Vi­ta da cuo­co - Ita­lia

DA­VI­DE OL­DA­NI RAC­CON­TA CHE CO­SA VUOL DI­RE CU­CI­NA­RE CON OC­CHI DI PA­PÀ. E SUA FI­GLIA A TRE AN­NI È GIÀ UNA POP-FAN

La Cucina Italiana - - EDITORIALE -

Un piat­ti­no per Ca­mil­la. Da­vi­de Ol­da­ni cu­ci­na una vel­lu­ta­ta di zuc­ca per sua fi­glia

« So­no i gran­di che insegnano ai pic­co­li o vi­ce­ver­sa?». Lo ab­bia­mo chie­sto al no­stro cuo­co pop (che ci ha re­ga­la­to an­che la ri­cet­ta del­la vel­lu­ta­ta che pre­pa­ra per la sua bam­bi­na). Che co­sa ha ri­sco­per­to in cu­ci­na gra­zie a Ca­mil­la Ma­ria? «Lei mi ha ri­por­ta­to in un mon­do scom­par­so, quel­lo nel qua­le fac­cia­mo ca­pi­re che co­sa ci pia­ce sen­za usa­re le pa­ro­le. Che del re­sto non sem­pre so­no in­di­spen­sa­bi­li: la os­ser­vo, e le sue azio­ni mi di­co­no tut­to». Che co­sa in par­ti­co­la­re ha im­pa­ra­to? «Ho ri­vi­sto il con­cet­to di ap­prez­za­men­to: quan­do un ci­bo ti pia­ce dav­ve­ro, cer­chi di non la­sciar­ne nean­che un ato­mo… Lec­ca­re il piat­to, fa­re la scar­pet­ta co­me fa lei, so­no ge­sti istin­ti­vi che mi han­no ispi­ra­to. Ho cer­ca­to di “im­por­tar­li” nel mon­do de­gli adul­ti, of­fren­do an­che a lo­ro, per esem­pio, un piat­to da lec­ca­re, do­ve le po­sa­te non ser­vo­no». E lei, che co­sa le in­se­gna? «An­co­ra po­co, è la mam­ma (Eve­li­na Ro­lan­di) che ha il mo­no­po­lio, per i pri­mi an­ni… Ma cer­co di gui­dar­la a ri­co­no­sce­re la di­ver­si­tà tra le sta­gio­ni, pri­ma di tut­to. In par­ti­co­la­re per le ver­du­re. An­che per lei cu­ci­no sen­za gras­si e po­co ar­ro­sti­to, per­ché vor­rei abi­tuar­la a sen­ti­re il sa­po­re na­tu­ra­le del­le co­se. Per que­sto uso an­che po­co sa­le e po­co zuc­che­ro». Esi­ste un truc­co per far man­gia­re le ver­du­re ai bam­bi­ni? «No, pur­trop­po. Pen­so sem­pli­ce­men­te che ad al­cu­ni bam­bi­ni piac­cio­no e ad al­tri no». Co­me fa? Co­me con­vin­ce Ca­mil­la Ma­ria ad as­sag­gia­re co­se nuo­ve? «Pro­vo a pro­por­glie­le in­sie­me a sa­po­ri no­ti, e non trop­po di­ret­ta­men­te: co­sì può sco­prir­le in mo­do più dol­ce e gra­dua­le». La segue? «Sì, non ha an­co­ra ri­fiu­ta­to nul­la. Ha un buon pa­la­to e poi… ci os­ser­va. Co­me per mol­te al­tre co­se, l’esem­pio è la mi­glio­re per­sua­sio­ne, l’imi­ta­zio­ne è istin­ti­va. Per lei è na­tu­ra­le man­gia­re un broc­co­lo cru­do o il cioc­co­la­to ama­ro con un piz­zi­co di pe­pe­ron­ci­no. È già una fan del­la cu­ci­na pop! Sta a noi, poi, dar­le una ve­ra e pro­pria edu­ca­zio­ne sen­so­ria­le. Po­trà ser­vir­le quan­do sa­rà di­ven­ta­ta gran­de».

«Con Ca­mil­la ho ri­tro­va­to ge­sti che ave­vo di­men­ti­ca­to. Co­me lec­ca­re il piat­to per di­re: che buo­no!»

Il piat­to di­se­gna­to da Da­vi­de Ol­da­ni per man­gia­re sen­za po­sa­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.