“Il duo Ta­vec­chio-Fac­ta & Ventura-Ca­dor­na”

“Fal­so che il cal­cio sia spec­chio del­la so­cie­tà. Nel ‘58 era­va­mo all’api­ce del boom”

Il Fatto Quotidiano - - ITALIA - » STE­FA­NO CA­SEL­LI

“No,

vi pre­go, non co­min­cia­mo con la sto­ria del cal­cio che è spec­chio del Pae­se, è una scioc­chez­za”. Lo sto­ri­co Gio­van­ni De Lu­na, su que­sto cam­po, non gio­ca. Pro­fes­so­re, que­sta sto­ria dei pa­ral­le­li­smi ha stan­ca­to?

Ma so­lo per­ché è sem­pli­ce­men­te fal­sa. For­se quan­do Ma­ra­do­na fe­ce vin­ce­re lo scu­det­to al Na­po­li qual­cu­no pen­sò che Na­po­li stes­se ri­sol­ven­do i suoi pro­ble­mi? O che la pe­san­tis­si­ma crisi del­la To­ri­no dei pri­mi An­ni 90 fos­se le­ni­ta dai suc­ces­si del­la Ju­ven­tus di Mar­cel­lo Lippi? La sto­ria del cal­cio è sto­ria spor­ti­va, con la so­cie­tà e l’eco­no- mia non c’en­tra. L’ul­ti­ma vol­ta che l’Ita­lia ri­ma­se fuori dai Mon­dia­li era il 1958, il Pae­se era all’api­ce del boom eco­no­mi­co e si ap­pre­sta­va a di­ven­ta­re quin­ta po­ten­za in­du­stria­le nel mondo, il mo­men­to più al­to del­la sto­ria uni­ta­ria: a San­re­mo vin­ce­va Nel Blu Di­pin­to di Blu, di­ven­ta­va pa­pa Gio­van­ni XXIII, il Par­la­men­to ap­pro­va­va la leg­ge Mer­lin. L’Ita­lia si sta­va scrol­lan­do di dos­so il pas­sa­to e la Na­zio­na­le per­de­va a Bel­fa­st, ma so­lo per­ché il cal­cio non si era an­co­ra ri­pre­so dal­la Tragedia di Su­per­ga 1949, una lun­ga crisi cal­ci­sti­ca che si cer­cò di ri­sol­ve­re con gli oriun­di, che pe­rò era­no in gran par­te bol­si e bol­li­ti... Ghig­gia e Schiaf­fi­no ave­va­no vin­to con l’Uru­guay in Bra­si­le nel 1950, era­no pas­sa­ti ot­to an­ni. Bol­si e bol­li­ti. For­se qui un pa­ral­le­li­smo si può fa­re?

È sta­to fol­le l’in­gag­gio di Ventura, cui si è giun­ti, cre­do, per ras­si­cu­ra­re do­po la tem­pe­sta di Con­te. Una scel­ta mol­to ita­lia­na, il bas­so pro­fi­lo do­po il pro ta­go- ni­smo. Ma non pa­ga.

Co­me nel­la po­li­ti­ca un pro­ble­ma di se­le­zio­ne del­la clas­se di­ri­gen­te?

La se­le­zio­ne del­la clas­se di­ri­gen­te in po­li­ti­ca è un pro­ble­ma mol­to se­rio per­ché so­no scom­par­si gli am­bi­ti un tem­po pre­po­sti al­la se­le­zio­ne, nel cal­cio no, le so­cie­tà, i vi­vai, le gio­va­ni­li ci so­no an­co­ra. Fac­cia­mo un gio­co. Tro­via­mo un al­ter ego di Car­lo Ta­vec­chio nel­la sto­ria d’Ita­lia Ta­vec­chio è di si­cu­ro Lui­gi Fac­ta, quel­lo del “Nu­tro fi­du­cia”. Era pre­si­den­te del Con­si­glio al­la vi­gi­lia del­la mar­cia su Roma, sap­pia­mo co­me è an­da­ta a fi­ni­re...

Ventura.

Mi ri­cor­da il ge­ne­ra­le Ca­dor­na nei gior­ni pre­ce­den­ti a Ca­po­ret­to. Gli dis­se­ro che sul fron­te orien­ta­le era­no ar­ri­va­te le di­vi­sio­ni te­de­sche. Lui ri­spo­se “non ve­do l’ora di far sfi­la­re un po’di pri­gio­nie­ri te­de­schi a Milano”. Ec­co.

Lo­ti­to. Lo­ti­to no, è fuori dal­la mia por­ta­ta. Pe­rò for­se l’am­mi­ra­glio Per­sa­no, quel­lo del­la bat­ta­glia di Lis­sa, de­gra­da­to sul cam­po per igno­mi­nia.

Il “suo” Gian­lui­gi Buffon. En­ri­co To­ti che sca­glia la stam­pel­la, sot­to for­ma di lacrime...

Lo­ti­to mi ri­cor­da l’Am­mi­ra­glio Per­sa­no, de­gra­da­to do­po la bat­ta­glia di Lis­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.