Let­te­ra al­la ma­dre dell’as­sas­si­no

TRAGEDIADIMADRI 30 an­ni all’as­sas­si­no di Gior­da­na Di Ste­fa­no

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SEL­VAG­GIA LU­CA­REL­LI

Trent’an­ni.

Il mas­si­mo del­la pe­na col ri­to ab­bre­via­to. Con tut­te le ag­gra­van­ti: cru­del­tà, pre­me­di­ta­zio­ne, ca­pa­ci­tà di in­ten­de­re e di vo­le­re. La con­dan­na, de­ci­sa dal gup Ro­sa Re­cu­pi­do una set­ti­ma­na fa, è quel­la in­flit­ta a Lu­ca Prio­lo che il 6 ot­to­bre 2015, a Ni­co­lo­si, uc­ci­se con 48 col­tel­la­te la sua ex, con la qua­le ave­va una fi­glia, Gior­da­na Di Ste­fa­no. Lei, 20 an­ni, do­po la fi­ne del­la lo­ro sto­ria lo ave­va de­nun­cia­to per stal­king. Era ge­lo­so. Os­ses­si­vo. Gior­da­na è mor­ta in mac­chi­na, dis­san­gua­ta, men­tre lui pren­de­va l’au­to di fa­mi­glia e scap­pa­va via, fer­ma­to poi dai ca­ra­bi­nie­ri a Milano. Da quel mo­men­to, que­sta è di­ven­ta­ta an­che la sto­ria di due ma­dri.

Trent’an­ni. Il mas­si­mo del­la pe­na col ri­to ab­bre­via­to. Con tut­te le ag­gra­van­ti: cru­del­tà, pre­me­di­ta­zio­ne, ca­pa­ci­tà di in­ten­de­re e di vo­le­re. La con­dan­na, de­ci­sa dal gup Ro­sa Re­cu­pi­do una set­ti­ma­na fa, è quel­la in­flit­ta a Lu­ca Prio­lo che il 6 ot­to­bre 2015, a Ni­co­lo­si, uc­ci­se con 48 col­tel­la­te la sua ex, con la qua­le ave­va una fi­glia, Gior­da­na Di Ste­fa­no. Lei, 20 an­ni, do­po la fi­ne del­la lo­ro sto­ria lo ave­va de­nun­cia­to per stal­king. Gior­da­na è mor­ta in mac­chi­na, dis­san­gua­ta, men­tre lui pren­de­va l’au­to di fa­mi­glia e scap­pa­va via, fer­ma­to poi dai ca­ra­bi­nie­ri a Milano. Da quel mo­men­to, que­sta è di­ven­ta­ta an­che la sto­ria di due ma­dri. Da una par­te An­to­nel­la che, do­po l’ar­re­sto del fi­glio Lu­ca, in­viò tra­mi­te i suoi le­ga­li una let­te­ra al­la mam­ma di Gior­da­na, Ve­ra Squatrito (let­te­ra in­via­ta an­che al­la stam­pa). Ve­ra a quel­la let­te­ra non ha mai cre­du­to. Ha at­te­so due an­ni, il tem­po di una sen­ten­za e del­la let­tu­ra di tut­te le car­te con le in­ter­cet­ta­zio­ni, pri­ma di ri­spon­der­le.

Ca­ra Ve­ra, for­se non mi cre­de­rai ma il gior­no in cui è mor­ta Gior­da­na, è mor­to an­che Lu­ca e so­no mor­ta den­tro an­che io. Da quel ma­le­det­to gior­no non rie­sco a dar­mi pa­ce, non rie­sco a ca­pi­re co­sa ho sba­glia­to. Io che ho sem­pre edu­ca­to i miei fi­gli se­con­do i va­lo­ri cri­stia­ni, che ho sem­pre spe­ra­to che un gior­no mi avreb­be­ro re­sa fie­ra dei sa­cri­fi­ci che ho fat­to por­tan­do avan­ti que­sta fa­mi­glia. So che è dif­fi­ci­le per te cre­der­lo ma ama­vo tua fi­glia co­me se fos­se la mia. Ri­cor­do an­co­ra la scor­sa set­ti­ma­na i no­stri fi­gli che se­re­ni guar­da­va­no la tv in­sie­me al­la bam­bi­na e mai avrei po­tu­to im­ma­gi­na­re che di lì a qual­che gior­no tut­to sa­reb­be crol­la­to su tut­ti noi. Mio fi­glio ha sba­glia­to e pa­ghe­rà per quel­lo che ha fat­to ma la vio­len­za pri­ma d’ora non era mai sta­ta nel ca­rat­te­re di Lu­ca né nei va­lo­ri che gli ho tra­smes­so. Se ho sba­glia­to co­me ma­dre vi chiedo per­do­no per il do­lo­re im­men­so che sta­te pro­van­do, un do­lo­re che pro­vo an­che io e che non avrà mai fi­ne.

