Il blin­da­to Ju­ve do­mi­na l’Eu­ro­pa Nel 2017 nes­su­no di­fen­de me­glio

So­lo 2 re­ti pre­se in 7 ga­re nel nuo­vo an­no: è il top nei 5 gran­di cam­pio­na­ti. Bo­nuc­ci og­gi col Pa­ler­mo fa 300 ga­re in bian­co­ne­ro

La Gazzetta dello Sport - - Tra Serie A E Champions League - Mat­teo Dal­la Vi­te IN­VIA­TO A VINOVO (TO­RI­NO)

74 I ti­ri su­bi­ti dal­la Ju­ven­tus nel 2017, di cui ben 20 nel­lo spec­chio del­la por­ta (una me­dia di 2,86 a par­ti­ta): fra le pri­me 12 squa­dre nel­la clas­si­fi­ca dei gol pre­si nel 2017, è quel­la che ha con­ces­so più con­clu­sio­ni

10

I tro­fei vin­ti in 299 pre­sen­ze in bian­co­ne­ro da Leo­nar­do Bo­nuc­ci, ac­qui­sta­to dai di­ri­gen­ti del­la Ju­ve dal Ba­ri nel 2010 per 15 mi­lio­ni di eu­ro: cin­que scu­det­ti, tre Su­per­cop­pe d’Ita­lia e due Cop­pa Ita­lia.

Eu­ro­blin­da­ti è il ti­to­lo. E lo svol­gi­men­to del te­ma – sem­pre in pro­gress – è che nes­sun’al­tra squa­dra in Eu­ro­pa ha fat­to me­glio nel 2017, o al­me­no nei cin­que mi­glio­ri cam­pio­na­ti: sei par­ti­te (su 7) con la por­ta lin­da, il co­sid­det­to «clean shee­ts » , chiu­su­ra a dop­pia man­da­ta. Ed è ov­vio che Nestorovski ine­vi­ta­bil­men­te pro­ve­rà a ra­gio­na­re sull’in­ver­sio­ne di ten­den­za.

IL CAMBIO CAM­BIA

Chia­ro che i gol su­bi­ti tar­ga­ti 2017 ci sia­no sta­ti, 2, nel­la not­te di Fi­ren­ze che è poi sta­ta ca­ta­com­ba de­fi­ni­ti­va di quel 3-5-2 che tan­to ha da­to e che di più non riu­sci­va a da­re. «Il nuo­vo mo­du­lo ci ha da­to più ario­si­tà», ha det­to Al­le­gri. E an­che più co­per­tu­ra, se fat­to con sa­cri­fi­cio e rien­tri, quel­li che Max ha chie­sto a Pja­ca. Per­ché il fat­to che col Fab-5 (il 4-2-3-1, pro­va­to an­che ie­ri a Vinovo pu­re in vi­sta-Cham­pions) la Ju­ven­tus ab­bia pre­so ze­ro gol in cam­pio­na­to (in Cop­pa Ita­lia l’ha per­fo­ra­ta so­lo Bac­ca, con­tro l’Ata­lan­ta c’era an­co­ra il dop­pio tre­quar­ti­sta), si­gni­fi­ca che tut­to sa di stra­da giu­sta. La clas­si­fi­ca 2017 che met­te la Ju­ve so­pra tut­te ve­de, dal se­con­do po­sto in poi, lo Uni­ted di Mou (2 gol pre­si ma in 6 ga­re), poi lo Schal­ke 04 (2 in 4 ga­re) e a se­gui­re il Be­tis, il Bo­rus­sia Mon­chen­glad­ba­ch, il Bar­cel­lo­na e via via Bayern, Psg e In­ter.

