Che ci­clo­ne Viña­les Co­sì ro­vi­na il com­plean­no di Va­len­ti­no

1Ma­ve­rick an­co­ra ve­lo­cis­si­mo nel gior­no in cui Ros­si fa 38 an­ni. Il Dot­to­re non lo ci­ta per no­me e lo spa­gno­lo ve­de so­lo Mar­quez

La Gazzetta dello Sport - - Motomondiale - Pao­lo Goz­zi PHIL­LIP ISLAND (AU­STRA­LIA)

44 I gi­ri (su un to­ta­le di 107!) com­piu­ti da Mar­quez ie­ri sot­to il mu­ro dell’1’30”. Nes­su­no co­me lui

Può Ma­ve­rick Viña­les, il più gio­va­ne e me­no ti­to­la­to tra gli as­si del­la Mo­toGP, ab­bat­te­re in un col­po so­lo i gi­gan­ti Va­len­ti­no Ros­si e Marc Mar­quez? Pos­si­bi­le, a giu­di­ca­re da co­me stan­no an­dan­do i te­st in­ver­na­li.

SEM­PRE PRIMO Da quan­do è sa­li­to sul­la Ya­ma­ha, a so­li 21 an­ni, lo spa­gno­lo è ogni vol­ta più con­vin­cen­te. Mi­glior tem­po al de­but­to a Va­len­cia, di nuo­vo da­van­ti a tut­ti in Ma­le­sia e an­co­ra ie­ri in Au­stra­lia, con un sen­sa­zio­na­le 1’28”847 la mi­glior pre­sta­zio­ne (e non di po­co) di que­sta nuo­va era Mo­toGP se­gna­ta dall’elet­tro­ni­ca ugua­le per tut­ti e dal­la mo­no­gom­ma Mi­che­lin.

PE­RI­CO­LO La fu­ga di Jor­ge Lo­ren­zo in Du­ca­ti sem­bra­va aver tol­to un pe­so a Ros­si. La pro­spet­ti­va era ave­re fi­nal­men­te cam­po li­be­ro in Ya­ma­ha, con un com­pa­gno po­co esper­to da te­ne­re sot­to l’ala sen­za pe­ri­co­li. An­che Mar­quez po­te­va spe­ra­re che i gio­chi di mer­ca­to gli avreb­be­ro spia­na­to la stra­da ver­so il se­sto Mon­dia­le. In­ve­ce sta emer­gen­do che il nuo­vo bi­no­mio Viña­les-Ya­ma­ha può scom­bi­na­re i pia­ni di en­tram­bi.

LUI Va­len­ti­no non ha mai sot­to­va­lu­ta­to il pe­ri­co­lo ma fi­no a po­co tem­po fa ne par­la­va sor­ri­den­do. «Ma­ve­rick? Sa­rà una bel­la be­ga». In Au­stra­lia il cli­ma è cam­bia­to. Il primo gior­no c’è sta­ta la pic­co­la scher­ma­glia per la scia che Ros­si ha sfrut­ta­to mez­zo gi­ro pri­ma che il gio­va­ne ex al­lie­vo man­gias­se la fo­glia. Con tan­to di ca­ne che fiu­ta il pe­ri­co­lo espo­sto sul­la la­va­gna dal mu­ret­to Ya­ma­ha la­to Viña­les. Ie­ri, do­po aver in­cas­sa­to 8 de­ci­mi dal­lo sfron­ta­to neo-com­pa­gno, Ros­si ha evi­ta­to con cu­ra di no­mi­nar­lo, usan­do un ge­ne­ri­co «lui». Pro­van­do a ri­di­men­sio­nar­ne il po­ten­zia­le. «Lui è ve­lo­ce con le gom­me nuo­ve, poi ca­la. Il ve­ro pe­ri­co­lo è Mar­quez, mol­to più ve­lo­ce sul pas­so ga­ra».

