Cop­pa Ita­lia Mi­la­no in se­mi­fi­na­le all’ul­ti­mo re­spi­ro

Goggia sei gi­gan­te: al­la 4a ga­ra sfa­ta il ta­bù az­zur­ro 1Rot­to un di­giu­no mon­dia­le di 1462 gior­ni: bef­fa­ta la Bri­gno­ne, che re­sta giù dal po­dio per 18/100 Oro al­la fa­vo­ri­tis­si­ma Wor­ley, ar­gen­to Shif­frin

La Gazzetta dello Sport - - Da Prima Pagina - Ma­ri­sa Po­li IN­VIA­TA A ST. MO­RI­TZ (SVI)

Fi­nal­men­te me­da­glia, fi­nal­men­te Goggia. Nel­la ga­ra in cui si aspet­ta­va di me­no, il gi­gan­te. Nel­la spe­cia­li­tà in cui le az­zur­re han­no bril­la­to di più in sta­gio­ne. Nel gior­no in cui la fa­vo­ri­ta, Tes­sa Wor­ley, si è pre­sa di nuo­vo il mon­do do­po l’oro 2013. È un bron­zo di grin­ta e di cuo­re, più an­co­ra che di tec­ni­ca, per­ché So­fia non è sa­li­ta sul po­dio con la ga­ra per­fet­ta. Ma è il gior­no in cui i con­ti tor­na­no, do­po il do­lo­re per quei 7/100 che l’han­no te­nu­ta giù dal po­dio del­la di­sce­sa che vo­le­va co­sì tan­to, con un su­pe­rG da di­men­ti­ca­re, con un’in­for­ca­ta nel­lo sla­lom del­la com­bi­na­ta. «E non c’è con­fron­to con i no­ve po­di di cop­pa del Mon­do — è rag­gian­te So­fia, che que­st’an­no nel­la di­sci­pli­na ave­va por­ta­to a ca­sa due se­con­di, un ter­zo e un 5° po­sto —, una me­da­glia re­sta per sem­pre».

DI­GIU­NO Nel gi­gan­te in cui l’Ita­lia si è pre­sen­ta­ta con la squa­dra più for­te dei Mon­dia­li, con quat­tro atle­te già sa­li­te sul po­dio in sta­gio­ne e can­di­da­te a ri­far­lo ai Mon­dia­li, il ta­bù è fi­nal­men­te sfa­ta­to. La quart’ul­ti­ma ga­ra di St. Mo­ri­tz rom­pe il di­giu­no de­gli az­zur­ri, a sec­co dal bron­zo in gi­gan­te di Man­fred Moelgg a Schlad­ming 2013. Un di­giu­no di 1462 gior­ni che si sta­va tra­sfor­man­do in una ma­le­di­zio­ne, an­co­ra di più in que­sta edi­zio­ne dei Mon­dia­li a cui l’Ita­lia si è pre­sen­ta­ta co­me la na­zio­ne vi­sta più spes­so sul po­dio in cop­pa del Mon­do (3 vit­to­rie, 9 se­con­di e 14 ter­zi po­sti).

BRON­ZO Fi­nal­men­te Goggia. So­fia ha ti­ra­to fuo­ri la ga­ra mi­glio­re all’ul­ti­ma oc­ca­sio­ne, ha can­cel­la­to le de­lu­sio­ni col­le­zio­na­te in su­pe­rG, di­sce­sa e com­bi­na­ta. Non ha smes­so di pro­var­ci, con quel ca­rat­te­re e per­so­na­li­tà che in po­co tem­po l’han­no proiettata tra le mi­glio­ri del­la cop­pa, da ze­ro a no­ve po­di in due me­si. Nel­la pri­ma man­che è riu­sci­ta a sta­re vi­ci­no al­la Wor­ley, stac­ca­ta di 48/100 no­no­stan­te un er­ro­re in al­to. Nel­la se­con­da si è di­fe­sa, no­no­stan­te un bri­vi­do, ed ha chiu­sa ter­za, a 74/100 dall’oro e a 40 dall’ar­gen­to. Con 18/ 100 di van­tag­gio sul­la com­pa­gna di squa­dra Fe­de­ri­ca Bri­gno­ne, quar­ta con il rim­pian­to di una pri­ma man­che sot­to i suoi stan­dard.

