Fas­si­no, l’ul­ti­ma pro­fe­zia

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » MAR­CO TRA­VA­GLIO

Fer­mi tut­ti, che nes­su­no si muo­va: una no­vi­tà sen­sa­zio­na­le, ri­vo­lu­zio­na­ria, pa­lin­ge­ne­ti­ca ir­rom­pe sul­la scena po­li­ti­ca ita­lia­na e la scon­vol­ge al pun­to che da og­gi nul­la sa­rà co­me pri­ma. Noi non l’ave­va­mo no­ta­ta, ma ren­dia­mo ono­re a Eu­ge­nio Scal­fa­ri che, mal­gra­do l’età, non ha per­so il gu­sto del­lo scoop. Te­ne­te­vi for­te: “La no­ti­zia che fuori di­scor­so (qua­lun­que co­sa vo­glia di­re, nd r) Ren­zi ha da­to è la sua di­mo­stra­zio­ne di buo­na fe­de e di for­te de­si­de­rio che il rien­tro dei dis­si­den­ti av­ven­ga: è sta­to in­ca­ri­ca­to Pie­ro Fas­si­no di trat­ta­re con lo­ro le mo­da­li­tà di rien­tro e il me­ri­to dei te­mi che sa­ran­no di­scus­si e sui qua­li i rien­tra­ti avran­no il lo­ro pe­so in­di­pen­den­te­men­te dal lo­ro nu­me­ro”. Ba­da­te be­ne: “Fas­si­no è una per­so­na­li­tà pri­ma­ria”, mi­ca se­con­da­ria. “A suo tem­po fu se­gre­ta­rio del par­ti­to che al­lo­ra si chia­ma­va Ds”: me

co­jo­ni.“Poi fu un ot­ti­mo sin­da­co di To­ri­no”, an­che se i to­ri­ne­si non se ne ac­cor­se­ro, tant’è che ap­pe­na si ri­can­di­dò lo asfal­ta­ro­no. “E ora è una del­le per­so­na­li­tà più at­ti­ve del Pd”: pra­ti­ca­men­te l’in­car­na­zio­ne del mo­to per­pe­tuo, dun­que fi­gu­ria­mo­ci gli al­tri. Al so­lo sen­tir pro­nun­cia­re “Fas­si­no”, i ber­sa­nia­ni usci­ti no­ve me­si fa dal Pd per­ché del­le scel­te di Ren­zi non con­di­vi­do­no nul­la, nem­me­no le cra­vat­te, do­vreb­be­ro scat­ta­re sull’at­ten­ti co­me un sol uo­mo e rien­tra­re a pas­so di ca­ri­ca in “un par­ti­to che a quel pun­to an­dreb­be da Ber­sa­ni a Fran­ce­schi­ni, da Pi­sa­pia a Min­ni­ti, da D’Ale­ma a Or­lan­do”, cioè sa­reb­be iden­ti­co a quel­lo da cui se ne so­no an­da­ti a feb­bra­io.

Noi già li im­ma­gi­nia­mo, in­go­lo­si­ti e ar­ra­pa­ti dall’in­ca­ri­co a Fas­si­no di “trat­ta­re con lo­ro le mo­da­li­tà di rien­tro”. Slurp, gnamm, che lec­cor­nia! E co­me fac­cia­mo a dir­gli di no? Fas­si­no è quel­lo che ave­va­mo sem­pre so­gna­to, quel dia­vo­lo di Ren­zi ci ha pro­prio in­ca­stra­ti: non ci re­sta che con­se­gnar­ci a lui con le ma­ni al­za­te e scu­sar­ci per aver du­bi­ta­to di lui! Ol­tre­tut­to Fas­si­no è un amu­le­to por­ta­for­tu­na. Nel 2008 An­to­nio Pa­del­la­ro di­ri­ge­va l’Uni­tà e qua­si ogni gior­no il se­gre­ta­rio Ds Fas­si­no pro­te­sta­va per la li­nea trop­po cri­ti­ca e sba­raz­zi­na, an­che a cau­sa del­la ru­bri­ca del sot­to­scrit­to, di cui au­spi­ca­va cal­da­men­te il li­cen­zia­men­to. All’en­ne­si­mo ri­fiu­to di An­to­nio, Fas­si­no: “Se vo­le­te fa­re di te­sta vo­stra, fa­te­vi un nuo­vo gior­na­le vo­stro e poi ve­dia­mo co­me va”. Pa­del­la­ro, che an­co­ra non ci ave­va pen­sa­to, gli ru­bò l’idea e di lì a un an­no nac­que il Fat­to, che ne ha ap­pe­na com­piu­ti ot­to, men­tre l’Uni­tà non c’è più. Ma Fas­si­no mi­ca si fer­mò lì, eh no. Nel lu­glio 2009, quan­do Bep­pe Gril­lo si can­di­dò al­le pri­ma­rie per la se­gre­te­ria del Pd, lan­ciò la se­con­da del­le sue leg­gen­da­rie pro­fe­zie.