CAL­MA A chi gli chie­de­va se non si sen­tis­se un po’ sot­to pres­sio­ne, Va­len­ti­no, che ie­ri ha fe­steg­gia­to i 38 an­ni, ha ri­spo­sto con lo sguar­do fiam­meg­gian­te dei mo­men­ti di bat­ta­glia. «I te­st ser­vo­no per pre­pa­rar­si, so­no abi­tua­to ai com­pa­gni for­ti, an­che l’an­no scor­so c’era da sof­fri­re. Io la­vo­ro per far­mi tro­va­re pron­to per il Qa­tar». Do­ve, il 26 mar­zo, si apri­ran­no le osti­li­tà.

MA­TU­RO Che Viña­les sia più ve­lo­ce sul gi­ro è or­mai in­con­fu­ta­bi­le. Ma la ga­ra è un af­fa­re più com­pli­ca­to e sa­rà in­te­res­san­te ve­ri­fi­ca­re se le mi­glio­ri ar­mi di Va­len­ti­no, cioè espe­rien­za, abi­tu­di­ne al cor­po a cor­po e la giu­sta cat­ti­ve­ria ago- ni­sti­ca, ba­ste­ran­no a rie­qui­li­bra­re il con­fron­to. Il pro­ble­ma, in chia­ve ros­si­sta, è che Ma­ve­rick non è co­sì acer­bo. Ap­pe­na ar­ri­va­to se la sta già gio­can­do non so­lo di ta­len­to, ma an­che con stra­te­gia e ar­gu­zia. L’in­ten­to, da quan­do è sa­li­to sul­la M1, è sta­re da­van­ti ogni vol­ta, mar­tel­lan­do l’au­to­sti­ma del pi­lo­ta più vin­cen­te dell’era mo­der­na. Ie­ri ha fat­to mon­ta­re la gom­ma te­ne­ra nel­la tar­da mat­ti­na­ta, quan­do la pi­sta era più fre­sca e ve­lo­ce, con l’evi­den­te in­ten­to di tra­mor­ti­re tut­ti. Ros­si per primo. Fuo­ri dal ring Ma­ve­rick non è istrio­ni­co, tie­ne gli oc­chi bas­si, ma non par­la a van­ve­ra. « Io e Mar­quez gli sfi­dan­ti per il Mon­dia­le? Sa­reb­be bel­lis­si­mo». Co­me di­re: Ros­si chi?

CON­SA­PE­VO­LEZ­ZA In­tan­to in Ya­ma­ha, me­mo­ri del­le fri­zio­ni Ros­si-Lo­ren­zo, in­cro­cia­no le di­ta. «Sia­mo abi­tua­ti ad ave­re due pi­lo­ti for­ti nel box, sap­pia­mo co­sa fa­re e co­me re­go­lar­ci», mi­ni­miz­za il ca­po del­le cor­se Lin Jar­vis. Va­len­ti­no ha ra­gio­ne nel­la va­lu­ta­zio­ne del­le for­ze in cam­po. Con que­sta Hon­da che sta tro­van­do sta­bi­li­tà tec­ni­ca, Mar­quez in Au­stra­lia sta an­dan­do più ve­lo­ce di Viña­les con gom­me fi­ni­te. Ma la sfron­ta­tez­za del ter­zo in­co­mo­do po­treb­be ri­ve­lar­si un fat­to­re: tra Va­le e Marc lui è quel­lo che ha me­no da per­de­re. Ma non an­drà allo sba­ra­glio «per­ché la mia prio­ri­tà sa­rà non sba­glia­re nean­che una vol­ta». Chia­ro e sem­pli­ce. I due an­ni con la Su­zu­ki so­no sta­ti una buo­na scuo­la per la mi­na va­gan­te del­la Mo­toGP. Nel 2015 ha fat­to espe­rien­za sen­za af­fan­ni e l’an­no scor­so ha bat­tez­za­to la pri­ma vit­to­ria a Sil­ver­sto­ne con un bril­lan­tis­si­mo 4o in cam­pio­na­to die­tro Mar­quez, Ros­si e Lo­ren­zo. Con la Ya­ma­ha, la Mo­toGP più equi­li­bra­ta del lot­to, era scon­ta­to che il pic­co­lo Top Gun ar­ri­vas­se in rot­ta di col­li­sio­ne coi so­li­ti no­ti. Sa­rà una Mo­toGP su­per­so­ni­ca.

GET­TY IMA­GES

Ma­ve­rick Viña­les, 22 an­ni, sul­la Ya­ma­ha

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.