Ber­nar­de­schi, un gol al­la Mes­si Bli­tz Fio­ren­ti­na, ot­ta­vi più vi­ci­ni

1Fe­de­ri­co, com­plean­no con per­la Ab­bat­tu­to il Bo­rus­sia, co­rag­gio­so ma leg­ge­ro: il ri­tor­no è in di­sce­sa

La Gazzetta dello Sport - - Europa League - An­drea Ele­fan­te IN­VIA­TO A MÖN­CHEN­GLAD­BA­CH (GER)

Più che ri­ce­ve­re un re­ga­lo di com­plean­no (23 ie­ri), l’ha fat­to lui al­la Fio­ren­ti­na. E a Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi il pac­co non l’han­no nean­che por­ta­to. Se l’è scar­ta­to da so­lo, pren­den­do­si con un drib­bling di tac­co una pu­ni­zio­ne poi re­ca­pi­ta­ta all’in­cro­cio so­pra la te­sta di Som­mer con sin­te­si per­fet­ta: co­rag­gio, po­ten­za, pre­ci­sio­ne. Il suo 6° gol da fuo­ri area in que­sta sta­gio­ne, e per ca­pir­si so­lo Mes­si (9) ha fat­to me­glio nei 5 top cam­pio­na­ti eu­ro­pei in tut­te le com­pe­ti­zio­ni.

IN­CU­BO PRIMO TEM­PO Un re­ga­lo per la Fio­ren­ti­na: que­sta è una vit­to­ria pe­san­tis­si­ma, a pat­to di sa­per­la ge­sti­re be­ne fra una set­ti­ma­na. Un re­ga­lo per se stes­so no­no­stan­te Sou­sa, do­po aver­lo mes­so al­le spal­le di Ka­li­nic, l’ab­bia tol­to dal cam­po già do­po un’ora: so­sti­tu­zio­ne te­ra­peu­ti­ca, a pat­to di non di­men­ti­ca­re che ora Ber­na, al di là dei gol che se­gna, è un cen­tro di gra­vi­tà im­por­tan­te di que­sta squa­dra. Per­ché le of­fre strap­pi e ini­zia­ti­ve che la scuo­to­no se in­du­gia in cer­ti suoi tran tran, non so­lo pal­lo­ni per­si. Ie­ri l’uni­co ba­glio­re di lu­ce in 45’ di pas­si­vi­tà pro­lun­ga­ta, ri­me­dia­ti con una ri­pre­sa un po’ più equi­li­bra­ta e co­rag­gio­sa, di si­cu­ro me­no sof­fer­ta, pur per­du­ran­do una so­stan­zia­le la­ti­tan­za of­fen­si­va. A fron­te dei buo­ni se­gna­li di­fen­si­vi – se­con­da ga­ra di fi­la sen­za gol pre­si – va let­to an­che un da­to elo­quen­te: la Vio­la ha toc­ca­to so­lo cin­que pal­lo­ni nell’area av­ver­sa­ria. Ed è un nu­me­ro che chia­ma in cau­sa tan­to più le re­spon­sa­bi­li­tà del Bo­rus­sia. Al qua­le do­po ap­pe­na 16’ è man­ca­to un ri­go­re chia­ro per fal­lo di Ma­xi Oli­ve­ra su Her­mann – e chis­sà che par­ti­ta ne sa­reb­be na­ta – ma an­che pra­ti­ci­tà e con­cre­tez­za per evi­ta­re il ri­mor­so di un pre­do­mi­nio fi­ne a se stes­so. Pu­re nell’as­se­dio fi­na­le, an­zi, è sta­to so­prat­tut­to al dun­que che il Bo­rus­sia si è rin­ne­ga­to. E ha di­giu­na­to per la pri­ma vol­ta do­po 22 par­ti­te ca­sa­lin­ghe in Eu­ro­pa.

LE CHAN­CE BO­RUS­SIA Ep­pu­re, al di là del ri­go­re, nel primo tem­po ave­va avu­to al­me­no quat­tro chan­ce: con Herr­mann (bra­vo Ta­ta­ru­sa­nu), due vol­te Stindl e John­son (pa­lo). Il frut­to del 4- 4- 2 più mo­bi­le che stret­to scel­to da Hec­king, che pro­po­ne con­flit­to a tut­ti i li­vel­li – atle­ti­co, tat­ti­co, di qua­li­tà – e sen­za Raf­fael più che as­set­to tat­ti­co ha cam­bia­to fi­lo­so­fia di gio­co. Com­pat­tez­za sen­za ri­nun­ce, Bo­rus­sia più «leg­ge­ro» nel sen­so di ra­pi­do e mu­tan­te, tour­bil­lon of­fen­si­vo di non fa­ci­le let­tu­ra: apre squar­ci dai la­ti con Herr­mann e John­son (mol­to aiu­ta­to da Wendt), che a tur­no si but­ta­no in mez­zo quan­do Ha­zard si al­lar­ga e Stindl si ab­bas­sa. Il 4-4-1-1 del­la Fio­ren­ti­na, con Bo­r­ja Va­le­ro uo­mo più vi­ci­no a Ka­li­nic, più che uno spec­chiar­si si è ri­ve­la­to un rifugiarsi suo mal­gra­do. So­prat­tut-

to nell’in­ca­pa­ci­tà del Bo­rus­sia di an­da­re fi­no in fon­do ai suoi pro­get­ti di pe­ri­co­lo­si­tà. Leg­ge­ro an­che in que­sto, tan­to più quan­do nel­la ri­pre­sa è ar­ri­va­to il mo­men­to di me­di­ca­re la fe­ri­ta fat­ta da Ber­nar­de­schi. E lì è sta­ta bra­va la Fio­ren­ti­na a gua­da­gna­re un po’ di cam­po e un po’ di pos­ses­so: sen­za cam­bia­re si­ste­ma (sem­mai so­li­di­fi­can­do­lo con To­mo­vic per Tel­lo) e ri­bat­ten­do col­po su col­po ai ten­ta­ti­vi di Hec­king, che ha pro­va­to a inau­gu­ra­re un 4-3-3 fles­si­bi­le (3-4-3 quan­do John­son sca­val­la­va da die­tro, 4-4-2 quan­do Ha­zard ri­pie­ga­va a si­ni­stra) ag­giun­gen­do pri­ma i cen­ti­me­tri di Dr­mic, il cen­tra­van­ti che non c’era, e poi il pe­so di Hahn. Ma la Vio­la non ha mai tre­ma­to dav­ve­ro.

1 La fe­sta dei gio­ca­to­ri vio­la do­po il gol de­ci­si­vo di Ber­nar­de­schi EPA 2 Un’usci­ta di Ta­ta­ru­sa­nu a ri­sol­ve­re una si­tua­zio­ne pe­ri­co­lo­sa AFP

1 2

EPA

La pu­ni­zio­ne di Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi, 23 an­ni com­piu­ti ie­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.