Sof­fia­te su Con­sip: un’email in­ca­stra i ver­ti­ci dell’Ar­ma

Il mes­sag­gio di Sca­far­to sfug­gi­to ai pm Sa­pe­va­no dell’in­chie­sta dal 23 giu­gno 2016

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » MAR­CO LILLO

Po­che set­ti­ma­ne pri­ma del­le ri­ve­la­zio­ni all’ad Mar­ro­ni, il ca­pi­ta­no la in­viò al vi­ce­co­man­dan­te del Noe, il co­lon­nel­lo Ses­sa. Giun­se an­che al co­man­dan­te ge­ne­ra­le Del Set­te (in­da­ga­to con Lot­ti e il ge­ne­ra­le Sal­ta­la­mac­chia)?

Po­che set­ti­ma­ne pri­ma che la fu­ga di no­ti­zie bru­cias­se l’in­chie­sta Con­sip un ap­pun­to scrit­to da Gian­pao­lo Sca­far­to, con­te­nen­te gli ele­men­ti fon­da­men­ta­li dell'in­chie­sta se­gre­ta in cor­so, è sta­to in­via­to via mail al nu­me­ro due del Noe, Ales­san­dro Ses­sa. Quel­la mail po­treb­be es­se­re fon­da­men­ta­le nell’in­da­gi­ne che la Pro­cu­ra di Ro­ma svol­ge da più di 10 me­si per tro­va­re ri­scon­tri al­le ac­cu­se dell'ex am­mi­ni­stra­to­re di Con­sip Lui­gi Mar­ro­ni nei con­fron­ti del Co­man­dan­te dell'Ar­ma, Tul­lio Del Set­te, in­da­ga­to per ri­ve­la­zio­ne di se­gre­to e fa­vo­reg­gia­men­to. Il do­cu­men­to, che Il Fat­to è in gra­do di sve­la­re, è se­que­stra­to per­ché al­le­ga­to a una mail con­te­nu­ta nel­la me­mo­ria del cel­lu­la­re di Sca­far­to ad apri­le. Le mail so­no agli at­ti dell’in­chie­sta che ve­de in­da­ga­ti an­che il mi­ni­stro Lu­ca Lot­ti e il ge­ne­ra­le Ema­nue­le Sal­ta­la­mac­chia ma non so­no sta­te va­lo­riz­za­te da­gli in­ve­sti­ga­to­ri ro­ma­ni.

IL 23 GIU­GNO, al­le quat­tro di po­me­rig­gio, il ca­pi­ta­no del Noe, in­via una mail al co­lon­nel­lo Ses­sa. Quel gior­no Sca­far­to ave­va de­po­si­ta­to un'in­for­ma­ti­va ai pm di Na­po­li nel­la qua­le ipo­tiz­za­va che Mar­ro­ni fos­se in­fluen­za­bi­le dal gi­ro di Al­fre­do Ro­meo. Mar­ro­ni era in­fat­ti in con­tat­to con l'ex Ad Do­me­ni­co Ca­sa­li­no, ami­co di Ita­lo Boc­chi­no, con­su­len­te di Ro­meo. Lo stes­so gior­no Sca­far­to in­via al suo su­pe­rio­re un ap­pun­to con i con­te­nu­ti es­sen­zia­li dell’in­for­ma­ti­va ap­pe­na con­se­gna­ta. Il ca­po di en­tram­bi, il nu­me­ro uno del Noe Ser­gio Pa- sca­li, è te­nu­to all'oscu­ro per­ché Mar­ro­ni è ami­co del ge­ne­ra­le Sal­ta­la­mac­chia, a sua vol­ta ami­co di Pa­sca­li. Gli ap­pun­ti in­via­ti a Ses­sa quel gior­no so­no in real­tà due. Al­le 16 par­te la pri­ma mail con al­le­ga­to un fi­le word con­te­nen­te un ap­pun­to di po­che pa­gi­ne. Sca­far­to de­scri­ve le in­ter­cet­ta­zio­ni am­bien­ta­li ne­gli uf­fi­ci di Ro­meo e quel­le te­le­fo­ni­che su Ro­meo, sul suo le­ga­le Ste­fa­no Vin­ti, su Ita­lo Boc­chi­no, sull’ex pre­si­den­te del­la Con­sip Do­me­ni­co Ca­sa­li­no e sul pre­si­den­te al­lo­ra in ca­ri­ca Lui­gi Fer­ra­ra. Tut­to le­ci­to, sia chia­ro. La mail vei­co­la in­for­ma­zio­ni di un sot­to­po­sto a un su­pe­rio­re te­nu­to an­che lui al se­gre­to. Il pun­to è un al­tro: che fi­ne han­no fat­to quel­le in­for­ma­zio­ni de­li­ca­te?

