MI­LA­NO D’IN­VER­NO VA­LE UN’OLIMPIADE

La Gazzetta dello Sport - - Opinioni - NON SO­LO CAL­CIO di FAUSTO NARDUCCI email: fnar­duc­ci@rcs.it twit­ter: @Am­mapp1

Signori, in car­roz­za: dal bi­na­rio 5 il tre­no ad al­ta ve­lo­ci­tà per To­ri­no, dal bi­na­rio 7 il «su­per­so­ni­co» per Bor­mio. Il ri­lan­cio del­la can­di­da­tu­ra di Mi­la­no da par­te del sin­da­co Bep­pe Sa­la al­la ses­sio­ne del Cio di Li­ma di­se­gna sce­na­ri fu­tu­ri­sti­ci per l’Olimpiade In­ver­na­le 2026 in cui pro­prio i mez­zi di tra­spor­to — con le in­no­va­zio­ni pre­ve­di­bi­li da qui a 10 an­ni — po­treb­be­ro ave­re un ruo­lo de­ci­si­vo. Già, per­ché Mi­la­no può giu­sta­men­te ar­ro­gar­si il ti­to­lo di ca­pi­ta­le mo­ra­le ed eco­no­mi­ca d’Ita­lia, del­la mo­da e dell’edi­to­ria ma non cer­to quel­la de­gli sport in­ver­na­li. Ep­pu­re, pro­prio in vir­tù del­le nuo­ve re­go­le del Cio e di una vi­sio­ne più mo­der­na dei Gio­chi, la can­di­da­tu­ra non è pro­prio cam­pa­ta in aria. Il pri­mo fat­to­re fa­vo­re­vo­le vie­ne dal­la se­quen­za di se­di olim­pi­che che si ve­ri­fi­che­rà nel 2026: do­po due Olim­pia­di in­ver­na­li in Asia (Pyeon­gC­hang 2018 e Pe­chi­no 2022) e al­la vi­gi­lia di un’Olimpiade esti­va in Ame­ri­ca (Los An­ge­les 2028) è mol­to pro­ba­bi­le che la scel­ta ca­da sull’Eu­ro­pa. Po­che pos­si­bi­li­tà quin­di per Cal­ga­ry (Ca­na­da) con­tro Stoc­col­ma, Sion, Inn­sbruck e Mi­la­no. In Sve­zia e Au­stria si trat­te­reb­be di sfrut­ta­re im­pian­ti già esi­sten­ti ma l’ap­pog­gio del­la cit­ta­di­nan­za non è scon­ta­to: la ca­pi­ta­le sve­de­se sen­za so­ste­gno po­po­la­re ave­va già ri­schia­to di ri­nun­cia­re in apri­le ma non è te­nu­ta a fa­re il re­fe­ren­dum; il ca­po­luo­go ti­ro­le­se ter­rà la con­sul­ta­zio­ne il 15 ot­to­bre in coin­ci­den­za con le ele­zio­ni po­li­ti­che. Per la ses­sio­ne di ap­pro­va­zio­ne del no­vem­bre 2018 a Bue­nos Ai­res la can­di­da­ta più ac­cre­di­ta­ta sem­bra co­mun­que Sion (Sviz­ze­ra), all’en­ne­si­mo ten­ta­ti­vo.

Do­po il fug­gi-fug­gi de­gli ul­ti­mi appuntamenti è chia­ro che le aper­tu­re eco­no­mi­che del Cio han­no re­so le Olim­pia­di di nuo­vo ap­pe­ti­bi­li an­che sul pia­no eco­no­mi­co e giu­sta­men­te Sa­la vuo­le sfrut­ta­re l’ul­ti­ma co­da dell’ef­fet­to-Ex­po. Con­tan­do sul so­ste­gno po­li­ti­co e po­po­la­re (il se­con­do pro­ba­bi­le ma non scon­ta­to) del­la cit­tà, i Gio­chi del 2026 per­met­te­reb­be­ro di col­ma­re l’ul­ti­ma gran­de la­cu­na di Mi­la­no: la ca­ren­za di im­pian­ti spor­ti­vi. Ma è chia­ro che, par­ten­do da ze­ro, bi­so­gna chie­de­re aiu­to ai «vi­ci­ni» e qui en­tra­no in gio­co To­ri­no e la Val­tel­li­na. Co­me con­fer­ma nel­le pa­gi­ne in­ter­ne il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne, Ser­gio Chiam­pa­ri­no (in sin­to­nia an­che po­li­ti­ca con Sa­la) a vent’an­ni di di­stan­za dai Gio­chi 2006 il Pie­mon­te è di­spo­sto a met­te­re in cam­po tut­to quel­lo che ha: non so­lo gli im­pian­ti di slit­ti­no, bob e sal­to (ora ab­ban­do­na­ti) ma an­che le pi­ste da sci al­pi­no e di fon­do, se non ad­di­rit­tu­ra quel­li del ghiac­cio. Ma è chia­ro che il Cio non ab­boc­che­reb­be a una se­con­da can­di­da­tu­ra di To­ri­no tra­ve­sti­ta da Mi­la­no (sol­tan­to nel no­me) e quin­di ben ven­ga la pos­si­bi­li­tà di tra­sfe­rir­si in Val­tel­li­na per lo sci. Me­no di un’ora di tre­no ve­lo­ce per an­da­re a To­ri­no, me­no di due per rag­giun­ge­re Bor­mio: un’area olim­pi­ca rac­chiu­sa nel rag­gio di 200 chi­lo­me­tri ri­spon­de­reb­be al­le ri­chie­ste più ra­gio­ne­vo­li del­la nuo­va era olim­pi­ca. Ma co­sa ci met­te­reb­be Mi­la­no ol­tre al no­me? E’ chia­ro che, ol­tre al­la se­de ope­ra­ti­va e al Vil­lag­gio olim­pi­co prin­ci­pa­le pro­ba­bil­men­te nell’ex-area Ex­po, la se­de ti­to­la­re dei Gio­chi 2026 do­vreb­be ospi­ta­re al­me­no le va­rie di­sci­pli­ne del pat­ti­nag­gio, cur­ling e gli in­con­tri prin­ci­pa­li di hoc­key. Per que­sto do­vreb­be do­tar­si di un ve­ro Pa­laz­zo del ghiac­cio, a me­no che non si vo­glia uti­liz­za­re il Fo­rum che ospi­te­rà i Mon­dia­li di fi­gu­ra a mar­zo. Esclu­den­do un in­ve­sti­men­to su im­pian­ti che non han­no un riu­ti­liz­zo po­st-olim­pi­co, si pos­so­no ipo­tiz­za­re in cit­tà ga­re di sprint di fon­do e bia­thlon ma po­co di più. Il dos­sier e la can­di­da­tu­ra uf­fi­cia­li so­no an­co­ra di là da ve­ni­re ma sia­mo si­cu­ri che l’idea di una Gran­de Mi­la­no olim­pi­ca pia­ce­reb­be al nuo­vo Cio. E sa­reb­be vin­cen­te so­prat­tut­to se fra due an­ni si as­se­gnas­se­ro in tan­dem Gio­chi 2026 e 2030: ac­cop­pia­ta Mi­la­noCal­ga­ry co­me Pa­ri­gi-Los An­ge­les?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.