Da mam­ma a mam­ma,

Ho aspet­ta­to due an­ni per ri­spon­de­re al­la tua let­te­ra, che era so­lo uno stra­ta­gem­ma per “ri­pu­lir­ti” agli oc­chi del­la co­mu­ni­tà. Ho aspet­ta­to per po­ter usa­re gli at­ti del pro­ces­so che dan­no la per­ce­zio­ne di chi tu sia e di chi sia tuo fi­glio. All’al­ba del 7 ot­to­bre 2015 bus­sai al­la tua por­ta e con lu­ci­da fred­dez­za mi guar­da­sti ne­gli oc­chi smi­nuen­do la mia an­go­scia, ma tu sa­pe­vi co­sa era ac­ca­du­to quel­la not­te e in­fat­ti lo rac­con­ti al­la tua ami­ca in un col­lo­quio in­ter­cet­ta­to: “Sta­mat­ti­na so­no ve­nu­ti a but­tar­mi la por­ta a ter­ra. Ve­ra, la mam­ma di Gior­da­na, ter­ro­riz­za­ta che non c’era più que­sta... que­sta ra­gaz­za, le ho det­to ma co­sa mi stai di­cen­do… dov’è Lu­ca, dov’è Lu­ca e io le ri­spon­do dov’è Lu­ca, ca­pa­ce che l’ha ac­col­tel­la­ta sta­not­te per­ché Lu­ca sta­not­te mi ha bus­sa­to al­la por­ta, io gli ho aper­to ma ero in dor­mi­ve­glia, pren­de­va qual­che ve­sti­to, qual­che ef­fet­to per­so­na­le, mi fa ‘scusa mam­ma’, mi dà un ba­cio sul­la guan- cia, co­me se vo­les­se dir­mi addio e poi e poi se n’è an­da­to”.

Ma in quel­le ore tu sa­pe­vi già co­sa ave­va fat­to tuo fi­glio e do­ve si tro­va­va, era lui stes­so a co­mu­ni­car­te­lo con un sms che tu non ren­de­vi no­to ai ca­ra­bi­nie­ri: “Mam­ma so­no Lu­ca sto uscen­do dall’Ita­lia ho bi­so­gno del tuo aiu­to eco­no­mi­co nel­la po­ste­pay per­ché so­no in mez­zo a una stra­da non ho più il tel. Mi fa­rò vi­vo io al più pre­sto”.

Non pos­so ne­ga­re che tu, mam­ma ad­do­lo­ra­ta, sia sta­ta più ac­cor­ta del tuo ex ma­ri­to Da­nie­le. E in­fat­ti giun­gi a rim­pro­ve­rar­lo per aver con­se­gna­to ai ca­ra­bi­nie­ri l’sms e lui spie­ga: “Non ho po­tu­to co­prir­lo”.

An­che tuo fi­glio Ni­co­lò ne era al cor­ren­te, già quan­do si tro­va­va pres­so la sta­zio­ne dei ca­ra­bi­nie­ri di Bel­pas­so, ove co­mu­ni­ca­va ai suoi ami­ci la de­sti­na­zio­ne fi­na­le di tuo fi­glio: “Sviz­ze­ra”

Non ti sei de­gna­ta di ac­cer­tar­ti se mia fi­glia fos­se an­co­ra vi­va o mor­ta. Gior­da­na è mor­ta, ma chis­sà se il tem­pe­sti­vo in­ter­ven­to dei soc­cor­si avreb­be po­tu­to evi­tar­lo. Con il tuo ex ma­ri­to par­li di de­na­ro, pe­ri­zie e co­mu­ni­tà. E lo scem­pio con­ti­nua quan­do de­ni­gri mia fi­glia de­fi­nen­do­la “put­ta­na”.

Sun­to del­la con­ver­sa­zio­ne del 21 ot­to­bre 2015, ore 11.17:

An­to­nel­la: “Tu che cre­di in Dio, co­me ci cre­do io, che co­sa è successo ades­so? che tu ri­schi l’ani­ma… e lei è in cie­lo, per­ché ades­so è una san­ta… qua fa­ce­va la bel­la vi­ta, ma l’hai san­ti­fi­ca­ta per­ché è una mar­ti­re, è mor­ta mar­ti­re Lu­ca!”.

Il tuo ex ma­ri­to Da­nie­le non pa­re es­se­re da me­no.

Da­nie­le: “Per­ché dal tor­to Gior­da­na è pas­sa­ta al­la ra­gio­ne”

Lu­ca: “In­fat­ti, ho pre­ga­to an­che per lei” An­to­nel­la: “Bra­vo” Da­nie­le: “Bab­bo che sei, per­ché dal­la ra­gio­ne, cioè dal tor­to”

An­to­nel­la: “Ora lei è in cie­lo è san­ta, per­ché giu­sta­men­te è mor­ta da mar­ti­re”

Da­nie­le: “Tra l’al­tro dal tor­to…”

An­to­nel­la: “Dal tor­to, per­ché vi­ve­va una vi­ta dis­so­lu­ta” (...)

E an­co­ra: An­to­nel­la: “Scu­sa­mi, non pren­de­re ini­zia­ti­ve tu per­ché ogni vol­ta che prendi ini­zia­ti­ve tu fai... per­ché guar­da qual­sia­si co­sa di­ci non è che puoi di­re ‘per­ché que­sta si por­ta­va i ma­schi a ca­sa’ non è una giu­sti­fi­ca­zio­ne... de­vi di­re che ti si so­no in­cuc­chia­ti ( uni­ti, ndr) i fi­li, puoi di­re…” (che sei im­paz­zi­to, ndr).