LA GA­RA Ci so­no sta­ti col­pi di sce­na co­me l’usci­ta del­la Re­ben­sburg, una del­le fa­vo­ri­te. Ci so­no sta­te le sor­pre­se del­la sviz­ze­ra Wild e di po­chi al­tri in­se­ri­men­ti tra le mi­glio­ri, del­la Vei­th cam­pio­nes­sa del mon­do in ca­ri­ca ir­ri­co­no­sci­bi­le su que­sta pi­sta sen­za trap­po­le ma dal­la ne­ve dif­fi­ci­le da af­fron­ta­re. «È sta­ta una pri­ma man­che stra­na — spie­ga Mau­ro Pi­ni, ex tec­ni­co di Gut, Ma­ze e Sviz­ze­ra —, c’era­no po­che trap­po­le e in tan­te non han­no ca­pi­to co­me af­fron­tar­la». Il fi­na­le è quel­lo più at­te­so, l’oro è del­la fran­ce­se Tes­sa Wor­ley che in set­te gi­gan­ti è sta­ta tre vol­te pri­ma, tre vol­te se­con­da e una se­sta. «La Wor­ley è la mi­glio­re gi­gan­ti­sta del mon­do, per sti­le e con­ti­nui­tà di ri­sul­ta­ti. Ha vin­to l’oro per­ché lo me­ri­ta — ri­co­no­sce la Goggia —. So­no or­go­glio­sa di es­se­re sul po­dio con lei e con un’al­tra cam­pio­nes­sa co­me la Shif­frin».

SQUA­DRA L’Ita­lia del gi­gan­te bril­la con tre atle­te nel­le pri­me sei, quat­tro nel­le 11. Die­tro a So­fia Goggia c’è Fe­de­ri­ca Bri­gno­ne, che avreb­be me­ri­ta­to per quel­lo che ha mo­stra­to nel­la se­con­da man­che. So­lo la Shif­frin ha fat­to me­glio di Fe­de nel­la di­sce­sa de­ci­si­va, non è ba­sta­to a col­ma­re il gap di 1”10 ac­cu­mu­la­to nel­la pri­ma di­sce­sa. Poi una mo­nu­men­ta­le Ma­nue­la Moelgg se­sta. «La Ma­nu è sta­ta gran­dis­si­ma — ap­plau­de la Bri­gno­ne —. Nes­su­na è for­te co­me lei. Non rie­sce a cam­mi­na­re, quan­do è ar­ri­va­ta al tra­guar­do era pri­ma. Di te­sta è for­tis­si­ma, spe­ro di im­pa­ra­re tan­to da lei». Al­la fi­ne a man­ca­re all’ap­pel­lo è so­lo Mar­ta Bas­si­no, 11° in una ga­ra in cui non le è riu­sci­to di scia­re co­me sa. «Po­te­va­mo an­che far­ne due di me-

L’Ita­lia si con­fer­ma una po­ten­za: se­sta Moelgg con ot­ti­ma se­con­da man­che De­lu­de Bas­si­no: 11a Il tec­ni­co Rul­fi: «Da Goggia ci si può aspet­ta­re di tut­to»

So­fia Goggia, 24 an­ni, è di Ber­ga­mo: a que­sti Mon­dia­li era sta­ta 10a in di­sce­sa, 4a in su­pe­rG ed era usci­ta nel­lo sla­lom del­la com­bi­na­ta

AVE­VO MA­LE DO­PO LA PRI­MA MAN­CHE MA LOT­TA­RE È IL MIO FOR­TE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.