Sca­far­to scri­ve i no­mi de­gli in­ter­cet­ta­ti e i lo­ro nu­me­ri di te­le­fo­no. Mar­ro­ni (che poi ri­ce­ve­rà a lu­glio le pri­me sof­fia­te) nell’ap­pun­to non è in­di­ca­to espli­ci­ta­men­te co­me in­ter­cet­ta­to ma si ca­pi­sce che i pm pun­ta­no su di lui an­che se non san­no nul­la an­co­ra dei suoi rap­por­ti con Ti­zia­no Ren­zi e Car­lo Rus­so, che en­tre­rà in sce­na ad ago­sto. Mar­ro­ni in­fat­ti in quel mo­men­to da un la­to ge­sti­sce la ga­ra da 2,7 mi­liar­di che in­te­res­sa a Ro­meo e dall’al­tro è in con­tat­to con l'ex pre­si­den­te Con­sip Ca­sa­li­no, a sua vol­ta in rap­por­ti con il con­su­len­te di Ro­meo, Boc­chi­no. Un'ora do­po a Ses­sa ar­ri­va un se­con­do ap­pun­to sen­za no­mi. Nel fi­le di word mo­di­fi­ca­to ri­spet­to al­la pri­ma ver­sio­ne ci so­no so­lo le ini­zia­li e i pun­ti­ni omis­sa­no i nu­me­ri di te­le­fo­no. Se l'ap­pun­to fos­se sta­to scrit­to per uso e con­su­mo di Ses­sa, non avreb­be sen­so la se­con­da ver­sio­ne ano­ni­ma. Dun­que la do­man­da è: chi era il de­sti­na­ta­rio ul­ti­mo dell’ap­pun­to in­via­to a Ses­sa? Chi vo­le­va sa­pe­re dal co­lon­nel­lo co­sa bol­li­va nel­la pen­to­la Con­sip?

I MA­GI­STRA­TI ro­ma­ni han­no sen­ti­to tre vol­te Ses­sa. Pri­ma co­me per­so­na in­for­ma­ta dei fat­ti ad apri­le 2017, poi due vol­te co­me in­da­ga­to di de­pi­stag­gio a giu­gno 2017. Le due mail del 23 giu­gno 2016 non gli so­no mai sta­te con­te­sta­te. Ep­pu­re il pun­to cen­tra­le dell'in­da­gi­ne è ca­pi­re se esi­sta una re­la­zio­ne tra que­ste due mail del 23 giu­gno e la fu­ga di no­ti­zie che bru­cia l’in­da­gi­ne Con­sip a lu­glio 2016. Mar­ro­ni al Noe il 20 di­cem­bre 2016 rac­con­ta: “Lui­gi Fer­ra­ra mi ha no­ti­zia­to di es­se­re in­ter­cet­ta­to lui stes­so e che an­che la mia uten­za era sot­to con­trol­lo per aver­lo ap­pre­so di­ret­ta­men­te dal Co­man­dan­te Ge­ne­ra­le dei Ca­ra­bi­nie­ri Tul­lio Del Set­te; que­sta no­ti­zia l’ho ap­pre­sa dal Fer­ra­ra non ri­cor­do con pre­ci­sio­ne ma la no­ti­zia la col­lo­co tra lu­glio e set­tem­bre 2016 e co­mun­que non ad ago­sto in quan­to ero in fe­rie”. Poi ai pm na­po­le­ta­ni Mar­ro­ni ag­giun­ge: “Fu Lot­ti a dir­mi che l’at­ti­vi­tà di in­da­gi­ne e le in­ter­cet­ta­zio­ni che ri­guar­da­va­no il Ro­meo ave­va­no ri­guar­da­to an­che il Ca­sa­li­no, e che io ero sta­to in­ve­sti­to da ta­li ope­ra­zio­ni di in­ter­cet­ta­zio­ne co­me suc­ces­so­re del Ca­sa­li­no”. Sia il con­te­nu­to (in­da­gi­ni par­ti­te su Ca­sa­li­no ed este­se a Mar­ro­ni, in­ter­cet­ta­zio­ni am­bien­ta­li e te­le­fo­ni­no di Fer­ra­ra ascol­ta­to dal Noe) sia la da­ta del­la fu­ga di no­ti­zie a lu­glio so­no com­pa­ti­bi­li con l’ap­pun­to in­via­to da Sca­far­to e fi­ni­to nel­le ma­ni di Ses­sa a fi­ne giu­gno.

