Go­lo­so chi leg­ge

È il mo­men­to di di­men­ti­ca­re la fret­ta, aspet­tan­do che da ac­qua e fa­ri­na na­sca una gran­de for­za, che la ter­ra ger­mo­gli e che l’ora del pran­zo, fi­nal­men­te, ar­ri­vi

La Cucina Italiana - - Sommario -

Col­ti­va­re il pia­ce­re dell’at­te­sa

A cu­ra di AN­GE­LA ODONE FA­RI­NA, AC­QUA E SA­LE Man­ca so­lo un quar­to in­gre­dien­te per fa­re un buon pa­ne, di­co­no gli au­to­ri nor­ve­ge­si: il tem­po. Quel­lo che è ne­ces­sa­rio de­di­ca­re se si vuo­le crea­re qual­co­sa di ma­gi­co. Una gui­da sem­pli­ce, pas­so pas­so, che in­se­gna co­me preparare e cu­ra­re il lie­vi­to ma­dre per riu­sci­re a sfor­na­re pa­ni dal­le cro­ste croc­can­ti e pro­fu­ma­te. Ca­sper André Lugg e Mar­tin Ivar Hveem Fjeld, Pa­sta Ma­dre, Ei­fis Edi­to­re, 25 eu­ro UN GIOCO DI COM­BI­NA­ZIO­NI Lo pro­pon­go­no i cuo­chi Pie­tro Lee­mann e Sau­ro Ric­ci con i ra­gaz­zi del ri­sto­ran­te Jo­ia in que­sto bel li­bret­to il­lu­stra­to. Ogni sa­po­re è le­ga­to a un sen­ti­men­to (dol­ce-em­pa­tia, sa­la­to-co­rag­gio, pic­can­te-fi­du­cia...), ogni ve­ge­ta­le ne con­tie­ne al­me­no due e im­pa­ra­re a com­bi­nar­li sa­rà «fon­te di pia­ce­re e fe­li­ci­tà». P. Lee­mann & S. Ric­ci, Co­me fa­re... i ve­ge­ta­li in cu­ci­na, Si­ste­mi Edi­to­ria­li, 11,90 eu­ro

Un cam­mi­no af­fa­sci­nan­te, a vol­te im­per­vio, è quel­lo in­tra­pre­so da Laura Laz­za­ro­ni, gior­na­li­sta e no­vel­la pa­ni­fi­ca­tri­ce. Ini­zia con lo stu­dio «sul cam­po», ac­cu­ra­to e cu­rio­so, per im­pa­ra­re a co­no­sce­re e a pro­teg­ge­re le va­rie­tà di gra­no che co­sti­tui­sco­no il pa­tri­mo­nio dei fru­men­ti ita­lia­ni, uno dei più va­rie­ga­ti al mon­do. Poi pas­sa al­la pra­ti­ca. Laura an­no­ta tut­to in que­sto libro-dia­rio lun­go due an­ni: viag­gi e incontri che la­scia­no il se­gno, espe­ri­men­ti e scon­fit­te con la lie­vi­ta­zio­ne che, a for­za di ten­ta­ti­vi, di­ven­ta­no suc­ces­si. A con­clu­sio­ne del vo­lu­me, bi­so­gna pro­va­re la «ricetta de­fi­ni­ti­va per il pa­ne, quel­la che me­glio si adat­ta al­la sua li­mi­ta­ta (si fa per di­re, ndr) abi­li­tà». Laura Laz­za­ro­ni, Al­tri gra­ni al­tri pa­ni, Gui­do Tom­ma­si Edi­to­re, 28 eu­ro TI ASPET­TO A CO­LA­ZIO­NE At­ten­zio­ne, que­sto non è un ma­nua­le di belle ma­nie­re. Si par­la in­ve­ce di sto­ria. Il pro­fes­sor Bar­be­ro af­fron­ta la que­stio­ne dell’ora­rio dei pa­sti dal pun­to di vi­sta lin­gui­sti­co e so­cia­le mo­stran­do co­me es­so sia slit­ta­to, nei se­co­li, sem­pre più in avan­ti fi­no a tor­na­re al pun­to di par­ten­za (ma cam­bian­do no­me): «Co­me un tre­no che do­po 24 ore di ri­tar­do è di nuo­vo in ora­rio». A. Bar­be­ro, A che ora si man­gia?, Quod­li­bet, 10 eu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.