LE STO­RI­CHE

Il pri­mo spor­ti­vo in Ita­lia a vin­ce­re due mon­dia­li in due di­sci­pli­ne di­ver­se, fio­ret­to e ve­la. Lui­gi Car­pa­ne­da è una pie­tra mi­lia­re del­la sto­ria del­la ve­la ita­lia­na: un li­bro rac­con­ta la sua sto­ria tra col­pi di fio­ret­to e pla­na­te sul­le on­de del ma­re del­la

Il Giornale della Vela - - Sommario -

Lui­gi Car­pa­ne­da: “So­no un uo­mo per­be­ne, un po’ mat­to”

So­no un uo­mo per­be­ne, un po’ mat­to”. Co­sì di­ce­va Lui­gi Car­pa­ne­da par­lan­do di se stes­so nel­la pre­fa­zio­ne del li­bro del­la scrit­tri­ce-ve­li­sta mi­la­ne­se Fran­ce­sca Pri­na che rac­con­ta con “Bot­ta drit­ta” la sto­ria di Lui­gi Car­pa­ne­da: il pri­mo spor­ti­vo in Ita­lia a vin­ce­re due mon­dia­li in due di­sci­pli­ne di­ver­se, fio­ret­to e ve­la. Tan­te le vit­to­rie nel­la ve­la: da quel­la di Bot­ta Drit­ta III, pri­ma bar­ca ita­lia­na a vin­ce­re la Th­ree Quar­ter Ton Cup nel 1983, il mon­dia­le di­spu­ta­to a Trie­ste, al Ve­te­ran Boat Ral­ly di Por­to Cer­vo. Due so­no sta­ti i suoi gran­di amo­ri, la scher­ma pri­ma e la ve­la poi. Il co­mu­ne de­no­mi­na­to­re? La “bot­ta drit­ta”, il col­po di fio­ret­to a lui più na­tu­ra­le gra­zie al qua­le ha mie­tu­to suc­ces­si in tut­to il mon­do, e che ha da­to il no­me al­la sua se­rie di bar­che vin­cen­ti. Ma Lui­gi Car­pa­ne­da ha vin­to an­che due me­da­glie olim­pi­che nel­la: oro nel fio­ret­to a squa­dre e nel 1956, ar­gen­to quat­tro an­ni do­po a Ro­ma e cam­pio­ne del mon­do a squa­dre nel fio­ret­to ma­schi­le nel 1955.

L’AMO­RE PER LA VE­LA E PER LE SUE BAR­CHE Il suo Bot­ta Drit­ta III ha vin­to la Th­ree Quar­ter Ton Cup del 1983: pro­get­ta­to da Fon­ta­na-Ma­let­toNa­vo­ne e co­strui­to dal can­tie­re di Al­fio Pe­ra­bo­ni con co­per­ta in ke­vlar e ca­do­ri­te, il Bot­ta Drit­ta III fu la sua bar­ca più fa­mo­sa sui cam­pi di re­ga­ta. Ma l’amo­re per la ve­la era ini­zia­to mol­to pri­ma, ne­gli an­ni Ses­san­ta e coin­ci­de­va con l’amo­re per il ma­re del­la Sardegna, do­ve an­co­ra na­vi­ga la bar­ca di famiglia, il Bot­ta Drit­ta V, un 43’ di Ron Hol­land co­strui­to in la­mel­la­re da Gal­li­na­ri e dai par­ti­co­la­ris­si­mi in­ter­ni in le­gno. Que­sta im­bar­ca­zio­ne è an­co­ra og­gi or­meg­gia­ta a Pa­lau a am­mi­ra­ta per le sue li­nee per­fet­te. Ma an­dia­mo con or­di­ne: il pri­mo Bot­ta Drit­ta che ha vi­sto la lu­ce nel 1978 era un 3/4 ton­ner di An­drea Val­li­cel­li, co­strui­to in la­mel­la­re dal can­tie­re Gal­li­na­ri con fo­gli di le­gno in­col­la­ti, co­strui­ti su for­ma an­zi­ché su fal­se or­di­na­te e con la co­per­ta a li­stel­li di teak. Due an­ni do­po è il mo­men­to del Bot­ta Drit­ta II, l’obiet­ti­vo di Car­pa­ne­da è la One Ton Cup che si svol­ge­rà a Na­po­li. Si af­fi­da al­la ma­ti­ta di Ron Hol­land che di­se­gna il pri­mo esem­pla­re di Po­la­ris One Ton­ner Spe­cial (OT37), una bar­ca dal­la strut­tu­ra a sand­wi­ch in bal­sa con sup­por­to strut­tu­ra­le in­ter­no in ac­cia­io con la qua­le si se­le­zio­na per la OTC. Ma è so­lo l’an­no suc­ces­si­vo, con la ter­za bar­ca il Bot­ta Drit­ta III che, co­me ab­bia­mo vi­sto, vin­ce­rà il mon­dia­le del 1983 a Trie­ste. Lui­gi è da que­sto mo­men­to il pri­mo ita­lia­no Cam­pio­ne del mon­do in due sport di­ver­si. Il 1990 è l’an­no di German Frers, a cui vie­ne com­mis­sio­na­ta la Sme­ral­da 888, una pic­co­la bar­ca per club, per re­ga­ta­re tra ami­ci e che Lui­gi chia­ma Bot­ta Drit­ta VI. Ma la fi­ne de­gli an­ni ‘80 se­gna an­che l’ini­zio di una nuova pas­sio­ne per Car­pa­ne­da che non re­si­ste al fa­sci­no del­le vec­chie signore del ma­re co­me Dan, un 6 me­tri S. I. co­strui­to nel 1931 con il qua­le nel 1997 vin­ce a Can­nes il Cam­pio­na­to del Mon­do. Do­po Dan è il mo­men­to di un 5.50 S. I. dal no­me Dal­gra III e co­strui­to nel 1957: un’al­tra bar­ca ve­lo­ce e vin­cen­te che trion­fa nel 1995 al­la Ve­te­ran Boat Real­ly di Por­to Cer­vo e al­le Re­ga­tes Roya­les di Can­nes e nel 1998 vin­ce a Co­wes il Cam­pio­na­to del Mon­do Bar­che d’Epo­ca. L’ul­ti­ma av­ven­tu­ra nel­la ve­la è con Ma­scal­zo­ne La­ti­no: l’ul­ti­mo tas­sel­lo è pro­prio la Cop­pa Ame­ri­ca. Vin­cen­zo Ono­ra­to lo in­vi­ta a far par­te del­la spe­di­zio­ne di Ma­scal­zo­ne La­ti­no in ve­ste di Pre­si­den­te ono­ra­rio del Consorzio.

Lui­gi Car­pa­ne­da in sa­la di scher­ma con Edoar­do Man­gia­rot­ti al­la So­cie­tà del Giar­di­no. Nel 1956 a Mel­bour­ne con­qui­sta l’oro nel fio­ret­to a squa­dre.

LUI­GI CAR­PA­NE­DA In que­sta fo­to è im­pe­gna­to in poz­zet­to a bor­do di Dan, un 6 me­tri S.I. con il qua­le nel 1997 vin­ce il Cam­pio­na­to del Mon­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.