po’ dei li­bri che so­no in bi­blio­te­ca o a no­leg­giar­li, pe­rò si ri­cor­da che in ca­sa non han­no nem­me­no una li­bre­ria. L’el­fo le ha an­che det­to che c’è una gran­de bi­blio­te­ca in cen- tro, a sei fer­ma­te di me­tro, che for­se può an­da­re là.

NI­NA SO­GNA spes­so co­sa fa­rà da gran­de: di­ri­ge­rà una bi­blio­te­ca. Sie­de­rà co­me la ra­gaz­za dai ca­pel­li aran­cio­ne a guar­da­re al­tri bam­bi­ni e qual­che adul­to leg­ge­re. Guar­de­rà na­vi­ga­re fra i ta­vo­li e gli scaf­fa­li le fan­ta­sie di tut­ti: un pal­lo­ne ae­ro­sta­ti­co che fa il gi­ro del mon­do in ot­tan­ta gior­ni, una bar­ca sul fiu­me Mis­si­si­pi, una na­ve che in­se­gue una ba­le­na bian­ca, una prin­ci­pes­sa che rac­con­ta sto­rie a un sul­ta­no, l’ascia di un bo­ia, una zuc­ca che si tra­sfor­ma in car­roz­za, le mol­li­che di pa­ne la­scia­te da due fra­tel­li­ni. Ho co­no­sciu­to Ni­na, ho in­con­tra­to tan­te Ni­na in ven­ti­cin­que an­ni di la­bo­ra­to­ri nel­le scuo­le e qual­che vol­ta nel­le bi­blio­te­che: non sem­pre ave­va­no i li­bri a ca­sa, a vol­te pe­rò ave­va­no ge­ni­to­ri che ca­pi­va­no l’im­por­tan­za di da­re ai fi­gli ciò che a lo­ro era man­ca­to, lo spa­zio per im­ma­gi­na­re.

Da una bi­blio­te­ca sco­la­sti­ca ve­ni­va il li­bro che mi por­tò a scri­ve­re quan­do ave­vo un­di­ci an­ni: era Il ma­re non ba­gna Na­po­li di Anna Ma­ria Or­te­se. Era un li­bro dif­fi­ci­le, non era un li­bro per ra­gaz­zi, ma qual­che an­no fa non ci si pre­oc­cu­pa­va di gra­dua­re le let­tu­re: leg­ge­re è un’av­ven­tu­ra sen­za re­go­le, è una tra­sgres­sio­ne e, a vol­te, sco­pri­re co­se che ca­pi­re­mo com­ple­ta­men­te più tar­di ci cam­bia la vi­ta.

La bam­bi­na fon­da im­pe­ri, go­ver­na un som­mer­gi­bi­le, suo­na il pia­no, bal­la per i re, è spo­sa, è vec­chia, fa ma­gie. Gra­tis Da una bi­blio­te­ca ve­ni­va il li­bro che mi por­tò a scri­ve­re a 11 an­ni: era ‘Il ma­re non ba­gna Na­po­li’ di Anna Ma­ria Or­te­se

Francesco Tul­lio Al­tan

Tra gli scaf­fa­li con Pim­pa Antonella Ci­len­to te­sti­mo­nial di Bibliopride in­sie­me al­la Pim­pa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.