Quan­do non vie­ne ac­cet­ta­ta la ri­chie­sta di do­mi­ci­lia­ri, pres­so la co­mu­ni­tà di don Maz­zi, ras­si­cu­ra­te il vo­stro bra­vo fi­glio:

An­to­nel­la: “Tra due… tre me­si la pos­sia­mo ri­chie­de­re di nuo­vo, in quan­to ver­rai se­gui­to pe­rio­di­ca­men­te, ogni set­ti­ma­na, da uno psi­co­lo­go e uno psi­chia­tra che fa­ran­no una re­la­zio­ne a tuo fa­vo­re… di­cen­do che tu stai ma­le…(...) ma de­vi fa­re una fre­quen­ta­zio­ne con lo psi­co­lo­go e lo psi­chia­tra tut­te le set­ti­ma­ne, hai ca­pi­to?”

Da­nie­le: “E poi de­vi fa­re ri­scon­tri, di­cia­mo”

An­to­nel­la: “E lo­ro fa­ran­no una re­la­zio­ne (...) quin­di tu sfo­ga­ti con gli psi­co­lo­gi di qua den­tro… fat­ti ve­de­re che sei in­sof­fe­ren­te qua den­tro, ok?”.

Cer­chi poi di sca­ri­ca­re su di me la col­pa per la mor­te di mia fi­glia:

“Tu sei sta­to mor­ti­fi­ca­to da tua suo­ce­ra… Quel­la è una la­van­da­ia la­scia­mo per­de­re… Ve­ra a sua fi­glia gli fa­ce­va en­tra­re tut­ti i ma­schi di que­sto mondo ”. Emi in­sul­ti: nell’in­ter­cet­ta­zio­ne te­le­fo­ni­ca con Da­nie­le Prio­lo del 15 ot­to­bre 2015 in­vei­sci con­tro di me apo­stro­fan­do­mi qua­le “put­ta­na, ba­star­da, di­sgra­zia­ta, stron­za, zo­ti­ca, gen­ta­glia”.

Di­men­ti­ca­vo tua so­rel­la Au­ro­ra Mar­to­rel­li. Il 15 ot­to­bre 2015 di­scu­te nel car­ce­re di San Vit­to­re con tuo fi­glio: “No, pe­rò non è giu­sto quel­lo che è successo... no… an­che se fa­ce­va la zoc­co­la del pae­se”

Ve­dia­mo cos’han­no da dir­si tua so­rel­la e tuo fi­glio:

Lu­ca Prio­lo: “Per evi­ta­re che a me mi in­cu­la­no an­co­ra di più e mi dan­no un sac­co di an­ni in più di ga­le­ra, la si­tua­zio­ne è que­sta: io so­no par­ti­to da Ca­ta­nia a Milano al­la ri­cer­ca di te, per chie­de­re aiu­to a te”. Ci sa­reb­be mol­to al­tro che po­trei tra­scri­ve­re, ma non de­vi chie­de­re per­do­no a me, lo de­vi chie­de­re a Dio. Se dav­ve­ro vuoi e vo­le­te il suo per­do­no, fir­ma la petizione per la giu­sta pe­na e in- vi­ta tuo fi­glio a non fa­re ap­pel­lo. Hai fal­li­to co­me don­na, ma­dre e so­prat­tut­to non­na, non hai mai vo­lu­to co­no­sce­re e ama­re la bam­bi­na che di cer­to non ha nes­su­na col­pa, e ades­so puoi pro­va­re a fa­re fi­nal­men­te qual­co­sa.

Io an­cor og­gi cre­do nel­la giu­sti­zia di Dio e de­gli uo­mi­ni, per que­sto mi au­gu­ro di ri­ve­der­ti pre­sto in tri­bu­na­le, do­ve hai chie­sto di con­dur­mi de­nun­zian­do­mi al so­lo sco­po di chie­de­re il tra­sfe­ri­men­to del pro­ces­so da Ca­ta­nia a Mes­si­na, poi non ac­cet­ta­to dal­la Cas­sa­zio­ne. Al con­tem­po, pe­rò, stai cer­ta che in­nan­zi al tri­bu­na­le chie­de­rò di con­dur­re chiun­que di voi pa­ren­ti e ami­ci del buon “Lu­ca” si è pre­sta­to al vo­stro me­schi­no pro­get­to.

Da mam­ma di una ra­gaz­za uc­ci­sa a mam­ma dell’as­sas­si­no

All’al­ba bus­sai al­la tua por­ta e tu smi­nui­sti la mia an­go­scia an­che se già sa­pe­vi co­sa era successo e hai pu­re na­sco­sto le in­for­ma­zio­ni ai ca­ra­bi­nie­ri

Ansa

As­sas­si­no e vit­ti­ma Lu­ca Prio­lo con l’ex com­pa­gna Gior­da­na Di Ste­fa­no che ha uc­ci­so due an­ni fa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.