Quel net­work ce­ce­no all’as­sal­to dell’eu­ro­pa

Il Fatto Quotidiano - - ESTERI - Michela A.G. Iac­ca­ri­no

SFUGGENTI IN 300 SO­NO SCHEDATI CO­ME TER­RO­RI­STI

Non è la pri­ma vol­ta che un cau­ca­si­co ver­sa san­gue fran­ce­se. Era sche­da­to dall’in­tel­li­gen­ce di Parigi Kha­m­zat Azi­mov, che, no­no­stan­te la sor­ve­glian­za as­sa­lì cin­que per­so­ne e uc­ci­se un ra­gaz­zo di 29 an­ni a Parigi, nel 2018. Non era in al­cu­na li­sta ne­ra in­ve­ce il 18en­ne che ha de­ca­pi­ta­to l’in­se­gnan­te vi­ci­no Parigi: Ab­dul­lah An­zo­rov, 18 an­ni, era na­to a Mo­sca, in quel­la Rus­sia che ha com­bat­tu­to bru­tal­men­te nel­la pol­ve­rie­ra di Groz­ny, co­strin­gen­do mol­ti ce­ce­ni al­la fu­ga e mol­ti al­tri all’esi­lio ol­tre con­fi­ne. Dall’au­tun­no del 1999, du­ran­te la pri­ma guer­ra ce­ce­na, an­co­ra di più du­ran­te la se­con­da, e in­fi­ne per il pu­gno du­ro di Ka­dy­rov ac­cu­sa­to di vio­la­zio­ne dei di­rit­ti uma­ni, cir­ca 150 mi­la ce­ce­ni hanno de­ci­so di fug­gi­re al­tro­ve.

PARADOSSI di una na­zio­ne che di­vo­ra se stes­sa. La dia­spo­ra ce­ce­na è una co­mu­ni­tà. So­no ce­ce­ne an­che le vit­ti­me di al­tri ce­ce­ni: i dis­si­den­ti po­li­ti­ci ri­fu­gia­ti­si in Eu­ro­pa, col­pi­ti dai grup­pi di fuo­co del­le squa­dre del­la mor­te di Ka­dy­rov, uc­ci­si a Ber­li­no, Vien­na, Istan­bul. “Ce­ce­no” è un ter­mi­ne ri­pe­tu­to spes­so nei re­port del­la Di­ret­to­ra­to per la sor­ve­glian­za del ter­ri­to­rio fran­ce­se, e la Ce­ce­nia è in­di­ca­ta co­me la gran­de ba­se di ad­de­stra­men­to dei ra­di­ca­li isla­mi­ci che van­no e ven­go­no da Parigi. C’è chi la chia­ma “re­te ce­ce­na ”,“net­work ce­ce­no” ma c’è chi usa una pa­ro­la più ap­pro­pria­ta :“enig­ma ”. Quan­ti so­no i ce­ce­ni in Fran­cia nes­su­no lo sa: più che un net­work, so­no un mi­ste­ro. Lo ri­ba­di­sce an­che il quo­ti­dia­no Le Fi­ga­ro che ave­va pro­va­to a con­tar­li l’es ta­te scor­sa: tra i 20mi­la e i 40mi­la, una ci­fra non co­no­sciu­ta nem­me­no dall’of­pra, Uf­fi­cio pro­te­zio­ne ri­fu­gia­ti, per­ché le ri­chie­ste di asi­lo in ar­ri­vo non so­no sche­da­te per ba­se etnica, ma re­gi­stra­te in ba­se al­la pro­ve­nien­za stam­pa­ta sul pas­sa­por­to, e i ce­ce­ni in ta­sca hanno quel­lo rus­so. È cer­to so­lo che nel Pae­se, tra tut­ti i cau­ca­si­ci del­la Re­pu­bli­que, lo­ro so­no la mag­gio­ran­za.

Sun­ni­ti, wa­ha­bi­ti, sa­la­fi­ti: se so­no 300 i ce­ce­ni fi­ni­ti nel dos­sier Fsprt, pre­ven­zio­ne ra­di­ca­liz­za­zio­ne ter­ro­ri

sti­ca di Parigi, l’at­ti­vi­tà dei lo­ro grup­pi criminali “evol­ve ver­so una vio­len­za sen­za pre­ce­den­ti”: a scri­ver­lo in una no­ta con­fi­den­zia­le del­lo cor­so giu­gno è sta­to il Dc­pj, Di­par­ti­men­to del­la po­li­zia giu­di­zia­ria fran­ce­se, quan­do ka­la­sh­ni­kov e pi­sto­le se­mi­na­va­no ter­ro­re in Bor­go­gna, nel­la cit­tà di Di­gio­ne, per gli scon­tri in stra­da tra grup­pi di fuo­co ce­ce­ni e ban­de di ma­gre­bi­ni.

Do­po l’ul­ti­mo lut­to fran­ce­se Mo­sca si è su­bi­to la­va­ta le ma­ni: il ra­di­ca­li­smo ce­ce­no in Eu­ro­pa e Ab­dou­la­kh Azo­rov non so­no un pro­ble­ma rus­so. “La vi­cen­da non ri­guar­da la Fe­de­ra­zio­ne” ha ri­fe­ri­to l’ad­det­to dell’am ba­scia­ta del Crem­li­no a Parigi: “Non è im­por­tan­te do­ve è na­to, ma per­ché ha ini­zia­to a ra­di­ca­liz­zar­si. Era in Fran­cia da 12 an­ni, da quan­do nel 2008 la fa­mi­glia ha chie­sto asi­lo po­li­ti­co” per­den­do co­sì la cit­ta­di­nan­za rus­sa.

PER YELENA Mac Glan­die­res, Isti­tu­to fran­ce­se di Geo­po­li­ti­ca, au­tri­ce di sag­gi sul con­flit­to di Groz­ny “que­sta tra­ge­dia nasce da un pro­ble­ma fran­ce­se, non ce­ce­no: le ca­ri­ca­tu­re di Mao­met­to so­no di­ven­ta­te on­ni­pre­sen­ti nel di­bat­ti­to po­li­ti­co, ven­go­no usa­te co­me stru­men­to di po­la­riz­za­zio­ne per ra­di­ca­liz­za­re en­tram­bi i la­ti. I mu­sul­ma­ni le usa­no per fo­men­ta­re odio, i po­li­ti­ci fran­ce­si per co­strui­re con­sen­so”.

Per l’esper­ta, i re­spon­sa­bi­li so­no co­lo­ro che si so­no di­mo­stra­ti sor­di al­le ri­chie­ste “de­gli in­se­gnan­ti fran­ce­si, so­prat­tut­to nei quar­tie­ri dif­fi­ci­li, che chie­do­no aiu­to e fi­nan­zia­men­ti da an­ni. Sì, l’omi­ci­da era di ori­gi­ne ce­ce­na, ma nes­su­no di­ce la co­sa più im­por­tan­te: ave­va so­lo 18 an­ni ed è cre­sciu­to in Fran­cia”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.