“Ab­bia­mo toc­ca­to Ren­zi&c. E ci hanno spaz­za­ti via tut­ti”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » Gian­ni Barbacetto

Il rac­con­to del­la lot­ta al­la ma­fia ■ e al ma­laf­fa­re: “Ab­bia­mo com­bat­tu­to sen­za ma­ni­po­la­zio­ni. Poi ci hanno an­nien­ta­ti, con gioia di tut­ti, non so­lo del­la fa­mi­glia dell’ex pre­mier. Con­ti­nue­rò a fa­re l’as­ses­so­re in Ca­la­bria, poi tor­ne­rò a es­se­re il nul­la da cui pro­ven­go”

“Ul­ti­mo, il ca­pi­ta­no” por­ta sul ca­na­le No­ve, do­me­ni­ca 18 e lu­ne­dì 19 ot­to­bre, il rac­con­to dei suc­ces­si e del­le ca­du­te di Ul­ti­mo, il ca­pi­ta­no dei ca­ra­bi­nie­ri che ar­re­stò To­tò Rii­na. “Rac­con­ta la no­stra at­ti­vi­tà, at­tra­ver­so in­ter­vi­ste e te­sti­mo­nian­ze. È il mon­do vi­sto da­gli oc­chi di chi ha com­bat­tu­to, sen­za pro­pa­gan­da, sen­za ma­ni­po­la­zio­ni. È il rac­con­to del no­stro la­vo­ro, del la­vo­ro del no­stro grup­po, an­zi dei di­ver­si grup­pi che si so­no suc­ce­du­ti ne­gli an­ni”.

Da do­ve par­te il rac­con­to? Se­gue il fi­lo cro­no­lo­gi­co del­le bat­ta­glie che ab­bia­mo com­bat­tu­to, io e le per­so­ne che era­no con a me, a par­ti­re del­le in­da­gi­ni fat­te a Mi­la­no a fi­ne an­ni Ot­tan­ta du­ran­te l’in­da­gi­ne an­ti­ma­fia Duo­mo Con­nec­tion, fi­no all’in­chie­sta del­la Pro­cu­ra di Napoli sul­la Con­sip.

Nell ’ in­chie­sta Con­sip ave­te sfio­ra­to la fa­mi­glia Ren­zi. Che rea­zio­ni ave­te ot­te­nu­to? Nien­te, sia­mo sta­ti sem­pli­ce­men­te an­nien­ta­ti, spaz­za­ti via. Con la gioia di tut­ti, evi­den­te­men­te, non so­lo del­la fa­mi­glia Ren­zi.

Nel­la sua vi­ta ha avu­to spes­so del­le svol­te, dei pas­sag­gi bru­schi, del­le ca­du­te.

È per­ché è una vi­ta ve­ra, non una vi­ta ad­do­me­sti­ca­ta. Quin­di sen­za pa­ra­ca­du­te. Vi­vi cre­den­do in quel­lo che fai sen­za ap­par­te­ne­re a schie­ra­men­ti, sen­za ap­par­te­ne­re a lob­by, an­zi di­sprez­zan­do tut­to ciò che è schie­ra­men­to e lob­by. Spes­so non vi hanno di­fe­so nean­che co­lo­ro che per do­ve­re isti­tu­zio­na­le do­ve­va­no es­se­re dal­la vo­stra par­te.

Cer­to, per­ché non ap­par­ten­go ad al­cu­no schie­ra­men­to o lob­by.

A vol­te non vi ha di­fe­so nep­pu­re l’ar­ma dei ca­ra­bi­nie­ri.

Ma la pa­ro­la ca­ra­bi­nie­ri è una pa­ro­la gran­de, co­me po­po­lo, co­me so­cie­tà. Tu de­vi guar­da­re le per­so­ne. Ci so­no del­le pic­co­le lea­der­ship do­mi­nan­ti in de­ter­mi­na­ti pic­co­li pe­rio­di. Quel­le pic­co­le lea­der­ship do­mi­nan­ti a vol­te non so­no sta­te in gra­do di pro­teg­ge­re me, ma nean­che la so­cie­tà e i cit­ta­di­ni.

Co m’è sta­ta la sua usci­ta dall ’Ai­se, il ser­vi­zio se­gre­to mi­li­ta­re?

È sta­ta un at­to di re­spon­sa­bi­li­tà im­men­sa da par­te mia e dei ca­ra­bi­nie­ri che sta­va­no in­sie­me a me, per tu­te­la­re l’agen­zia, cioè i ser­vi­zi se­gre­ti, e l’ar­ma dei ca­ra­bi­nie­ri, per to­glier­la da ma­ni­po­la­zio­ni di lob­by o par­ti­ti­ni o par­ti­to­ni. È sta­ta una mia scel­ta, per to­glie­re dal­le polemiche set­to­ri im­por­tan­ti del­lo Sta­to co­me i ser­vi­zi e l’ar­ma dei ca­ra­bi­nie­ri. L’ho fat­ta in buo­na fe­de, con amo­re sia per l’ar­ma, sia per i ser­vi­zi se­gre­ti, do­ve ho tro­va­to per­so­ne se­rie, mo­ti­va­te, one­ste, con cui non ho avu­to mai al­cun mo­ti­vo di li­te.

