FORMATO FORMA XXL? NON E’ DA BUTTARE

La Gazzetta dello Sport - - Da Prima Pagina - di Um­ber­to Za­pel­lo­ni

Un ve­ro qqua­ran­tot­to. Se in cir­co­la­zio­ne ci fos­se an­co­ra Blat­te­rB sa­prem­mo a chi da­re la col­pa. Per­ché, ppur a fron­te di 606 mi­lio­ni di va­li­di mo­ti­vi per­pe ap­pro­va­re l’al­lar­ga­men­to del Mondiale di cal­cio a 48 squa­dre dal 2026, re­sta­no ppa­rec­chi dub­bi. Più par­ti­te (da 64 a 80) non ga­ran­ti­sco­no più in­con­tri di qua­li­tà.

U n ve­ro qua­ran­tot­to. Se in cir­co­la­zio­ne ci fos­se an­co­ra Blat­ter sa­prem­mo a chi da­re la col­pa. Per­ché, pur a fron­te di 606 mi­lio­ni di va­li­di mo­ti­vi per ap­pro­va­re l’al­lar­ga­men­to del Mondiale di cal­cio a 48 squa­dre dal 2026, re­sta­no pa­rec­chi dub­bi. Più par­ti­te (da 64 a 80) non ga­ran­ti­sco­no più in­con­tri di qua­li­tà. Più squa­dre (dal­le 32 at­tua­li) non si­gni­fi­ca­no ne­ces­sa­ria­men­te più gio­ca­to­ri in­te­res­san­ti. E, a es­ser sin­ce­ri, non ci so­no an­co­ra nep­pu­re i 606 mi­lio­ni di eu­ro di gua­da­gno sup­ple­men­ta­re quan­ti­fi­ca­ti da In­fan­ti­no. Per ora so­no una pre­vi­sio­ne.

Ma die­tro al qua­ran­tot­to del Mondiale XXL non ci so­no sol­tan­to pun­ti in­ter­ro­ga­ti­vi. Il Mondiale al­lar­ga­to non si­gni­fi­ca sol­tan­to un bu­si­ness mag­gio­re, ma an­che più pos­si­bi­li­tà per na­zio­na­li che al­tri­men­ti non po­treb­be­ro mai so­gna­re. Ci fu­ro­no mol­te cri­ti­che an­che quan­do l’Eu­ro­peo pas­sò da 16 a 24 squa­dre, ma poi l’esta­te scor­sa ci sia­mo go­du­ti tut­ti l’Islan­da. Le fa­vo­le, co­me ci in­se­gna Clau­dio Ra­nie­ri, mi­glior allenatore dell’an­no, fan­no bene al cal­cio. E con 48 squa­dre c’è na­tu­ral­men­te più spa­zio per le storie al­la Lei­ce­ster. Non è det­to che le 16 par­ti­te in più sa­ran­no ne­ces­sa­ria­men­te più en­tu­sia­sman­ti, ma la for­mu­la po­treb­be aiu­ta­re a scac­cia­re la no­ia di cer­ti turni scon­ta­ti. I 16 gi­ro­ni da tre squa­dre (con un pa­ra­ca­du­te per il bi­scot­to gra­zie al ran­king, co­me spie­ga bene Fa­bio Li­ca­ri) so­no una ga­ran­zia di in­te­res­se e l’eli­mi­na­zio­ne di­ret­ta (pro­ba­bil­men­te sen­za supplementari fi­no al­le se­mi­fi­na­li) dal tur­no suc­ces­si­vo ga­ran­ti­sce gior­na­te ad al­to con­te­nu­to adre­na­li­ni­co. È im­por­tan­te che il Mondiale non di­la­ti i suoi tem­pi e che i gio­ca­to­ri non sia­no ob­bli­ga­ti a gio­ca­re di più. Un pe­ri­co­lo sven­ta­to per­ché il Mondiale 2026 non sa­rà più lun­go di quel­lo in Rus­sia del 2018 e chi ar­ri­ve­rà in fi­na­le gio­che­rà 7 par­ti­te esat­ta­men­te quan­te ne han­no gio­ca­te Ger­ma­nia e Ar­gen­ti­na ar­ri­van­do al Ma­ra­ca­nà il 13 lu­glio 2014.

Il ve­ro pe­ri­co­lo del cal­cio di oggi è l’ec­ces­si­vo lo­go­rio dei cam­pio­ni. Un nu­me­ro esa­ge­ra­to di par­ti­te li por­ta ai grandi ap­pun­ta­men­ti con trop­pi chi­lo­me­tri nei muscoli a di­sca­pi­to della bel­lez­za del gioco. Il Mondiale al­lar­ga­to non cree­reb­be que­sto pe­ri­co­lo, an­zi con­tri­bui­reb­be ad an­nac­qua­re le qua­li­fi­ca­zio­ni al­lar­gan­do i po­sti a di­spo­si­zio­ne. Per l’Eu­ro­pa che do­vreb­be pas­sa­re da 13 a 16 (o 17) squa­dre il mas­si­mo sa­reb­be ar­ri­va­re a 18 ga­ran­ten­do co­sì la qua­li­fi­ca­zio­ne al­le pri­me due di ogni grup­po. Co­sì si evi­te­reb­be di per­der­si per stra­da l’Olan­da o di ri­schia­re di non avere un po­sto per il Ba­le di tur­no, as­so di una pic­co­la na­zio­na­le.

È una ri­for­ma da ma­neg­gia­re con cu­ra. In ter­mi­ni di pe­si da da­re al­le sin­go­le con­fe­de­ra­zio­ni e di for­mu­la an­ti bi­scot­to da at­tua­re. To­glie­re i supplementari nei pri­mi turni sa­reb­be sol­tan­to un bene, vi­sto che to­glie­reb­be mez­zo­ra di gioco non sem­pre esal­tan­te. Dal­le se­mi­fi­na­li in poi pe­rò sa­reb­be un ri­schio da non cor­re­re: una re­go­la si­mi­le can­cel­le­reb­be in un col­pa la par­ti­ta più fa­mo­sa della sto­ria, l’Ita­liaGer­ma­nia 4-3, se­mi­fi­na­le di Mes­si­co ‘70.

Il Mondiale Ex­tra Lar­ge che ri­schia di ap­pa­ri­re una scel­ta po­li­ti­ca, un pa­ga­men­to per i vo­ti ri­ce­vu­ti, al­la fi­ne po­treb­be an­che di­ven­ta­re uno stru­men­to im­por­tan­te per al­lar­ga­re l’in­te­res­se della com­pe­ti­zio­ne e au­men­tar­ne l’in­dot­to eco­no­mi­co da in­ve­sti­re poi nel cal­cio (e non nel­lo sti­pen­dio dei di­ri­gen­ti Fi­fa). In­fan­ti­no ci fa ve­de­re il bic­chie­re mez­zo pie­no. Con Blat­ter non sa­reb­be sta­ta la stes­sa co­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.