«PUNGOLAVO AL­LE­GRI PER­CHÉ SA­PE­VO CHE PO­TE­VA FA­RE DI PIÙ. PRI­MA ERA TROP­PO PRU­DEN­TE, ADES­SO AG­GRE­DI­SCE E CER­CA IL GIO­CO»

La Gazzetta dello Sport - - Champions Leauge -

an­che se non è an­co­ra un top club. Pe­rò De Lau­ren­tiis de­ve es­se­re più ge­ne­ro­so e più pru­den­te in cer­te di­chia­ra­zio­ni».

Le è mai ca­pi­ta­to che un suo pre­si­den­te, ad esem­pio Ber­lu­sco­ni, en­tras­se in cam­po con tan­ta vee­men­za?

«So­no sem­pre sta­to for­tu­na­to, da que­sto pun­to di vi­sta. Quan­do al­le­na­vo il Bel­la­ria, in Se­rie D, do­po sei par­ti­te ave­vo fat­to un so­lo pun­to. Mi di­mi­si per­ché non ve­de­vo al­tra via d’usci­ta. Il pre­si­den­te mi dis­se: “Per­ché se ne vuo­le an­da­re? Sta la­vo­ran­do be­ne, con­ti­nui”. La fi­du­cia è fon­da­men­ta­le per ren­de­re al mas­si­mo. Ma pen­so che De Lau­ren­tiis ab­bia fi­du­cia in Sar­ri».

Che co­sa ha det­to la sfi­da del Ber­na­beu?

«Che il Real ha fat­to un pres­sing fu­rio­so e non ha con­sen­ti­to al Na­po­li di espri­mer­si co­me al so­li­to. La qua­li­tà tec­ni­ca de­gli spa­gno­li è su­pe­rio­re, si sa, ma quan­do ve­di gen­te co­me Mo­dric e Kroos cor­re­re e lot­ta­re si­gni­fi­ca che die­tro c’è un la­vo­ro di squa­dra. Il Na­po­li, for­se, si è la­scia­to in­ti­mi­di­re dal Real, pe­rò non è mi­ca fa­ci­le can­ta­re al­la Sca­la... Tre­ma­no le gam­be, è com­pren­si­bi­le».

Al San Pao­lo si può fa­re l’im­pre­sa?

«Cre­do di sì. Se i ra­gaz­zi di Sar­ri riu­sci­ran­no a co­strin­ge­re il Real sul­la di­fen­si­va, al­lo­ra po­trem­mo di­ver­tir­ci. L’im­por­tan­te è che, in fa­se of­fen­si­va, il Na­po­li si muo­va mol­to, an­che sen­za pal­la, con fre­quen­ti ta­gli e cam­bia­men­ti di po­si­zio­ne. Sto no­tan­do una co­sa: in Eu­ro­pa la di­fe­sa è sol­tan­to pres­sing, e se si sal­ta la pri­ma li­nea si apro­no pra­te­rie im­men­se. Bi­so­gna sfrut­ta­re que­sta de­bo­lez­za al­trui».

Lei ve­de la Ju­ve fa­vo­ri­ta as­sie­me al Real. Per­ché?

«Ha una so­cie­tà for­te con idee chia­re. Ha un al­le­na­to­re ca­pa­ce, in­tel­li­gen­te e con­cre­to, e gio­ca­to­ri che in­ter­pre­ta­no be­ne lo spar­ti­to».

Ma lei, spes­so, ha cri­ti­ca­to Al­le­gri.

« Verissimo, l’ho pun­go­la­to per­ché sa­pe­vo che po­te­va da­re di più. Pri­ma era po­co ge­ne­ro­so in ter­mi­ni di spet­ta­co­lo, trop­po pru­den­te. Fa­ce­va il mi­ni­mo in­di­spen­sa­bi­le, un gol e poi si chiu­de­va. Ades­so ri­cer­ca il gio­co, ag­gre­di­sce. E poi ci so­no co­se che fan­no ca­pi­re che il sal­to di qua­li­tà è sta­to fat­to».

Ad esem­pio?

«Pren­dia­mo Higuain. Lo se­guo da die­ci an­ni, pos­so so­ste­ne­re di co­no­scer­lo ab­ba­stan­za be­ne. Cen­tra­van­ti ec­ce­zio­na­le, pe­rò non è mai sta­to un lea­der, un uo­mo- squa­dra. Al­la Ju­ve, in­ve­ce, gra­zie an­che al la­vo­ro che ha svol­to con Al­le­gri e ai con­si­gli dei di­ri­gen­ti, è di­ven­ta­to un uo­mo­squa­dra, un pun­to di ri­fe­ri­men­to per i com­pa­gni. Con Man­d­zu­kic, che non ha le stes­se qua­li­tà tec­ni­che ma è do­ta­to di una for­za in­cre­di­bi­le, s’in­ten­de a me­ra­vi­glia. Ri­pe­to: que­sta Ju­ve ha le car­te in re­go­la per ar­ri­va­re fi­no in fon­do».