“Se

Gril­lo vuol far po­li­ti­ca, fon­di un par­ti­to e ve­dia­mo quan­ti vo­ti pren­de. E per­ché non lo fa?”. Gril­lo, che an­co­ra non ci ave­va pen­sa­to, gli ru­bò l’idea: og­gi i 5Stelle so­no da­van­ti al Pd. Gli ami­ci, vi­sto l’esi­to boo­me­rang dei due pri­mi ora­co­li, pre­se­ro da una par­te il com­pa­gno Pie­ro e lo pre­ga­ro­no di fer­mar­si lì. Ma lui nien­te, pas­sò di­ret­ta­men­te al ter­zo. Del re­sto, non c’è il due sen­za il tre. Nel mag­gio 2015, il sin­da­co Fas­si­no, ir­ri­ta­to dal­le cri­ti­che di una con­si­glie­ra M5S, tal Chia­ra Ap­pen­di­no, al suo bi­lan­cio co­la­bro­do, le lan­ciò un’altra del­le sue pro­ver­bia­li sfi­de: “Si seg­ga su que­sta se­dia e ve­dia­mo se sa­rà ca­pa­ce di fa­re quel­lo che au­spi­ca: de­ci­de­ran­no gli elet­to­ri”. Gli elet­to­ri, che an­co­ra non ci ave­va­no pen­sa­to, gli ru­ba­ro­no l’idea e cor­se­ro a eleg­ge­re la Ap­pen­di­no sin­da­co di To­ri­no al po­sto suo. Pri­mo ca­so di un’Ap­pen­di­no che pren­de il po­sto di un at­tac­ca­pan­ni. Lui ne fu tal­men­te de­pres­so che i col­le­ghi dell’An­ci lo la­scia­ro­no per qual­che me­se pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne dei co­mu­ni an­che da sem­pli­ce con­si­glie­re co­mu­na­le: nes­su­no ave­va cuo­re di av­ver­tir­lo col do­vu­to tat­to che non era più sin­da­co e di scor­tar­lo all’usci­ta. Ren­zi, ve­den­do­lo ri­dot­to a uno strac­cio, pen­sò di mol­lar­gli uno stra­pun­ti­no di con­so­la­zio­ne: quel­lo di “com­mis­sa­rio straor­di­na­rio ai mi­gran­ti”. Poi l’idea di far ac­co­glie­re quei po­ve­ri di­spe­ra­ti ap­pe­na sbar­ca­ti sul­la ban­chi­na da uno con la fac­cia di Fas­si­no par­ve ec­ces­si­va an­che a Mat­teo: qual­cu­no, per so­li­da­rie­tà o com­pas­sio­ne, avreb­be po­tu­to rim­pian­ge­re di non es­se­re af­fo­ga­to du­ran­te la tra­ver­sa­ta.

Ma il pro­ble­ma re­sta­va: co­me te­ner­lo im­pe­gna­to, on­de evi­ta­re che lan­cias­se nuo­ve sfi­de-sfi­ghe? Pen­sa e ripensa, ed ec­co la so­lu­zio­ne: com­mis­sa­rio straor­di­na­rio a un al­tro ge­ne­re di mi­gran­ti, quel­li di Mdp. La mis­sio­ne pre­sen­ta più di un ri­schio, ol­tre a quel­lo di un ge­ne­ra­le, col­let­ti­vo, co­ra­le per­nac­chio: Fas­si­no po­treb­be ri­co­min­cia­re con gli ora­co­li che l’han re­so ce­le­bre nel mondo del­la sca­ra­man­zia. Ti­po quel­li che, sul Web, lo ve­do­no pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­to di tut­ti i pas­sag­gi cru­cia­li del­la Sto­ria. “Se que­sto Giu­lio Ce­sa­re vuo­le in­fi­schiar­se­ne del Se­na­to, pas­si il Ru­bi­co­ne poi ve­dia­mo se rie­sce a con­qui­sta­re il po­te­re”. “Se que­sto Dan­te Ali­ghie­ri vuol fa­re lo scrit­to­re, pub­bli­chi qual­co­sa e poi ve­dia­mo quan­ti lo leg­go­no”. “Se que­sto Cri­sto­fo­ro Co­lom­bo vuo­le rag­giun­ge­re nuo­vi con­ti­nen­ti pren­da del­le ca­ra­vel­le e sal­pi pu­re, poi ve­dia­mo do­ve ar­ri­va”. “Se que­sto Walt Di­sney è co­sì bra­vo a di­se­gna­re to­pi e pa­pe­re, lo fac­cia e poi ve­dia­mo se in­te­res­sa a qual­cu­no”. “Se il Re­gno Uni­to vuo­le usci­re dal­la Ue, fac­cia un re­fe­ren­dum e poi ve­dia­mo quan­ti vo­ta­no Bre­xit”. “Se que­sto Ber­go­glio pen­sa di ave­re la vo­ca­zio­ne, si fac­cia or­di­na­re pre­te e poi ve­dia­mo se di­ven­ta pa­pa”. “Se que­sto Trump vuol can­di­dar­si al­la Ca­sa Bian­ca, si met­ta coi re­pub­bli­ca­ni e poi ve­dia­mo se vie­ne elet­to”. E co­sì via. Ora, per at­ti­ra­re Gras­so in trap­po­la, c’è il ri­schio che par­ta con una del­le sue cap­ta­tio be­ne­vo­len­tiae : “Pie­ro, se non vuoi rien­tra­re nel Pd, fai il leader del­la Si­ni­stra e poi ve­dia­mo quan­ti vo­ti pren­de­te”. A quel pun­to, tan­to var­rà ri­spar­mia­re i sol­di del­le ele­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.