Co m’è sta­to poi il rien­tro dall’ai­se ai ca­ra­bi­nie­ri? Sia­mo sta­ti sem­pli­ce­men­te an­nien­ta­ti e per­se­gui­ta­ti in ma­nie­ra in­de­gna. Non è sta­to un buon ri­tor­no. Le per­so­ne pra­ti­ca­no il po­te­re, lo hanno pra­ti­ca­to in ma­nie­ra di­strut­ti­va ver­so ven­ti ca­ra­bi­nie­ri. Spe­ro che sia­no fe­li­ci e si sen­ta­no rea­liz­za­ti di ave­re an­nien­ta­to e can­cel­la­to ven­ti grandi com­bat­ten­ti. Co­sì, per ca­pric­cio di al­cu­ni o di po­chi.

Pas­sa­re dal Ros Ca­ra­bi­nie­ri al Noe e poi dall’ai­se al­la Fo­re­sta­le è sta­to per lei una scon­fit­ta, o una di­mi­nu­zio­ne de­gli stru­men­ti che ave­va a di­spo­si­zio­ne per in­ter­ve­ni­re?

Ma guar­di, io in­tan­to so­no sem­pre un pri­vi­le­gia­to e non me lo di­men­ti­co. Quin­di chie­do scu­sa a tut­te le per­so­ne che hanno fa­me, che non hanno ca­sa, che vi­vo­no in con­di­zio­ni di­spe­ra­te. Det­to que­sto, ho avu­to mo­do di ve­de­re che esi­sto­no del­le lob­by e de­gli al­tis­si­mi fun­zio­na­ri che non ser­vo­no il Pae­se, ma si ser­vo­no del Pae­se e del ruo­lo che hanno per pra­ti­ca­re il do­mi­nio. So­no fe­li­ce di non es­se­re uno di lo­ro e quin­di mi dà per­fi­no fa­sti­dio par­lar­ne. So­no fec­cia.

Ha an­co­ra le aqui­le che al­le­va­va?

Sì, ci so­no an­co­ra le aqui­le, ora pur­trop­po le ve­do po­co per­ché il mio nuo­vo in­ca­ri­co mi pren­de mol­to tem­po. Pe­rò le por­to sem­pre nel cuo­re, il rap­por­to con le aqui­le è un rap­por­to di amo­re e va al di là del­la pre­sen­za fi­si­ca. È un mo­do di es­se­re, di pen­sa­re. Lo­ro so­no la li­ber­tà, il ven­to, la di­gni­tà.

C’è an­co­ra an­che La Mi­sti­ca? Sì, è una ca­sa fa­mi­glia do­ve aiu­tia­mo i po­ve­ri, i men­di­can­ti ab­ban­do­na­ti da tut­ti. E lo fac­cia­mo nel no­me di Ge­sù, cer­can­do di se­gui­re gli in­se­gna­men­ti di Ge­sù, con­sa­pe­vo­li di es­se­re in­de­gni suoi se­gua­ci.

È pas­sa­to dall’es­se­re un com­bat­ten­te a fa­re l’as­ses­so­re all’am­bien­te nel­la giun­ta re­gio­na­le in Ca­la­bria: è pas­sa­to al­la po­li­ti­ca, che tan­to spes­so ave­va in­da­ga­to e an­che san­zio­na­to.

Io con­ti­nuo a com­bat­te­re esat­ta­men­te co­me fa­ce­vo da ca­ra­bi­nie­re. Cer­co di pro­get­ta­re i ter­ri­to­ri e il fu­tu­ro dei ter­ri­to­ri in­sie­me al­le co­mu­ni­tà che vi­vo­no nei ter­ri­to­ri, ascol­tan­do e cer­can­do di so­ste­ne­re i lo­ro so­gni e non im­po­nen­do i miei o quel­li di qual­cun al­tro, ri­ven­di­can­do il va­lo­re dell’au­to­de­ter­mi­na­zio­ne del­le co­mu­ni­tà e cer­can­do di im­pe­di­re a chiun­que, ’ndran­ghe­ta o lob­by, di ma­ni­po­la­re le co­mu­ni­tà e le le­git­ti­me aspi­ra­zio­ni al­la di­gni­tà, all ’ u g ua gl i an za , al­la fra­tel­lan­za. Que­sta è la po­li­ti­ca che mi pia­ce mol­to.

Abi­tua­to a cam­bia­re spes­so vi­ta, co­me ve­de il suo fu­tu­ro ora? Ha pro­get­ti di nuo­vi cam­bia­men­ti? Ades­so è mor­ta la pre­si­den­te del­la Ca­la­bria, Jo­le San­tel­li, che mi ave­va vo­lu­to nel­la sua giun­ta. Con­ti­nue­rò an­co­ra per i po­chi me­si che ri­man­go­no a fa­re l’a ss es so re all’am­bien­te, poi tor­ne­rò a es­se­re il nien­te da cui pro­ven­go. Sul­la stra­da, sem­pre ac­can­to ai più de­bo­li. Sa, ho an­che la mia età, è giu­sto da­re spa­zio ai più gio­va­ni. Qual­cu­no l’ave­va de­fi­ni­ta pre­te-ca­ra­bi­nie­re.

Io mi de­fi­ni­sco un com­bat­ten­te. Re­sto un ca­ra­bi­nie­re e mo­ri­rò ca­ra­bi­nie­re. Per­ché ce l’hai nel san­gue e nel cuo­re, per sem­pre.

‘‘ So­no un com­bat­ten­te. Con­ti­nue­rò a fa­re l’as­ses­so­re all’am­bien­te in Ca­la­bria, poi tor­ne­rò a es­se­re il nien­te da cui pro­ven­go Ser­gio De Ca­prio •

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.