Non dà al­cu­na pos­si­bi­li­tà al Bayern del suo al­lie­vo An­ce­lot­ti?

«Ho par­la­to mol­to con Car­let­to, ul­ti­ma­men­te. E gli ho det­to che que­sta è una sta­gio­ne stra­na, può dav­ve­ro suc­ce­de­re di tut­to. Quan­do ca­de un re, si li­be­ra un po­sto... Lui, pe­rò, è in una si­tua­zio­ne dif­fi­ci­lis­si­ma».

Beh, ha ap­pe­na ri­fi­la­to cin­que gol all’Ar­se­nal, mi­ca all’ul­ti­ma ar­ri­va­ta...

«D’ac­cor­do, ma non guar­dia­mo sol­tan­to il ri­sul­ta­to al­tri­men­ti il giu­di­zio è trop­po li­mi­ta­to. Il Bayern è una squa­dra che non ha mo­ti­va­zio­ni fe­ro­ci, per que­sta ra­gio­ne non lo met­to al li­vel­lo del­la Ju­ve e del Real. Nel­la Ju­ve, ad esem­pio, ci so­no gio­ca­to­ri che san­no di es­se­re all’ul­ti­ma pos­si­bi­li­tà del­la car­rie­ra e da­ran­no l’ani­ma per ar­ri­va­re al tra­guar­do. Quel­li del Bayern, in­ve­ce, mi sem­bra ab­bia­no mo­ti­va­zio­ni nor­ma­li. Pe­rò

c’è Car­let­to...».

Che co­sa si­gni­fi­ca: che l’al­le­na­to­re è un va­lo­re ag­giun­to?

«Di tut­ti i tec­ni­ci che co­no­sco, e vi as­si­cu­ro che ne co­no­sco pa­rec­chi, lui è l’uni­co a po­ter far scoc­ca­re la scin­til­la nel grup­po. Ha un mo­do di fa­re, di agi­re e di par­la­re che coin­vol­ge, con­vin­ce, rie­sce a far da­re ai suoi ra­gaz­zi an­che quel­lo che non han­no... E’ dav­ve­ro un fe­no­me­no. Le par­ti­te del Bayern, in que­sta sta­gio­ne, le ho vi­ste tut­te e pri­ma di que­sta sfi­da con­tro l’Ar­se­nal non ero per nul­la se­re­no. Poi ci sia­mo sentiti al te­le­fo­no e lui, che do­ve­va an­da­re in pan­chi­na e quin­di si può pen­sa­re che fos­se te­so e ner­vo­so, ha tran­quil­liz­za­to me che do­ve­vo se­der­mi in pol­tro­na e guar­da­re la par­ti­ta in tv. E’ un gi­gan­te».

Bar­cel­lo­na crol­la­to, Psg in cre­sci­ta, Bayern co­sì co­sì, Real e Ju­ve fa­vo­ri­te. E le al­tre? Il Ci­ty di Guar­dio­la, ad esem­pio?

«Ha fat­to be­nis­si­mo in av­vio di sta­gio­ne, poi ha avu­to un ca­lo. Ma la squa­dra è mol­to gio­va­ne e quan­do ci so­no i gio­va­ni è fa­ci­le an­da­re in­con­tro a pe­rio­di al­ta­le­nan­ti. Si esal­ta­no e si de­pri­mo­no fa­cil­men­te. Guar­dio­la sta se­mi­nan­do, pe­rò la Ju­ve è su­pe­rio­re co­me tas­so tec­ni­co e co­me espe­rien­za in­ter­na­zio­na­le».

E se al­la fi­ne sal­tas­se fuo­ri an­co­ra l’Atle­ti­co Ma­drid di Si­meo­ne?

«Non ci sa­reb­be da stu­pir­si. Squa­dra so­li­da, qua­dra­ta, ot­ti­ma in fa­se di­fen­si­va, me­no bril­lan­te quan­do ha il pal­lo­ne tra i pie­di. Pe­rò è dif­fi­ci­le da af­fron­ta­re. Co­me osti­co può ri­sul­ta­re il Por­to che la set­ti­ma­na pros­si­ma at­ten­de la Ju­ve. Mi­ca sem­pli­ce, la sfi­da per i bian­co­ne­ri. La co­sa fon­da­men­ta­le è che met­ta­no da par­te la prudenza, pur man­te­nen­do l’equi­li­brio tat­ti­co, e che gio­chi­no per il gu­sto di gio­ca­re e di di­ver­tir­si. La prudenza, al­la lun­ga, è un se­gna­le di pes­si­mi­smo, e quan­do sei pes­si­mi­sta non rie­sci a espri­mer­ti al mas­si­mo, non sei pro­po­si­ti­vo, fan­ta­sio­so, im­pre­ve­di­bi­le. La Ju­ve, in­ve­ce, de­ve es­se­re al­le­gra, de­ve aver vo­glia di ag­gre­di­re e di es­se­re pa­dro­na del cam­po».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.