Co­me se non bastasse i pm ro­ma­ni han­no già nel­le lo­ro car­te un mes­sag­gio wha­tsapp del 7 set­tem­bre di Sca­far­to a Ses­sa che si spie­ga va­lo­riz­zan­do le mail del 23 giu­gno igno­ra­te fi­no­ra da­gli in­ve­sti­ga­to­ri. In quel mes­sag­gio c’è la pro­va che Ses­sa e Sca­far­to si scri­vo­no di ave­re in­for­ma­to il Ca­po di Sta­to Mag­gio­re Ma­ruc­cia di 'tut­to' quel­lo che ac­ca­de­va nell'in­chie­sta Con­sip. Due me­si e mez­zo do­po l’ap­pun­to di Sca­far­to del 23 giu­gno a Ses­sa, lo stes­so Sca­far­to sem­bra ac­cu­sa­re il ge­ne­ra­le Ma­ruc­cia e Del Set­te di ave­re avu­to un ruo­lo nel­la tra­sfor­ma­zio­ne del­la sua no­ti­zia le­git­ti­ma ai su­pe­rio­ri in una fu­ga di no­ti­zie de­va­stan­te per l’in­chie­sta Con­sip.

Il 7 set­tem­bre 2016 Sca­far­to scri­ve: “Io cre­do sin­ce­ra­men­te ... che sia sta­to un er­ro­re par­la­re di­ret­ta­men­te di tut­to con il ca- po at­tua­le (…) ades­so la si­tua­zio­ne po­treb­be pre­ci­pi­ta­re, con fu­ga di no­ti­zie, che po­treb­be­ro far­ci pas­sa­re un brut­to quar­to d'ora”. Co­sa era ac­ca­du­to? Mar­ro­ni e Fer­ra­ra non par­la­va­no più al te­le­fo­no. In pm era­no in­fu­ria­ti e Sca­far­to, che ri­cor­da­va be­ne l’ap­pun­to del 23 giu­gno a Ses­sa, con­fi­da­va al­lo stes­so Ses­sa i suoi so­spet­ti su Ma­ruc­cia per­ché a lui era sta­to det­to 'tut­to'.

PER­CHÉ SCA­FAR­TO scri­ve il 7 set­tem­bre 2016 a Ses­sa? Per­ché quel gior­no sco­pre che Mar­ro­ni e il co­man­dan­te Del Set­te si so­no in­con­tra­ti. “A me - scri­ve Sca­far­to - sem­bra stra­no que­sto in­con­tro. Mi sa che dob­bia­mo met­te­re sot­to Gae­ta­no (Ma­ruc­cia, ndr ). E met­ter­gli an­che un am­bien­te lu­ce in uf­fi­cio, sia a lui che a Tul­lio (Del Set­te, ndr)”. Del Set­te e Ma­ruc­cia han­no sem­pre af­fer­ma­to di non ave­re avu­to in­for­ma­zio­ni pre­ci­se sul­le in­ter­cet­ta­zio­ni in cor­so. La fu­ga di no­ti­zie de­scrit­ta da Mar­ro­ni non sa­reb­be quin­di fa­ri­na del lo­ro sacco per­ché non sa­pe­va­no ab­ba­stan­za. Ses­sa, che è un sot­to­po­sto di Ma­ruc­cia e Del Set­te, re­cen­te­men­te tra­sfe­ri­to dal Noe, non ha smen­ti­to la lo­ro ver­sio­ne. I ca­ra­bi­nie­ri di Ro­ma che in­da­ga­no sul­la fu­ga di no­ti­zie so­no an­che lo­ro sot­to­po­sti di Ma­ruc­cia e Del Set­te, con­fer­ma­to al suo po­sto con una scel­ta scel­le­ra­ta da Pao­lo Gen­ti­lo­ni a gen­na­io. Fi­no­ra non han­no fat­to mol­to per smen­ti­re la ver­sio­ne dei lo­ro ca­pi. Ve­dia­mo co­sa fa­rà la Pro­cu­ra.

I FI­LE WORD BOLLENTI Il do­cu­men­to è fon­da­men­ta­le per ri­co­strui­re la dif­fu­sio­ne di no­ti­zie, ar­ri­va­te al ca­po dei ca­ra­bi­nie­ri Del Set­te e Lot­ti LA SVI­STA IN PRO­CU­RA Il fi­le, se­que­stra­to con il te­le­fo­ni­no del ca­pi­ta­no dell’Ar­ma, è sta­to tra­scu­ra­to dai ma­gi­stra­ti ro­ma­ni

Giam­pao­lo Sca­far­to

An­sa/LaPresse

Gre­ca e stel­let­te Il ge­ne­ra­le Tul­lio Del Set­te. A si­ni­stra, lo scoop del “Fat­to” sull’in­chie­sta Con­sip

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.