Vi­zi, tic e fur­ba­te de­gli aspi­ran­ti scrit­to­ri (trop­pi)

Er­ro­ri e scar­se let­tu­re dei “fru­stra­ti” che af­fol­la­no i cor­si crea­ti­vi let­te­ra­ri

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - WWW.FO­RUM.SPINOZA.IT

Sil­vio Ber­lu­sco­ni dà l'ad­dio a Pa­laz­zo Gra­zio­li per tra­sfe­rir­si nel­la vil­la di Fran­co Zef­fi­rel­li.

È la svol­ta LGBT

La scrit­tu­ra non si in­se­gna di Van­ni San­to­ni, edi­to da mi­ni­mum fax, è un pam­phlet “di in­com­pa­ra­bi­le bel­lez­za”. Ec­co no, in­ci­pit da ri­fa­re. C’è un in­te­ro ca­pi­to­lo de­di­ca­to ai cli­ché e “di in­com­pa­ra­bi­le bel­lez­za” è tan­to brut­to da do­ver es­se­re ce­sti­na­to. Co­me al­tre espres­sio­ni abu­sa­tis­si­me qua­li “si sen­tì ge­la­re il san­gue” o “era te­so co­me una cor­da di vio­li­no” (non sa­rà che pu­re il no­stro “espres­sio­ni abu­sa­tis­si­me” sia in ef­fet­ti espres­sio­ne abu­sa­tis­si­ma?).

SEM­PRE ATTINGENDO dal la pic­co­la an­to­lo­gia di for­mu­let­te stra­cot­te che di­re di “acre odo­re”, “at­te­sa sner­van­te”, “co­me un fiu­me in pie­na”, “bian­co­re spet­tra­le”, “con la mor­te nel cuo­re”, “si­len­zio ir­rea­le”? Sin­to­mi di cat­ti­va scrit­tu­ra da bar­ra­re con la pen­na ros­sa. Se poi met­tia­mo in cir­co­lo il “gri­gio re­gno del ge­ne­ri­co”(in un ro­man­zo che si ri­spet­ti non esi­sto­no sem­pli­ce­men­te un ho­tel o una na­ve, ma det­ta­gli uni­ci pro­pri di quell’ ho­tel o di quel­la na­ve), al­lo­ra toc­che­reb­be ri­por­re la vo­ca­zio­ne let­te­ra­ria.

San­to­ni – già edi­tor del­la col­la­na di nar­ra­ti­va Tu­nué – di “le­gio­ni di aspi­ran­ti fru­stra­ti” ne ha in­con­tra­ti tan­ti nei suoi cor­si di scrit­tu­ra crea­ti­va. Il suo non è un pron­tua­rio di truc­chi del me­stie­re per­ché per il 42en­ne scrit­to­re to­sca­no può es­se­re in­se­gna­ta so­lo “la men­ta­li­tà del­lo scrit­to­re”. In al­tri ter­mi­ni: “Non si può in­se­gna­re a scri­ve­re, ma for­se si può in­se­gna­re a pen­sa­re co­me uno scrit­to­re”.

Leg­ge­re fi­no a per­de­re la vi­sta e scri­ve­re tut­ti i gior­ni so­no i due con­si­gli fon­da­men­ta­li. Tut­to pa­ci­fi­co? Nean­che un po’. Una per­cen­tua­le mol­to al­ta di chi vuo­le scri­ve­re, spie­ga

San­to­ni, non ha let­to e non leg­ge ab­ba­stan­za.

A il­lu­stra­re una li­sta o più li­ste di ro­man­zi im­pre­scin­di­bi­li ec­co che i corsisti an­na­spa­no, qua­si in­cre­du­li che an­che per lo­ro, al pa­ri de­gli gli atle­ti, esi­sta una “die­ta ”. E pu­re di quel­le to­ste, a ba se­di cor­pi con­tun­den­ti co­me L’ ar­co­ba­le­no del­la gra­vi­tà di Pyn­chon, Un­der world di De­lil­lo,

2666 di Bo­la­no, In­fi­ni­te Je­st di Fo­ster Wal­la­ce che val­go­no, a mo’ dei neo­na­ti bat­tu­ti per al­lar­ga­re i pol­mo­ni, co­me i pri­mi schiaf­fi sul cu­lo dell’aspi­ran­te scrit­to­re.

