Io, Do­nald e Me­la­nia su una Rit­mo nell’Inferno del Mez­zo­gior­no

Il Fatto Quotidiano - - ESTERI - » PI­NUC­CIO *

Un

ve­ro viag­gio nel sud e nel­la mia Pu­glia, tra ste­reo­ti­pi e pa­ra­dos­si, che so­lo una ter­ra bel­la co­me l’Ita­lia sa re­ga­la­re o ap­piop­pa­re, in ba­se a co­me si guar­da la si­tua­zio­ne. Non è fa­ci­le fa­re da tour ope­ra­tor a un per­so­nag­gio co­me Trump, ca­ri­co di ma­nie e fo­bie, ma so­prat­tut­to con uno stra­no sen­so dell’umo­ri­smo e del­la con­ce­zio­ne del bel­lo. Quan­do Trump mi ha chia­ma­to per or­ga­niz­zar­gli la va­can­za in Pu­glia, non ero mol­to con­vin­to di ac­com­pa­gnar­lo: ero già pie­no di pre­no­ta­zio­ni fis­sa­te da tem­po dai miei ospi­ti vip, ma Sa­bi­no mi ha con­vin­to e ci sia­mo im­bar­ca­ti con lui in gi­ro per la Pu­glia.

Do­ven­do im­prov­vi­sa­re que­sto tour, ho por­ta­to Do­nald in quei luo­ghi do­ve ave­vo piaz­za­to le al­tre per­so­ne che mi ave­va­no chie­sto una va­can­za, e co­sì ha in­cro­cia­to tut­ti gli al­tri miei ami­ci vip di pas­sag­gio in Pu­glia.

UNO DEI MO­MEN­TI più toc­can­ti del viag­gio è sta­ta la vi­si­ta a Pa­dre Pio. Trump è ri­ma­sto col­pi­to dal­la nuo­va sfar­zo­sa chie­sa e lì ha in­con­tra­to Ren­zi, che in gi­noc­chio pian­ge­va vi­ci­no al­la sal­ma del San­to, chie­den­do un mi­ra­co­lo. Ma il viag­gio è sta­ta l’oc­ca­sio­ne per far in­con­tra­re il pre­si­den­te de­gli Sta­ti U- ni­ti con i pro­ta­go­ni­sti del mondo del­lo spet­ta­co­lo, del­la cul­tu­ra e del­la po­li­ti­ca. È sta­to un tour fa­ti­co­so con sor­pre­se ovun­que, co­me quan­do mi so­no ri­tro­va­to in un fe­sti­no di Ber­lu­sco­ni. Ov­via­men­te non è sta­to fa­ci­le ave­re un di­stac­co nel cer­ca­re di spie­ga­re a Trump al­cu­ne que­stio­ni. Mi so­no sen­ti­to co­me un ‘ Vi r gi l io ’ ne l l’inferno del Mez­zo­gior­no d’Ita­lia. Inferno so­prat­tut­to per il cli­ma, vi­sto che il cal­do in quei gior­ni ha rag­giun­to tem­pe­ra­tu­re im­pro­po­ni­bi­li an­che a un ri­no­ce­ron­te del­la Ma­le­sia. Nel­lo spe­ci­fi­co, va det­to che il mio la­vo­ro di fac­cen­die­re di­pen­de mol­to dal­la pri­va­cy dei miei ami­ci vip. Do­po tut­to quel­lo che ho sop­por­ta­to pe­rò, ora mi di­ver­to nel ven­di­car­mi a rac­con­ta­re del­le mie av­ven­tu­re, so­prat­tut­to per met­te­re a nu­do le ma­nie e gli equi­li­bri che or­bi­ta­no at­tor­no ai miei ospi­ti. Fat­ti che han­no co­me co-pro­ta­go­ni­sta l’or­mai ami­co di av­ven­tu­re Sa­bi­no, gui­da tu­ri­sti­ca uf­fi­cia­le tra le ter­re di Pu­glia, Ba­si­li­ca­ta e Ca­la­bria, rag­giun­te gra­zie al­la mia Rit­mo Ca­brio, mol­to ap­prez­za­ta da Do­na­to Trump. Ri­cor­do co­me se fos­se successo ie­ri l’in­con­tro tra il pre­si­den­te e Ber­lu­sco­ni, at­tor­nia­to dal­le sue pe­co­re, ma

an­che quel­lo con Di Bat­ti­sta, mi­tiz­za­to dal­lo spi­ri­to bi­kers. Trump ha inol­tre avu­to mo­do di co­no­sce­re Men­ta­na in una sua in­ter­mi­na­bi­le ma­ra­to­na in aperta cam­pa­gna. Una se­rie di in­con­tri che han­no co­me sfon­do le bel­lez­ze e an­che le brut­tez­ze del no­stro ter­ri­to­rio. È ma­ci­nan­do chi­lo­me­tri che vie­ne fuori il ve­ro Trump, qua­le ir­ri­ve­ren­te per­so­nag­gio in­ter­na­zio­na­le, che si met­te a nu­do tra i pa­ra­dos­si italiani che spes­so fan­no sor­ri­de­re più del­le gran­di ame­ri­ca­na­te. Mi so­no di­ver­ti­to un mondo, no­no­stan­te i miei dub­bi ini­zia­li. L’uni­co im­pre­vi­sto che un po’ ha de­sta­bi­liz­za­to la mia tran­quil­li­tà quo­ti­dia­na so­no sta­ti i va­ri mes­sag­gi di Wha­tsApp: il mio cel­lu­la­re con­ti­nua­va a squil­la­re con ri­chie­ste di ogni ge­ne­re. Ho do­vu­to an­che me­dia­re tra la Mer­kel e i po­ten­ti del mondo su que­stio­ni im­por­tan­ti ma an­che fu­ti­li. Non pos­so di­men­ti­ca­re i mes­sag­gi di Ber­to­ne e Bru­net­ta che mi au­gu­ra­va­no buo­ne va­can­ze con tan­to di fo­to. Inol­tre ho scoperto co­se, gi­ran­do con Trump, che a di­stan­za di gior­ni so­no ve­nu­te al­la lu­ce sui me­dia na­zio­na­li e in­ter­na­zio­na­li. Spe­ro so­lo che non tut­te le pre­oc­cu­pa­zio­ni emer­se nel­le lun­ghe chiac­chie­ra­te del viag­gio di­ven­ti­no real­tà. Ma al­la fi­ne co­me di­ce il fi­da­to Sa­bi­no “che ce ne fre­ga a noi... tan­to è sem­pre o pur­trop­po... tutt’ap­po­st”.

*Ales­sio Gian­no­ne

Co­me Vir­gi­lio Il tour in Pu­glia, Ba­si­li­ca­ta e Ca­la­bria. Con noi c’era Sa­bi­no, che pun­ta­va al­la fir­st la­dy

L’in­via­to di “Stri­scia” Ales­sio Gian­no­ne (Pi­nuc­cio) è un au­to­re co­mi­co ba­re­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.