Se­con­da vi­ta Del Co­re: «L’espe­rien­za per il vol­ley»

1L’ex ca­pi­ta­na az­zur­ra con Ma­gri. «Do­po tante vit­to­rie pos­sia­mo cam­bia­re mol­to»

La Gazzetta dello Sport - - Pallavolo - Va­le­ria Be­ne­det­ti RO­MA

Sa­rà che la pal­la­vo­lo non te la to­gli mai ve­ra­men­te dal­la te­sta (e dal cuo­re), sa­rà che una don­na d’azio­ne fa fa­ti­ca a sta­re a guar­da­re, sa­rà per­ché do­po qua­si vent’an­ni ad al­to li­vel­lo hai tan­to da da­re e da di­re. Sa­rà sta­to tut­to que­sto a spin­ge­re An­to­nel­la Del Co­re, ul­ti­ma ca­pi­ta­na della Na­zio­na­le a Rio, 35 an­ni, ex Pe­sa­ro e Bergamo, che ha chiu­so la sua car­rie­ra di club con la Di­na­mo Ka­zan, ad ac­cet­ta­re la scom­mes­sa del presidente Ma­gri, ri­can­di­da­to ai ver­ti­ci fe­de­ra­li, di muo­ver­si dal suo “ri­ti­ro” a Reg­gio Ca­la­bria e di pro­va­re a en­tra­re nel con­si­glio fe­de­ra­le.

Chi glie­lo fa fa­re?

«Io — ri­de An­to­nel­la —. Il presidente mi ha lan­cia­to que­sta pro­po­sta e de­vo di­re che le nuo- ve idee mi han­no sti­mo­la­ta. E’ ve­ro che so­no fre­sca “pen­sio­na­ta” ma que­sta nuo­va ve­ste mi ha ispi­ra­ta».

Qua­li so­no que­ste no­vi­tà?

«Lo staff nuo­vo. So­no tan­ti an­ni che gioco in Na­zio­na­le. Co­no­sce­vo il vec­chio con­si­glio, bra­vis­si­me per­so­ne, ma poche nuo­ve idee. Con que­ste per­so­ne, la vo­glia, la pas­sio­ne e l’espe­rien­za che ci può da­re il presidente cre­do si pos­sa fa­re un cam­mi­no di­ver­so. C’è an­che una nuo­va aper­tu­ra ri­guar­do al­le idee ma­ga­ri vi­ste an­che dal pun­to di vi­sta dell’atle­ta, pun­ti di vi­sta a cui un di­ri­gen­te ma­ga­ri non fa tan­to ca­so, cre­do pos­sa es­se­re un van­tag­gio».

Un esem­pio?

«Beh, la Na­zio­na­le che si al­le­na due me­si a Ca­va­le­se. Le ra­gaz­ze non so­no co­sì con­ten­te lo­gi­sti­ca­men­te di sta­re in ci­ma a una montagna, par­lia­mo­ci chia­ro. E poi cre­do che an­che il ter­ri­to­rio ab­bia vo­glia di ve­de­re la Na­zio­na­le. Ma­ga­ri gi­ra­re un po’ di più sia per il ter­ri­to­rio che per le atle­te sia un bene».

Di co­sa si de­ve oc­cu­pa­re il nuo­vo con­si­glio?

«Cre­do del cam­pio­na­to. Ho gio­ca­to in Rus­sia 5 an­ni e noi gio­ca­va­mo 4 par­ti­te a set­ti­ma­na pur di dar spa­zio al­la Na­zio­na­le in cer­ti mo­men­ti. For­se da que­sto pun­to di vi­sta c’è un po’ trop­pa la­men­te­la dei club. For­se bi­so­gna ve­nir­si in­con­tro. Bi­so­gna la­vo­ra­re più sui so­cial, es­se­re più vi­ci­ni al­le pic­co­le so­cie­tà non so­lo al­le squa­dre di se­rie A. Ve­do an­che club di Be C po­co ascol­ta­te. E gli im- pian­ti, so­prat­tut­to nel Sud so­no ve­ra­men­te po­chi e per far cre­sce­re il mo­vi­men­to al Sud c’è bi­so­gno di più strut­tu­re. An­che la pos­si­bi­li­tà di da­re piccoli fi­nan­zia­men­ti al­le so­cie­tà cre­do sia un’in­no­va­zio­ne che può fa­re tan­to nel­le real­tà minori do­ve ma­ga­ri si fa fa­ti­ca a co­pri­re le spe­se di cam­pio­na­to. Dob­bia­mo in­ter­ve­ni­re sul pic­co­lo».

Un’atle­ta che co­me lei è sem­pre sta­ta ad al­to li­vel­lo, può rap­pre­sen­ta­re tut­to il mo­vi­men­to?

«As­so­lu­ta­men­te sì, so­no cre­sciu­ta nel­le real­tà pic­co­le. E an­che ora quan­do mi chia­ma­no va­do per sta­re vi­ci­no al­le ra­gaz­ze del vol­ley al­la ba­se».

E’ co­scien­te di en­tra­re in un mec­ca­ni­smo po­li­ti­co fat­to spes­so di tante pa­ro­le?

«Mi pon­go co­sì co­me mi so­no po­sta sul cam­po, poche chiac­che­re e mol­ti fat­ti. Se è ve­ro che il presidente ha que­st’aper­tu­ra bi­so­gna fa­re più fat­ti. Ri­ma­ne­re al­le chiac­che­re si­gni­fi­ca non rin­no­va­re e la no­stra pre­sen­za sa­reb­be inu­ti­le».

Co­sa ha det­to Ma­gri per con­vin­cer­la?

«Mi ha fat­to pia­ce­re la sti­ma nei miei con­fron­ti. E an­che qual­che am­mis­sio­ne di col­pe­vo­lez­za nell’ul­ti­mo pe­rio­do».

Il ma­schi­le ha vin­to un ar­gen­to a Rio con una Na­zio­na­le di­ven­ta­ta po­po­la­re an­che gra­zie a personaggi co­me Zay­tsev. C’è qual­che gio­ca­tri­ce che può avere la stes­sa po­po­la­ri­tà?

«Cre­do di sì. Cre­do ci sia­no nuo­vi ta­len­ti che pos­sa­no te­ne­re al­ta la ban­die­ra. Nel fem­mi­ni­le sia­mo nel pie­no di un ri­cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le quin­di ci vuo­le più tem­po ma ve­do tan­to ta­len­to per fa­re bene».

An­to­nel­la Del Co­re, 36 an­ni, ha gio­ca­to l’ul­ti­ma par­ti­ta all’Olim­pia­de di Rio de Ja­nei­ro e Car­lo Ma­gri, 76

Na­dia Ba­la, An­to­nel­la Del Co­re, Car­lo Ma­gri, Jack Sin­ti­ni e Pao­lo Ni­co­lai

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.