DEL RE­STO, si do­man­da re­to­ri­ca­men­te San­to­ni, “se uno non ha let­to al­me­no que­sta ro­ba co­sa gli sal­ta mai in men­te di vo­ler scri­ve­re un ro­man­zo?”. Pro­va­re per cre­de­re, scom­met­te l’au­to­re di I

fra­tel­li Mi­che­lan­ge­lo. A leg­ge­re per dav­ve­ro e in­te­gral­men­te i ti­to­li da lui ci­ta­ti (ri­cor­dar­si che la let­te­ra­tu­ra ri­chie­de tem­po e fa­ti­ca) la pro­spet­ti­va di li­cen­zia­re un ro­man­zo buo­no si fa con­cre­ta. Se è ve­ro che “l’ispi­ra­zio­ne è per i di­let­tan­ti”, al­tra re­go­la au­rea è la di­sci­pli­na. Per di­sci­pli­na si in­ten­de scri­ve­re tut­ti i gior­ni, con re­go­la­ri­tà. Ma­ga­ri se­gui­re l’esem­pio di He­ming­way “che ogni gior­no an­da­va a let­to, ol­tre che sbron­zo, sen­za aver scrit­to tut­to ciò che gli sa­reb­be ve­nu­to da scri­ve­re, ma fer­man­do­si un po’ pri­ma per ave­re già un po’ di ro­ba in te­sta per co­min­cia­re di slan­cio il gior­no do­po”.

In fa­se di re­vi­sio­ne se­gui­re l’esem­pio di Flau­bert: ri­leg­ger­si ad al­ta vo­ce.

“Se c’è un re­fu­so al­la pri­ma pa­gi­na, scar­to il ma­no­scrit­to” gli dis­se un suo ami­co edi­tor e sul­le pri­me San­to­ni lo con­si­de­rò uno stron­zo, sal­vo poi dar­gli ra­gio­ne per­ché ef­fet­ti­va­men­te rin­trac­cia­re dei re­fu­si si­gni­fi­ca che l’au­to­re non ha let­to e ri­let­to con la do­vu­ta at­ten­zio­ne il suo te­sto. Un orec­chio va ti­ra­to al­lo stes­so San­to­ni che at­tri­bui­sce Hor­cy­nus

Or­ca a un cer­to An­to­nio D’ar­ri­go. Ops, a pag. 38 re­fu­so in fa­bu­la. Na­tu­ral­men­te è Ste­fa­no D’ar­ri­go.

UN TA­BÙ DA AB­BAT­TE­RE è l’an­sia del­la pub­bli­ca­zio­ne, che per tan­ti sem­bra il pun­to di ar­ri­vo e che al con­tra­rio “se­gna l’ini­zio del­la vi­ta di un li­bro”. A qual­sia­si aspi­ran­te sa­rà ca­pi­ta­to, re­du­ce da una ri­co­gni­zio­ne in li­bre­ria, di do­man­dar­si: “Per­ché ti­zio e caio sì e io no?”.

Ma San­to­ni è im­pla­ca­bi­le quan­do in­vi­ta l’aspi­ran­te au­to­re a non con­fron­tar­si con i peg­gio­ri del ca­ta­lo­go, ma a ri­spon­de­re al­la te­mi­bi­le do­man­da: “Ti ri­tie­ni dav­ve­ro mi­glio­re di Pyn­chon o Ro­th? Oa­tes o Voll­mann? Oz o Knau­sgard? No? Al­lo­ra te­mo che tu non stia su­ben­do nes­su­na in­giu­sti­zia”.

For­mu­le stra­cot­te: ‘Acre odo­re, mor­te nel cuo­re...’

FO­TO ANSA

Scon­fit­to Elio Ger­ma­no alias Leo­par­di ne “Il gio­va­ne fa­vo­lo­so” di Mar­to­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.