NON PO­CHI TI­RI

La co­sa cu­rio­sa, sem­mai, è che fra le pri­me 12 squa­dre di que­sta spe­cia­le clas­si­fi­ca la Ju­ven­tus è quel­la che ha su­bì­to più con­clu­sio­ni ver­so la por­ta: 74 (20 nel­lo spec­chio). Si­gni­fi­ca che il pe­ri­co­lo in­com­be ma che in qual­che mo­do vie­ne sven­ta­to. L’an­no 2017 era co­min­cia­to con la ga­ra con­tro il Bo­lo­gna dell’8 gen­na­io: 3-0 e mo­du­lo col dop­pio tre­quar­ti­sta; poi ec­co il crol­lo con­tro la Fio­ren­ti­na e la suc­ces­si­va svol­ta col mo­du­lo 5-stel­le, va­ra­to con­tro la La­zio (2-0) e ri­mes­so con­tro Sas­suo­lo (2-0), In­ter (1-0), Cro­to­ne (2-0) e Ca­glia­ri (2-0).

LEO 300

In tut­to que­sto c’è un pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­to che non è mai man­ca­to col nuo­vo mo­du­lo: Leo­nar­do Bo­nuc­ci, gio­ca­to­re or­mai sti­ma­tis­si­mo tra­sver­sal­men­te da tut­ta l’Ita­lia, la co­lon­na che og­gi fa­rà la par­ti­ta nu­me­ro 300 con la ma­glia del­la Ju­ven­tus, ro­ba che è ap­par­te­nu­ta ai più gran­di e – nell’at­tua­li­tà bian­co­ne­ra – a Buf­fon, Chiel­li­ni e Mar­chi­sio. «Un tra­guar­do im­por­tan­te per un gio­ca­to­re che è cre­sciu­to mol­to da quan­do è ar­ri­va­to al­la Ju­ven­tus, sia sul pia­no tec­ni­co, che sul pia­no del­la per­so­na­li­tà – lo elo­gia Max Al­le­gri –. E ora è di­ven­ta­to un pi­la­stro den­tro e fuo­ri dal cam­po, an­che se an­co­ra ha mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to». In que­ste 299 ga­re – l’esor­dio fu il 29 lu­glio 2010 in Sham­rock-Ju­ve 0-2 – Bo­nuc­ci ha vin­to 10 tro­fei, ov­ve­ro cin­que scu­det­ti, 3 Su­per­cop­pe d’Ita­lia e 2 Cop­pa Ita­lia. La Ju­ve lo pa­gò 15 mi­lio­ni al Ba­ri: in­ve­sti­men­to­ne riu­sci­to.

SCEL­TA DI CUO­RE

Per­ché poi a Bo­nuc­ci (og­gi dif­fi­da­to) so­no ar­ri­va­te si­re­ne non in­dif­fe­ren­ti: suc­ces­se dal­la Rus­sia in pas­sa­to ma pu­re da Guar­dio­la l’esta­te scor­sa. «E’ sta­ta du­ra – dis­se al Gran Galà AIC quan­do ven­ne pro­cla­ma­to mi­glior di­fen­so­re del­la scor­sa an­na­ta – ma al­la fi- ne ho scel­to col cuo­re». Il Ci­ty era ar­ri­va­to a of­frir­gli qua­si 8 mi­lio­ni all’an­no con l’idea di pa­gar­ne 45 al­la Ju­ve. Che, a di­cem­bre, ha prov­ve­du­to ad al­lun­gar­gli il con­trat­to fi­no al 2021 con ade­gua­men­to. Bo­nuc­ci og­gi sa­rà l’uni­co re­du­ce del­la BBC per­ché Chiel­li­ni e Bar­za­gli so­no in so­sta coat­ta e «so­lo fra og­gi e do­me­ni­ca – di­ce Al­le­gri – si sa­prà se po­tran­no par­te­ci­pa­re al­la ga­ra di Opor­to». Nel frat­tem­po, è pos­si­bi­le che si ri­ve­da Be­na­tia (ul­ti­ma ga­ra il 27 no­vem­bre a Ge­no­va) e non c’è dub­bio che sia no­te­vol­men­te cre­sciu­to Ru­ga­ni: il fu­tu­ro sa­rà lui, con Cal­da­ra. Il fu­tu­ro, per­ché la BBC ha an­co­ra qual­co­sa da vo­ler di­re.

CANONEIRO

L’ab­brac­cio di Leo­nar­do Bo­nuc­ci, 29, e Gian­lui­gi Buf­fon, 39

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.