Ta­vec­chio ri­man­ga: è il pre­si­den­te che ci me­ri­tia­mo

Il Fatto Quotidiano - - PIAZZA GRANDE - » PE­TER GOMEZ

Ora che sia­mo fuori dai Mon­dia­li, tut­ti chie­do­no la te­sta del pre­si­den­te del­la Fe­de­ra­zio­ne Ita­lia­na Giuo­co Cal­cio, Car­lo Ta­vec­chio. Que­sta ru­bri­ca no. Chi scri­ve cre­de che l’uo­mo deb­ba re­sta­re al suo po­sto per con­ti­nua­re a rap­pre­sen­ta­re al­la per­fe­zio­ne, non tan­to uno sport or­mai re­tro­ces­so in se­rie B, ma un in­te­ro Pae­se. Sì, per­ché men­tre mez­za Ita­lia gli im­pu­ta la col­pa di aver scel­to per la Na­zio­na­le l’al­le­na­to­re sba­glia­to, noi quan­do pen­sia­mo al nu­me­ro uno del­la Figc ma­te­ria­liz­zia­mo nel­la men­te so­lo l’im­ma­gi­ne dell’im­mor­ta­le Et­to­re Pe­tro­li­ni che a un esa­gi­ta­to spet­ta­to­re del log­gio­ne gri­da: “Io non ce l’ho con te, ma con chi non ti ha già but­ta­to di sot­to”. At­ten­zio­ne, pe­rò, qui il pal­lo­ne non c’en­tra. E tan­to­me­no c’en­tra l’ina­de­gua­to mi­ster Gian Pie­ro Ventura. C’en­tra­no in­ve­ce pa­ro­le or­mai in di­su­so co­me re­pu­ta­zio­ne e buon esem­pio.

A rac­con­tar­lo so­no i fat­ti, non le opi­nio­ni. Ta­vec­chio vie­ne elet­to al­la te­sta del­la Fe­de­ra­zio­ne l’11 ago­sto 2014 gra­zie all’ap­pog­gio di tut­ti i 18 club del­la Se­rie A. Se fos­se sta­to un po­li­ti­co (at­ti­vi­tà che pe­ral­tro ha svol­to per vent’an­ni co­me sin­da­co di un pae­se del­la pro­vin­cia di Co­mo) il suo no­me sa­reb­be rien­tra­to di di­rit­to nell’elen­co di im­pre­sen­ta­bi­li. Nel cur­ri­cu­lum van­ta in­fat­ti una se­rie di pic­co­le con­dan­ne, in­flit­te tra il 1970 e il 1998, per mol­ti rea­ti: con­cor­so in fal­si­tà di ti­to­lo di cre­di­to, eva­sio­ne fi­sca­le e Iva, vio­la­zio­ne del­le nor­me an­tin­qui­na­men­to, omis­sio­ne di ver­sa­men­to del­le ri­te­nu­te e di de­nun­cia. Tut­te sen­ten­ze per cui Ta­vec­chio ha ot­te­nu­to la non men­zio­ne, ma che in ogni Pae­se d’Eu­ro­pa lo avreb­be­ro re­so una sor­ta di ap­pe­sta­to. Da noi, no. Sia­mo cat­to­li­ci e sap­pia­mo per­do­na­re. Op­pu­re non ca­pia­mo.

CO­SÌ, QUAN­DO il 25 lu­glio du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le per la Fe­de­ra­zio­ne, Ta­vec­chio pro­nun­cia pu­re una brut­ta fra­se raz­zi­sta, in mol­ti al­za­no le spal­le. Per chia­ri­re il suo pen­sie­ro sui gio­ca­to­ri stra­nie­ri lo sti­ma­to di­ri­gen­te ri­cor­da co­me “noi (in Ita­lia) di­cia­mo che Op­ti Po­bà è ve­nu­to qua, che pri­ma man­gia­va le banane e ades­so gio­ca ti­to­la­re nel­la La­zio e va be­ne. In In­ghil­ter­ra de­ve pri­ma di­mo­stra­re il suo cur­ri­cu­lum e pe­di­gree (l’al­be­ro ge­nea­lo­gi­co de­gli ani­ma­li, ndr )”. I gior­na­li par­la­no di gaf­fe, i club mi­ni­miz­za­no. In po­chi sot­to­li­nea­no che per del­le pa­ro­le del ge­ne­re in In­ghil­ter­ra si vie­ne su­bi­to ac­com­pa­gna­ti al­la por­ta. Ri­sul­ta­to: tre gior­ni do­po, la Fi­fa (la fe­de­ra­zio­ne mon­dia­le) chie­de ai col­le­ghi italiani di apri­re un’in­chie­sta. In Ita­lia pe­rò tut­to vie­ne ar­chi­via­to do­po la sua ele­zio­ne. A so­spen­der­lo per sei me­si ci do­vran­no co­sì pen­sa­re la Fi­fa e la Ue­fa, fa­cen­do­ci fa­re la so­li­ta fi­gu­ra bar­bi­na. Ta­vec­chio pe­rò è sen­za fre­ni. Sal­ta­no fuori al­tre af­fer­ma­zio­ni scon­cer­tan­ti. Nel 2015 di­ce, per esem­pio, che la se­de del­la Le­ga è sta­ta com­pra­ta da “un ebreac­cio” e che lui “non ha nien­te con­tro gli ebrei, ma che è me­glio te­ner­li a ba­da”. Ma è tut­to inu­ti­le. Nel 2017, col 54 per cen­to dei vo­ti, vie­ne ri­con­fer­ma­to pre­si­den­te. Tra i suoi gran­di spon­sor c’è il pa­dro­ne del­la La­zio, Clau­dio Lo­ti­to, che in fat­to di ebrei ha pu­re lui le sue idee. Tan­to che quan­do al­cu­ni suoi ti­fo­si se la pren­do­no con An­na Frank, va in Si­na­go­ga a Roma per scu­sar­si non pri­ma pe­rò di aver det­to “an­dia­mo a fa­re que­sta sce­neg­gia­ta”. Ec­co in­som­ma per­ché Ta­vec­chio de­ve re­sta­re. Non sia­mo gli Sta­ti Uni­ti do­ve due pro­prie­ta­ri di squa­dre Nba so­no sta­ti co­stret­ti a ven­de­re i lo­ro team per­ché cri­ti­ca­va­no le per­so­ne di co­lo­re. Sia­mo una na­zio­ne pic­co­la, im­pau­ri­ta, di gior­no in gior­no più pro­vin­cia­le e raz­zi­sta. Que­sto pre­si­den­te ce lo me­ri­tia­mo tut­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.