Ma­re­sca, fi­na­le di car­rie­ra Dà l’ad­dio al Ve­ro­na e for­se an­che al cal­cio

1Ve­ner­dì c’è l’in­con­tro per ri­sol­ve­re il con­trat­to Dal­la Juve al Si­vi­glia, si con­clu­de una car­rie­ra top

La Gazzetta dello Sport - - Da Prima Pagina - Mat­teo Fontana VE­RO­NA

Non è un uo­mo qua­lun­que, En­zo Ma­re­sca. Non lo sa­rà nem­me­no nel mo­men­to del com­mia­to su cui sta me­di­tan­do in que­sti gior­ni. Nel­le pros­si­me ore il di­ret­to­re spor­ti­vo del Ve­ro­na, Fi­lip­po Fu­sco, in­con­tre­rà il suo agen­te, Can­di­do For­tu­na­to, per con­cor­da­re la ri­so­lu­zio­ne del con­trat­to del gio­ca­to­re, in sca­den­za il 30 giu­gno (ie­ri Ma­re­sca non era pre­sen­te al­la ri­pre­sa de­gli al­le­na­men­ti dei gial­lo­blù e sa­rà in per­mes­so fi­no a ve­ner­dì), ar­ri­va­to all’Hel­las da svin­co­la­to, a set­tem­bre. Ot­to pre­sen­ze per 338’ to­ta­li, una con­di­zio­ne fi­si­ca che non è mai lie­vi­ta­ta, do­po un’esta­te sen­za squa­dra, una vol­ta con­clu­so il rap­por­to con il Pa­ler­mo, e, po­co per vol­ta, la pan­chi­na, in coin­ci­den­za con la cre­sci­ta dei gio­va­ni cen­tro­cam­pi­sti gial­lo­blù. Par­ten­do lui co­mun­que al Ve­ro­na ser­vi­rà un so­sti­tu­to e tra gli al­tri pia­ce Faz­zi del Cro­to­ne (che sem­bra­va de­sti­na­to al Pe­ru­gia). CON­COR­REN­ZA Pri­ma Va­lo­ti, do­po Zac­ca­gni, che quan­do par­la di Ma­re­sca uti­liz­za un’espres­sio­ne semplice per de­scri­ver­lo: «È un mae­stro». Un mae­stro che va­lu­ta l’ad­dio al pal­lo­ne (po­treb­be di­ven­ta­re pro­cu­ra­to­re) e che, quan­do era lui a es­se­re un al­lie­vo, e non an­co­ra un pro­fes­so­re, ha con­tri­bui­to a scri­ve­re una del­le storie più tu­mul­tuo­se del cal­cio ita­lia­no. Per­ché sen­za di lui, for­se, la da­ta del 5 mag­gio sa­reb­be ri­ma­sta le­ga­ta sol­tan­to ai ver­si della ce­le­bre poe­sia che Ales­san­dro Man­zo­ni com­po­se in me­mo­ria di Na­po­leo­ne Bo­na­par­te e non, in­ve­ce, a un adre­na­li­ni­co col­po di sce­na pal­lo­na­ro. Nel­la Juve che su­pe­rò sul filo del gong del cam­pio­na­to, nel 2002, l’Inter, c’era an­che Ma­re­sca. Un 21en­ne che pren­de­va le­zio­ni da Del Pie­ro, da Con­te, da Ned­ved, da Da­vids, da Pes­sot­to, da Thu­ram, da Tre­ze­guet e da quel Ci­ro Fer­ra­ra che, il 24 feb­bra­io, ne­gli spo­glia­toi del­lo sta­dio Del­le Al­pi, do­po un der­by di Torino fiam­meg­gian­te, dis­se: «Ma­re­sca avreb­be vo­lu­to fa­re l’esul­tan­za della ze­bra, ma non sa co­me sia». Già, per­ché

po­chi mi­nu­ti pri­ma, agli sgoc­cio­li di un duello ru­sti­ca­no che il To­ro sta­va vin­cen­do in ri­mon­ta per 2-1, pro­prio lui sbu­cò a in­fi­la­re di te­sta il gol del pa­reg­gio, per poi lan­ciar­si in una cor­sa paz­za con le di­ta te­se a imi­ta­re del­le cor­na. Il ge­sto con cui gioi­va Mar­co Fer­ran­te, at­tac­can­te gra­na­ta, un ido­lo della cur­va Ma­ra­to­na, e che ri­chia­ma­va l’or­go­glio di un po­po­lo in­te­ro. Su Ma­re­sca si sca­te­nò la bu­fe­ra. Quel pun­to tem­pe­sto­so con­sen­tì al­la Juve di pro­se­gui­re nel te­sta a te­sta con l’Inter di Cú­per, l’hom­bre ver­ti­cal, di Ro­nal­do e Ch­ri­stian Vie­ri.

CAR­RIE­RA IN­TER­NA­ZIO­NA­LE Il sor­pas­so fi­na­le eb­be, dun­que, an­che il mar­chio di Ma­re­sca. Che, da al­lo­ra, ha avu­to una car­rie­ra in cui le vit­to­rie so­no sta­te fre­quen­ti, con il pic­co in Spa­gna, al Si­vi­glia, il club in cui ha gio­ca­to per 4 sta­gio­ni, dal 2005 al 2009, par­te­ci­pan­do al­la sua asce­sa al ta­vo­lo del­le no­bi­li d’Eu­ro­pa – vin­te due Cop­pe Ue­fa, e la pri­ma con un 4-0 in fi­na­le nel 2006 al Midd­le­sbrou­gh con una dop­piet­ta pro­prio di Ma­re­sca, e una Su­per­cop­pa eu­ro­pea, con si­gil­lo su ri­go­re nel 3-0 al Bar­cel­lo­na po­chi me­si do­po - con Juan­de Ra­mos in pan­chi­na a mi­sce­la­re una co­va­ta di grandi ta­len­ti: tra gli al­tri, Luis Fa­bia­no, Fré­dé­ric Ka­nou­té, Jé­sus Na­vas, Da­ni Al­ves e An­to­nio Puer­ta, che se ne an­dò nel 2007, stron­ca­to da un ar­re­sto car­dia­co che lo col­pì men­tre gio­ca­va, e che Ma­re­sca por­ta sem­pre con sé, sul­la pel­le, con un ta­tuag­gio che lo ri­cor­da, e sul­la ma­glia, con quel nu­me­ro 16 spes­so scel­to da En­zo e che era quel­lo di An­to­nio. Un nu­me­ro che pre­sto po­treb­be la­scia­re. Te­nen­do­se­lo, pe­rò, stret­to al fian­co: già, Ma­re­sca non è uo­mo qua­lun­que.

LAPRESSE-AFP

En­zo Ma­re­sca, 36 an­ni, con il Ve­ro­na La fa­mo­sa esul­tan­za per il gol al Torino nel der­by Do­po la dop­piet­ta con il Si­vi­glia nel­la fi­na­le di coppa Ue­fa 2006 vin­ta con­tro il Midd­le­sbrou­gh 1 2 3 1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.