Scan­zi Sal­vi­ni sem­pre peg­gio

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - AN­DREA SCAN­ZI

Non è ve­ro che Sal­vi­ni sia in sta­to con­fu­sio­na­le. Tutt’al­tro. Se dal­la cri­si del Pa­pee­te in poi pa­re­va aver ini­zia­to una chi­na co­mi­ca­men­te di­scen­den­te, con­fer­ma­ta pe­ral­tro dai son­dag­gi a pic­co, nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne è tor­na­to il Caz­za­ro Ver­de che dà or­go­glio­sa­men­te del tu a Chur­chill.

Già du­ran­te la fa­se più cu­pa del loc­k­do­wn, Sal­vi­ni ave­va da­to pro­va di com­mo­ven­te sag­gez­za. Per esem­pio con la pro­po­sta del­le chie­se aper­te per Pa­squa, un ot­ti­mo mo­do per far ar­di­ta­men­te con­ci­lia­re la ce­le­bra­zio­ne del­la Re­sur­re­zio­ne con l’au­men­to dei tra­pas­si. Ma è ne­gli ul­ti­mi gior­ni che l’uo­mo che sus­sur­ra­va ai ci­to­fo­ni è sa­li­to gar­ru­la­men­te in cat­te­dra.

Dap­pri­ma è an­da­to da Flo­ris e, can­di­do co­me un bam­bi­no, ha di­mo­stra­to di non ave­re an­co­ra ca­pi­to nul­la dell’uti­liz­zo del­la ma­sche­ri­na, che per lui è un or­pel­lo fa­sti­dio­so da to­glie­re an­zi­tut­to quan­do ci si tro­va vi­ci­ni a una si­gno­ra: evi­den­te­men­te Sal­vi­ni, e con lui il suo po­po­lo, pre­fe­ri­sco­no in­fet­ta­re con edu­ca­zio­ne piut­to­sto che sal­va­re le vi­te ma­sche­ra­ti. Teo­ria af­fa­sci­nan­te. Poi si è sco­fa­na­to ot­to chi­li di ci­lie­gie men­tre Za­ia par­la­va di bam­bi­ni mor­ti. Non so­lo: di fron­te al­la fi­gu­rac­cia pla­ne­ta­ria, non so­lo non ha chie­sto scu­sa ma – ospi­te di Skytg24 – ha ne­ga­to l’evi­den­za di fron­te al­la gior­na­li­sta at­to­ni­ta: “Ma scu­si, le sem­bra pos­si­bi­le che io co­min­ci a man­gia­re le ci­lie­gie men­tre par­la­no di bam­bi­ni mor­ti?” ( no, non par­reb­be pos­si­bi­le, ma pur­trop­po è esat­ta­men­te quel che è ac­ca­du­to).

Dal 2 giu­gno in poi, con en­co­mia­bi­le sen­so ci­vi­co, ha or­ga­niz­za­to as­sem­bra­men­ti a ma­net­ta, stret­to ma­ni sen­za la­var­se­le e ab­brac­cia­to tut­ti in no­me del Sa­cro Sel­fie: esat­ta­men­te ciò che non an­dreb­be mai fat­to in tem­po di pan­de­mia. È sta­to con­te­sta­to in ogni piaz­za, rea­gen­do a ta­li ma­ni­fe­sta­zio­ni col gar­bo di sem­pre (ov­ve­ro zim­bel­lan­do Az­zo­li­na, Bel­la­no­va e più ge­ne­ri­ca­men­te “i co­mu­ni­sti, i ra­di­cal chic e i cen­tri so­cia­li”).

Sa­bo­ta­to dal­la Me­lo­ni, che gli sta sac­cheg­gian­do l’elet­to­ra­to sen­za nean­che da­re il me­glio di sé (an­zi), nel cor­so del suo tour in Pu­glia è riu­sci­to a non ci­ta­re mai il can­di­da­to me­lo­nia­no (da lui mal sop­por­ta­to) Fit­to. Me­tà par­ti­to ap­pog­gia già Za­ia, con­scio del fat­to che se il Caz­za­ro Ver­de con­ti­nua co­sì la Le­ga tor­ne­rà a per­cen­tua­li da Ta­bac­ci gre­ve, ma lui con­ti­nua a fa­re chis­sà per­ché il ga­nas­sa. Emu­lo di Pap­pa­lar­do (An­to­nio), nel tre­no ver­so An­dria si è fat­to fo­to­gra­fa­re sen­za ma­sche­ri­na (ob­bli­ga­to­ria) e in uno dei po­sti do­ve è vie­ta­to se­der­si (da­je!). Con­ti­nua a stra­par­la­re di “no al ple­xi­glas(s) nel­le scuo­le”, quan­do il ple­xi­glas(s) è sta­to (ov­via­men­te) eli­mi­na­to dal­le li­nee gui­da del go­ver­no. Pur di rac­cat­ta­re con­sen­si e li­ke, è ar­ri­va­to per­si­no a fa­re un po­st sui ge­mel­li am­maz­za­ti dal pa­pà nel Lec­che­se. Vi­ve in te­le­vi­sio­ne, spes­so ri­ve­ri­to nean­che fos­se uno sta­ti­sta, ma ciò no­no­stan­te ha il co­rag­gio di gri­da­re (co­me la Me­lo­ni) al “re­gi­me di Con­te”. Du­ran­te un’as­sai so­bria sfi­la­ta sul pon­te di Ge­no­va, ve­sti­to co­me un play­boy dal­to­ni­co e ben po­co atle­ti­co, ha scambiato i pannelli fotovoltai­ci per dei mi­to­lo­gi­ci “pannelli di metano”. Si po­treb­be an­da­re avan­ti in eter­no, per­ché or­mai Sal­vi­ni ne fa più di Ber­tol­do, ma non ba­ste­reb­be il gior­na­le in­te­ro. La­scia­mo­lo quin­di con­ti­nua­re co­sì, im­pla­ca­bi­le co­me un fa­gia­no les­so e ru­ti­lan­te co­me una Du­na smar­mit­ta­ta in sa­li­ta: chi sia­mo noi per ne­ga­re a un caz­za­ro ver­de di emu­la­re, in tut­to e per tut­to, il tra­gi­co­mi­co non­ché su­bi­ta­neo tra­mon­to del caz­za­ro ro­sé? Da­je Mat­te’!

HA SCAMBIATO I PANNELLI FOTOVOLTAI­CI PER DEI “PANNELLI DI METANO”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.