Ci­pol­la al sa­le ri­pie­na di ca­po­col­lo e fe­ga­ti­ni

La Cucina Italiana - - VIAGGIO -

Dei tre fra­tel­li che si di­vi­do­no la cu­ra del­la Trat­to­ria La Coc­ci­nel­la, Mas­si­mo è quel­lo che sta in cu­ci­na. Que­sta ri­cet­ta «che non si può mai to­glie­re dal me­nu» è un esem­pio di co­me no­bi­li­ta­re ri­ga­glie di pol­lo e un ta­glio umi­le del ma­ia­le con una sal­sa, la be­scia­mel­la, che ar­ri­va dall’al­ta cu­ci­na fran­ce­se.

«È un piat­to la­bo­rio­so, ma di gran fi­gu­ra e di co­sto con­te­nu­to. Per sei per­so­ne, scel­go sei bel­le ci­pol­le re­go­la­ri e le fac­cio cuo­ce­re a 200 °C in te­glia, co­per­te di sa­le gros­so, per cir­ca 45 mi­nu­ti. Le tol­go dal for­no, le la­scio in­tie­pi­di­re, ta­glio il cap­pel­lo e le svuo­to. Pre­pa­ro il ri­pie­no fa­cen­do sof­frig­ge­re la ci­pol­la tri­ta­ta con 300 gram­mi di ca­po­col­lo ta­glia­to a da­di­ni. Ba­gno con un bic­chie­re di Neb­bio­lo, e ag­giun­go un et­to di fe­ga­ti­ni di pol­lo. Ba­sta­no po­chi mi­nu­ti di cottura, al­tri­men­ti si in­du­ri­sco­no. Pas­so tut­to al tri­ta­car­ne e me­sco­lo con 100 gram­mi di be­scia­mel­la. Io la pre­pa­ro ogni gior­no, ma se ave­te fret­ta o vo­le­te sem­pli­fi­ca­re, po­te­te usa­re quel­la pron­ta. Tut­to que­sto si può fa­re il gior­no pri­ma. Po­co pri­ma di an­da­re in ta­vo­la, por­to il for­no a 200 °C, riem­pio le ci­pol­le con la lo­ro far­cia, le ri­chiu­do e le scal­do per po­chi mi­nu­ti. A pia­ce­re po­te­te guar­nir­le con una cial­da di po­len­ta es­sic­ca­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.